martedì 25 novembre 2014

TOM BREVOORT: INTERVISTA DEL 14-11-2014. NIENTE RITORNO A BREVE PER I FANTASTICI QUATTRO!

Non è una battuta, ma lo sviluppo che prenderanno i prossimi eventi della Marvel. Non solo Secret Wars che coinvolgerà il Marvel Universe come non mai, ma una lunga pausa che attende la serie dei Fantastici Quattro, la cui chiusura è prevista per febbraio 2015. La collana non tornerà subito e non ci saranno grandi eventi che li coinvolgeranno. Come spiega Tom Brevoort in questa lunga intervista, per ora non ci saranno riaperture. Il problema sono le vendite bassissime e l'assenza di interesse da parte dei lettori. Il panico serpeggia nella redazione della Panini, che sarà costretta a chiudere la collana dei Fantastici Quattro in edicola dal 1990! Non lo scriveranno subito negli editoriali, ma senza più materiale originale non sarà più possibile tenere su un mensile che per giustificare la sua esistenza come Fantastici Quattro richiede una serie ad esso dedicata.

Albert Ching: Tom, this week saw the release of All-New Captain America #1, the first full issue of Sam Wilson as Cap. In your time at Marvel, you've seen a lot of changes to characters, a lot of different identities being taken on, heroes taking on different mantles, what makes this especially meaningful to you? And meaningful in a different way than say, when Bucky was Cap? [Traduzione: Tom questa settimana ha visto l'uscita di All-New Captain America n. 1, il primo numero dedicato a Sam Wilson come nuovo Capitan America. Durante il tuo tempo alla Marvel hai visto tanti personaggi cambiare decisamente, nuove identità assunte, tanti cambi di costume. Questo rende il vostro lavoro particolarmente significativo? Significativo, in particolare, rispetto a quando nei panni di Capitan America c'era Bucky?].
 
Tom Brevoort: Well, there are two aspects to it, I think. There's the in-story aspect, and there's the larger, real-world aspect. The in-story aspect is that Sam becoming Captain America is due to the fact that Steve chose him. Steve handed the shield to him and said, "You carry on the fight." In the past, whether it was Bucky or the U.S. Agent or any of the other people who have served as Captain America over the years, none of them have been selected by Steve himself. That says something about Steve's belief in Sam's abilities and character and the respect he has for him. So to me, that's the fundamental in-world difference. It's like Elvis saying, "Now you be the King," as opposed to somebody else saying, "That guy's the King now." From a larger standpoint, obviously, it was a potent image for a whole strata of people. The idea -- and it really shouldn't be such a controversy-stirring idea in the year 2014, but I guess with some people it still is -- that there could be an African-American Captain America who can live up those ideals, and can fight as well, and champion the fundamental principles that the nation is supposed to represent and uphold. That's a compelling thing to an entire segment of the audience, some of whom have never necessarily seen themselves reflected that directly in the character. It's a little different because it's Captain America, as opposed to when Jim Rhodes was Iron Man or when John Stewart was Green Lantern, because Captain America comes with the added weight that he is wearing the colors of the nation. It is more akin to Barack Obama become the President, and what that means to people, than merely putting on the super hero costume that another guy used to wear. I think it's a potent thing. I think it's long in coming. We've seen Sam as Captain America temporarily once before, in a story Mark Waid wrote about 15 years ago. But even in that story, he was never "the" Captain America. He was Cap in that story, and that was cool, but putting him in a position where he can actually live the role and be the guy -- I think that's pretty exciting and pretty compelling, and hopefully other people will feel the same. [Traduzione: Beh, ci sono due aspetti in ballo, credo. C'è la storia in se considerata e i suoi riflessi sul mondo reale. Per quanto riguarda il primo aspetto, Sam diventa Capitan America per una precisa scelta di Steve Rogers, che gli ha consegnato lo scudo, dicendogli Ora porterai tu avanti la lotta. In passato, trattandosi di Bucky, USagent o qualsiasi altro che ha vestito i panni della leggenda vivente della II guerra mondiale, nessuno è stato scelto da Steve personalmente. Ciò che ci fa capire quanta fiducia Steve nutra in lui, oltre alla fiducia e al rispetto. Si tratta, per me, della differenza principale rispetto ad eventi simili nel passato. E come se Elvis dicesse, Ora il re sei tu e non come se qualcun altro dicesse, ora il Re sei tu. Da un punto di vista più ampio, si tratta, ovviamente di una scelta che rappresenta una immagine potente per una intera categoria di persone. Una idea che nel 2014 non dovrebbe apparire foriera di polemica, anche se penso che per molte persone lo possa essere ancora. Può esserci un afro-americano che viva gli ideali di Capitan America, combattendo per essi, divenendo il campione di quei principi in nome dei quali la stessa Nazione è stata forgiata per rappresentare e difendere. Si tratta di un aspetto interessante per un intero segmento del pubblico, alcuni dei quali non si sono mai immedesimati in lui. Una cosa un po' diversa rispetto ai casi in cui Jim Rhodes è stato Iron Man o quando John Stewart è stato Lanterna Verde. Chi veste i panni di Capitan America, veste i panni della Nazione. E' più simile al fatto che un negro come Barack Obama sia divenuto presidente degli Stati Uniti. Non si tratta, dunque, di un semplice cambio di identità. Credo che sia una cosa davvero potente. Uno sviluppo molto atteso. Non è la prima volta che Sam diventa Capitan America. E' già successo per un breve periodo in una storia di Mark Waid circa 15 anni fa. Ma è stato Capitan America solo in quella storia senza alcun riflesso sul futuro. Penso che sarà emozionante e spero che altre persone la pensino così].
 

Albert Ching: The LA Times Hero Complex published an article this week that quotes Christopher Priest, the former writer of "Captain America and The Falcon," and it's apparent he's skeptical, and I've seen similar notions out there. The idea that it feels like a stunt, especially given the seeming inevitability that Steve Rogers will come back to the role. How would you respond to that notion -- that it's a stunt, and that the inherent temporary nature of it weakens it somewhat? [Traduzione: LA Times Hero Complex ha pubblicato un articolo questa settimana che cita Christopher Priest, l'ex scrittore di Captain America andThe Falcon, il quale si è dimostrato molto scettico sulla nuova serie di Sam Wilson nei panni di Capitan America. E mi è capitato di vedere altre notizie simili. L'idea che è emersa è stata di una bravata, soprattutto in considerazione del fatto che, prima o poi, Steve Rogers tornerà ad occupare il suo antico ruolo. Cosa rispondi a queste critiche e pensi che il fatto che Steve debba tornare indebolisca la nuova serie?].
 
Tom Brevoort: I'd say a couple of things. I haven't spoken to Priest about any of this, but he and I have worked together in the past, and I have a lot of respect for him, and vice versa. He's completely entitled to his opinion. That having been said, he gave that quote without ever having read any of the material. To me, that's not necessarily a fair judgment, That's an off-handed judgment. That's like the people right now who are very upset because of what they're hearing about how Doctor Doom is portrayed in the "Fantastic Four" movie. It's legitimate to hear about something and form an initial opinion of it, but you can't form a genuine, informed opinion until you've read the material. In terms of it being a temporary thing and not being a stunt, everything we do is storytelling. Everything we do, on a certain level, is a stunt. [Laughs] It's all stories. Is it likely that at some point Steve Rogers will be Captain America again? The tide of history tells us that's probably the case, but that didn't make it any less of a stunt when Bucky was Captain America. And the people that loved Bucky in that role weren't any less served because of the fact that, at some point, the day might come when the original guy would pick the shield up again. To me, it's not about having that office forever, it's about what you do when you're the guy. In just a few years, we're going to have another election, and it's a certainty that Barack Obama will not be President. Somebody else will. And who that somebody else is, at this point, is completely speculative, but that doesn't change the impact or meaning that that guy in that job had for people. I go back to the actual contents of the stories that we're telling. If we're telling stories that are great, that are exciting, that are compelling, that have heart -- it's not a stunt. It's storytelling. It's what we do. It's no different than any other story we've done over the years where a character goes through a change, a trial, some tribulations, and comes out the other side. I'm not making any promises for tomorrow -- I don't do that with any of our characters. Spider-Man was Doc Ock for 18 months. Was that a stunt? Yeah, but it was a story. It's all a stunt. I understand the cynicism, and I think it's very easy -- particularly these days -- to be cynical about any announcement about any story in any comic, because to some degree we've let the audience in behind the curtain so much. It's a more transparent era. Our readers have a lot more of an idea of how the sausage is actually made than they did in the days when it was Stan and the Bullpen Bulletins, and what you really got was Stan's very sanitized, very rah-rah versions of what working in comics was like at that period. And it's true of any other creative media right now as well -- it's easy to be cynical about a "Fantastic Four" movie or a "Constantine" TV show, or whatever the thing may be. At the end of the day, though, quality will win out. If we do good stories, people will like them, people will respond to them. The promise isn't that nothing is ever going to change -- if anything, the promise of Marvel Comics is that everything is going to change constantly. [Traduzione: Vorrei dire un paio di cose. Io non ho parlato a Priest di tutto questo, ma lui ed io abbiamo lavorato insieme in passato e ho molto rispetto per lui e penso che anche lui lo abbia di me. Egli ha completamente diritto ad esprimere la sua opinione. Ciò detto, ha espresso quella opinione senza mai aver letto qualsiasi materiale riferito a questa serie. Non mi è sembrato un giudizio necessariamente equo, ma un giudizio non proprio. E' come se uno rimanesse turbato in base al modo in cui il dottor Destino viene rappresentato nel film dei Fantastici Quattro. E' legittimo sentir parlare di qualcosa e di farsi una opinione su di essa, ma non puoi formarti un parere documentato e genuino fino a quando non hai letto il relativo materiale. In ordine, poi, al fatto che questa serie sarà temporanea o che sia coraggiosa, mi premuro di precisare che noi facciamo narrazione. Tutto quello che facciamo, ad un certo livello, è un atto di coraggio. Tutte le storie sono così. E' possibile che, ad un certo punto, Steve Rogers sarà di nuovo Capitan America? L'andamento delle storie ci dice che, probabilmente, ciò avverrà ma è la stessa cosa che è accaduta quando Bucky è stato Capitan America. E la gente che amava Bucky in quel ruolo non era meno divertita dalla prospetti che, un giorno, tutto sarebbe tornato come prima quando Steve sarebbe stato rimesso al suo posto, raccogliendo nuovamente il suo scudo. Anche per me vale lo stesso. Non manterrò per sempre il mio posto qui alla Marvel. Fra poco avremo un'altra elezione e ci sarà la certezza che Barack Obama non sarà più presidente. Lo sarà qualcun altro. E questo qualcun altro rappresenta un argomento fortemente speculativo, ma questo non cambia il significato di quel tipo di lavoro o la considerazione che la gente aveva di esso. Ma torniamo al contenuto delle storie che stiamo raccontando. Stiamo realizzando storie che sono grandi, eccitanti, convincenti, con un cuore, ma non si tratta di una bravata. E' narrazione. E' quello ciò che facciamo. Niente di diverso da qualsiasi altra storia che abbiamo fatto nel corso degli anni, in cui un personaggio passa per un cambiamento epocale, una prova, alcune tribolazioni ed esce poi dal tunnel. Non sto facendo alcuna premessa per il domani e non lo faccio mai per i nostri personaggi. L'Uomo Ragno è stato il Dottor Octopus per 18 mesi. E' stata forse una bravata? Si, ma si trattava di una storia. Una ideazione narrativa. Capisco il cinismo e penso che sia molto facile produrlo, specialmente in questi giorni, in cui si è cinici rispetto a qualsiasi annuncio circa qualsiasi storia di qualsiasi fumetto. Abbiamo diffuso una serie di indizi, che molti lettori hanno compreso. Uno di questi era abbastanza trasparente. I nostri lettori sono più consapevoli di quelli che leggevano il Bollettino di Stan Lee. Ma quello che faceva Stan era di una purezza incredibile e molti elementi di cui si parlava funzionano ancora oggi molto bene. E ciò vale per qualsiasi supporto creativo. E' facile essere cinici rispetto ad un film dei Fantastici Quattro, ad un episodio di Costantine o di qualunque altra cosa. Alla fine della giornata, però, la qualità verrà fuori. Se faremo buone storie, i lettori risponderanno bene. La premessa da fare è che nulla resta invariato, tutto potrà cambiare e se non altro la promessa che la Marvel può garantire è che tutto cambierà costantemente. I lettori non avranno mai motivo di annoiarsi con le nostre storie].
 

Albert Ching: Speaking of storytelling -- now that we've gotten a taste of Sam as Captain America, in a general sense, what do you see as the types of stories that Marvel can tell now, that wouldn't be possible with Steve Rogers as Cap? [Traduzione: A proposito di narrazione, ora che abbiamo avuto un assaggio di Sam Wilson nei panni di Capitan America, in senso più generale quali tipi di storie immagini adesso che con Steve Rogers nei panni di Cap non sarebbe stato possibile raccontare a causa del colore della pelle di quest'ultimo?].
 
Tom Brevoort: I think it's less about stories that you can do that you can't do with Steve, so much as it is the perspective on stories that you would do is different. For all that Sam stands for and champions the same sort of basic, fundamental human rights and human decent that Steve Rogers does, he is a man of a different era. He did not grow up in the depression, he did not fight in World War II, he is not a soldier. He is, however, a guy that's devoted very much of his life to making a difference in a very ground-level, one-to-one, human being to human being sort of way. I think he's got the stuff to be Captain America, but a Captain America that's got a slightly different set of priorities, and who will react to situations in a different manner than Steve might. He's also got, and this is the case whenever you have a character step into the mantle of some other character, big boots to fill. And seeing him fill them, and how he goes about filling them, is part of what's interesting about that journey. The first issue includes a big throwdown between the new Cap and Batroc. And certainly we've seen Steve Rogers battle Batroc before many times. So much so that doing another issue that had a fight between Steve and Batroc is maybe by itself not all that interesting. But immediately, it's a different thing in that it's Sam. It's a different guy with different capabilities with a different perspective on things. And this is the most basic sort of difference, because there are really no issues involved with fighting Batroc other than he's French and he will sneer at you. [Laughs] But in any situation in which Captain America now finds himself, he may be more likely to go left where Steve might go right, or he might be more likely to go two degrees more or less left than Steve might go. That is, at least to me, the interesting thing. [Traduzione: Penso che con Steve Rogers sarebbe stato possibile raccontare un maggior numero di storie, ma in questo caso la prospettiva è differente. Se prendiamo in considerazione tutto quello che ha fatto Sam, il tipo di persone per le quali si è battuto, i diritti fondamentali che ha tutelato, al suo confronto Steve è un uomo di un'altra epoca. Sam non è cresciuto nella grande depressione, non ha combattuto nella II guerra mondiale e non è un soldato. E' un uomo che, però, ha dedicato tutta la sua vita a fare la differenza ad un livello più popolare e che in questo momento rappresenta un punto di passaggio. Penso che abbia la stoffa per essere Capitan America, ma un Capitan America con una lista diversa di priorità e che nelle situazioni reagirà in maniera diversa da Steve. Ha anche dei bei stivaloni da riempire, il che avviene sempre ogni qual volta un personaggio deve entrare nel costume di un altro personaggio. Vederlo mentre li riempie e il modo in cui lo fa sarà parte di ciò che caratterizzerà questo viaggio. Il primo numero contiene un lungo scontro tra Batroc e il nuovo Cap. Abbiamo visto molte volte Steve Rogers affrontare questo avversario e dedicare il primo numero della nuova serie ad uno scontro di questo tipo non è stato il massimo della vita. In questo caso, però, lo è perché a vestire i panni di Capitan America c'è Sam Wilson. Un personaggio diverso, con capacità diverse e una diversa prospettiva sulle cose. E queste sono le differenze più percepibili, ma Batroc è francese e non ci saranno altri numeri collegati con questi eventi. In ogni situazione in cui ora Capitan America si ritrova, è più probabile che egli vada in una direzione opposta a quella in cui sarebbe andato Steve. Ma è anche possibile che il nuovo Cap si discosti solo di poco da quello vecchio. Almeno per me, questo è interessante e non vedo l'ora di vedere gli sviluppi futuri di queste implicazioni fantastiche].
 
Albert Ching: I also wanted to ask about the other "Avengers Now" launch of this week, "Superior Iron Man." I thought the first issue was really cool, but given that the change there is not as outwardly different -- it's not an different character in the role -- it hasn't gotten as much attention as "Thor" or "All-New Captain America." Tom Taylor is certainly a rising star, but he's not as big of a name at this point to fans as Rick Remender or Jason Aaron. It seems like the book may get a bit lost in the shuffle among the other two -- is there any concern within Marvel of that kind of notion? [Traduzione: Volevo chiederti anche delle altre uscite Now dei Vendicatori di questa settimana, tra cui Superior Iron Man. Penso che il primo numero sia stato davvero fantastico. Ma dal momento che non c'è stato un cambiamento nel costume e nel ruolo, non ha ricevuto la stessa attenzione di Thor e del nuovissimo Capitan America. Tom Taylor è certamente una stella nascente, ma non è un nome così grande come quelli di Rick Remender e Jason Aaron. Sembra che la serie possa perdersi nel clamore degli altri due. Siete preoccupati alla Marvel di uno sviluppo di questo?].
 
Tom Brevoort: I don't think there's any concern. I think if anything, our feeling is if it's not going to be as huge of a success right out of the gate, it'll be a sleeper. Tom Taylor certainly brings a quality of craft to the table, and I think Yildiray is doing some beautiful work in it. In some ways, it's the most Marvel-y Marvel Comic I've seen in a while. Just thumbing through the first issue, and seeing how many big, splashy images there are -- it really feels like a genuine, old-school Marvel Comic on that level. And it's just got this nice, wry, vaguely nasty undertone of the fact that Tony Stark is much more like the Tony Stark he was before he went into that cave and came out as Iron Man. And that's immediately interesting. He begins to have interactions with people around him, and we see him with Pepper in this issue, and we see him with Daredevil in this issue -- these are only things that are going to get bigger and wilder and crazier as things go. It's sort of taking this character and pushing him outside of his comfort zone. Many people have pointed to the fact that Tony drinks, both in this issue and in "AXIS," and have even said, "It's undercutting everything this character has been through." I don't think it's undercutting. It's certainly challenging. It's moving the character outside of his comfort zone, and to some degree the reader outside of their comfort zone, and hopefully getting to a point where you want to see what happens next. Where is this going? What's going to be the fallout of it? The fact that anybody who's an alcoholic struggles with substance addiction, taking a sip of alcohol is an enormous deal, and can send you into a tremendous spiral, back into some fairly dark places. So this is not something that we take lightly, or something that's not going to have a world of effect on Tony Stark. It's taking these characters -- especially because of their increased presence in the films and animation and whatnot -- who are more iconic than they've ever been, and finding new wrinkles, new avenues, new ways to explore what it means to be Captain America, or to be Thor, or to be Iron Man. I think these are interesting and hopefully exciting times for our readers. The sense that you don't necessarily know exactly what's going to happen next, that's vital. That's fundamental. [Traduzione: Non credo ci sia alcune preoccupazione. Penso che se non altro, la nostra sensazione è che se non sarà un grande successo come gli altri titoli, lascerà comunque il segno. Tom Taylor certamente porta una qualità artigianale al tavolo da disegno e credo che Yildiray sta facendo una bella opera relativamente ad esso. In un certo senso, è il più Comic Marvel-y Marvel che ho visto in un istante. Basta sfogliare il primo numero e vedere quante grandi immagini splashy ci sono; ci si sente davvero come nella vecchia e cara scuola Marvel Comics e con quel livello. Ed è solo questo piacevole, ironico e vagamente brutto sottotono del fatto che Tony Stark è molto più simile al Tony Stark prima di andare in quella grotta uscendone come Iron Man. Ed è subito interessante. Si comincia ad avere interazioni con le persone intorno a lui e in questo numero lo vediamo con Pepper e con Daredevil. E si tratta degli aspetti più percepibili, ma ben presto le cose si movimenteranno di più. E' un modo di prendere questo personaggio e portarlo fuori dalle sue abituali zone di comfort. Molte persone hanno sottolineato che sia in questo numero che in Axis Tony beve. E il giudizio è che questa versione di Tony sia stata inferiore a tutte le altre precedenti. Io non lo credo. E' certamente una situazione difficile. Sia Tony che i lettori vengono collocati in una dimensione non abituale e subentra la voglia di vedere come andrà a finire. Se ci pensiamo bene, potrebbe aversi una nuova caduta nel vizio dell'alcol. Il fatto che qualcuno sia stato dipendente da queste sostanze per tanto tempo, bevendo un sorso potrebbe di nuovo cadere nella sua spirale. Quindi, non si tratta di qualcosa che prendiamo alla leggera o qualcosa che non avrà alcun effetto sul mondo di Tony Stark. Ciò avviene a causa della presenza massiccia di questi personaggi nei film. E oggi sono più iconici di quanto non lo siano mai stati in passato. La ricerca di nuove rughe, nuove strade, nuovi modi per esplorare che cosa significa essere il Capitan America o Thor o essere Iron Man. Penso che questi sono tempi interessanti e speriamo che lo siano per i nostri lettori. Il senso del non sapere necessariamente cosa sta per succedere è di vitale importanza].
 

Albert Ching: Pivoting over to the subject of next year's "Secret Wars," it's been established that's what the current "Avengers" and "New Avengers" arc "Time Runs Out" is leading to, but are there other places in the Marvel line that readers should maybe look towards that are headed directly to "Secret Wars" -- since it's been said that story is so expansive? [Traduzione: Spostando l'attenzione sulla saga evento del prossimo anno, Secret Wars, si è capito che i fatti ivi narrati saranno la conseguenza delle attuale run di Avengers e New Avengers. Ci sono altre serie Marvel che i lettori dovrebbero tenere d'occhio perché direttamente correlate a Secret Wars dal momento che è stato detto che la storia sarà di grandi dimensioni?].
 
Tom Brevoort: Everything is heading towards "Secret Wars." It's just that "Avengers" and "New Avengers" are a little bit ahead of the curve, because we've jumped eight months into the future. We're effectively publishing the "Avengers" and "New Avengers" issues that we would be publishing in May. We're just doing it earlier. But before that, everything that's going on -- whether it's "AXIS," whether it's "Spider-Verse," whether it's "Black Vortex"; I'm pointing to the big things, there are smaller things as well -- everything in the Marvel Universe is heading towards one concrete point, and that point is "Secret Wars." I said in one of the early interviews for "Secret Wars" that not only is it the biggest thing we've ever done, but imagine the biggest thing you can come up with, and that's the first issue. And then we get bigger beyond that. It really is not hyperbole. The unfortunate part for people who are afraid or intimidated by it is, if you're following Marvel Comics, you're not going to be able to get away from it. This is a profound and huge moment in the history of Marvel, and it's going to reverberate throughout the entire line, except maybe Star Wars. Apropos of nothing, I read the first issue of the Jason Aaron/John Cassaday "Star Wars" about a week back, to put another set of eyes on it, to do what we call a "read out" -- while I'm of the age to have been around to watch the original Star Wars movies when they first came out, they never loomed terribly large in my life. I liked them, but they weren't this enormous touchstone for me like they were for so many other people. So taking all of that into account, I thought the first issue was great. I thought it was tremendous, and it made me want to come back and read the next one. Jason and John are two guys on the top of their craft. Make of that what you will -- "Star Wars" #1 gets my personal endorsement as good comics. [Traduzione: Tutto sta procedendo verso Secret Wars, solo che le due collane dei Vendicatori sono molto più avanti rispetto alle altre perché abbiamo fatto un salto avanti nel futuro di 8 mesi. In questo momento, stiamo pubblicando storie di Avengers e New Avengers che si dovrebbero vedere a maggio 2015. Prima di tutto questo, però, vedremo dispiegarsi gli eventi attualmente in svolgimento, Axis, Spider-Verse, Black Vortex, ecc. E sto citando solo i grandi eventi e non le piccole cose che pure stanno accadendo. Tutto il Marvel Universe, insomma, si sta dirigendo verso le Nuove Guerre Segrete. In una delle prime interviste che ho fatto sull'argomento, ho detto non solo che Secret Wars è la cosa più grande che abbiamo mai realizzato, ma anche la cosa più grande che si possa realizzare con questi elementi. Ma noi vogliamo andare oltre. Non si tratta di una iperbole. Il timore delle persone che leggono i nostri fumetti è che hanno paura di allontanarsi da essi. Stiamo vivendo un grande momento della storia della Marvel. Un evento che coinvolgerà tutta la linea dei nostri fumetti, tranne forse Star Wars. A proposito, ho letto il primo numero di Star Wars di Jason Aaron e John Cassaday una settimana prima che venisse stampato, dandoci quella che noi in gergo chiamiamo una lettura. Pensa che io ero al cinema a vedere i film di Guerre Stellari originali e non avevo mai visto nulla di così spettacolare. Per me erano film eccezionali, più di quanto lo fossero per gli altri. Alla luce di tutto ciò ho pensato che il primo numero è stato grande. Ho avuto l'impressione di trovarmi davanti ad un capolavoro e mi ha fatto venire voglia di leggere il successivo numero. Dite o fate quello che volete, ma per me il primo numero di Star Wars a fumetti è stato eccezionale e credo che anche i lettori la penseranno alla mia stessa maniera su questo fumetto].
 
Albert Ching: One thing I'm curious to get your opinion on -- you were the editor on "Fantastic Four" for many years, before passing the reigns to Mark Paniccia for the most current run. We now know the book is ending, at least temporarily, in early 2015. The fact that it's coming to an end at this point is interesting to me, because there was a real outcry at just the notion that it might end a few months back -- as I'm sure you were aware. Yet it also seems that no matter the quality of the book, or the type of high-profile creators working on it -- just looking at writers alone, the series has seen James Robinson, Matt Fraction, Jonathan Hickman, Mark Millar in recent years -- the sales haven't necessarily translated in a huge way. Is that a source of some internal frustration or vexation within Marvel, in that it does seem to be something of a tough nut to crack? [Traduzione: Una cosa di cui mi piacerebbe avere il tuo parere in merito è che sei stato il supervisore della serie dei Fantastici Quattro per molti anni prima di passare il timone a Mark Paniccia. Ora che sappiamo che a breve la collana chiuderà, almeno temporaneamente, nei primi mesi del 2015, il fatto che stia per concludersi per me è interessante perché fino a pochi mesi fa questo sviluppo sarebbe stato impensabile, anche se penso che tu ne fossi già a conoscenza. Senza fare giudizi sulla qualità della serie o dei creatori che ci hanno lavorato, vengono in mente grandi scrittori come James Robinson, Matt Fraction, Jonathan Hickman, Mark Millar solo negli ultimi anni. Le vendite, però, non sono mai state eccezionali. Per voi all'interno della Marvel ciò è stato fonte di frustrazione?]
 
Tom Brevoort: I don't know if it's a source of vexation, per se. All it really means in the final analysis is we didn't come up with the story and the hook that galvanized enough people. All through the runs that you've talked about, we've had good sales, up and down, all the way through that. It's not like anybody has been terribly disappointed by them. But in terms of "Fantastic Four" being "the" book that it was in the '60s, it hasn't been that in a very long time. It seems like there could be a time where any other book can become that. "Guardians of the Galaxy" is suddenly a top book, and has not only one spinoff title, but a whole Whitman's Sampler of spinoff books, because that just happens to be the zeitgeist of those characters. I think all it means for "Fantastic Four" is that for all the talented people involved -- and I'll include myself in that -- we just haven't found an idea that connects with a massive audience yet. And that's fine. That happens. In the '60s, "X-Men" was a cancelled title, and in the '90s, "X-Men" was 34 books and the biggest selling thing in comics. Everything goes through cycles of up and down. The Fantastic Four, the characters and the concept, is plenty excellent. There's nothing wrong with it. We just need to find the right approach, the right creators, the right story, that really makes people sit up and take notice. In terms of what you were talking about in the beginning, about people reacting to it going away, I see it as very akin -- I remember this firsthand -- to the chatter when it came out in the '80s that "The Flash" was going to die in "Crisis," and his book was going to be canceled. There wasn't an Internet then, but everybody in what was then fandom bemoaned this and was horrified by it, and was upset by it, and you would ask them -- "When was the last time you bought 'The Flash'?" And it would be, "Well, I haven't bought 'The Flash' in like six years, but I was always really comforted by the fact that it was still there." Well, that's kind of your answer. You like the comfort of a thing being there, but you're not engaging with it. That may mean that a lot of other people aren't engaging with it as well, and it may be time for it to take a rest until you can make it shine again. Certainly, it did not hurt Thor. There was no "Thor" book for a couple of years. And when Thor came back, it was a big event. Granted, he came back on the cusp of the wave of "Civil War," but really, JMS and Olivier Coipel but that character back on the map in a big way, and the sales showed it. The same sort of thing is true of anybody's characters, really. And "Fantastic Four" is no different. [Traduzione: Non so se si tratta di una fonte di irritazione di per sé. In ultima analisi posso dire che questa decisione non è stata frutto dello sviluppo della storia, né è stato fatto per galvanizzare le persone. Rispetto ai nomi che hai citato, abbiamo avuto buone vendite, con alti e bassi, lungo tutta la storia della collana. Non siamo stati delusi dai Fantastici Quattro. Ma ciò che questa collana è stata negli anni sessanta in seguito non lo è stata più. Potrebbe accadere che un'altra serie a fumetti possa riscontrare lo stesso successo dei Fantastici Quattro. Penso ai Guardiani della Galassia, che hanno già una quantità enorme di spin-off e questo accade perché si tratta di personaggi collocati nello spirito di questo tempo. Credo che riguardo a questa serie, nonostante i grossi nomi coinvolti, non siamo riusciti a trovare il giusto modello di identificazione del gruppo come massa. E va bene. A volte succede. Negli anni sessanta, cancellammo la serie degli X-Men, mentre negli anni novanta è stato un successo editoriale senza precedenti nella storia del fumetto americano. Sono cicli, momenti. I Fantastici Quattro, i personaggi e il concetto sono elementi che abbondano di eccellenza. Non c'è niente di sbagliato in esso. Abbiamo solo bisogno di trovare il giusto approccio, i creatori adeguati, la storia giusta, che spinge davvero la gente a sedersi e prendere nota. Con riguardo a ciò di cui stavi parlando in principio, invece di persone che reagiscono andando via, io vedo molte similitudini con la morte di Flash ai tempi di Crisi sulle Terre Infinite. Anche la sua serie stava per essere cancellata. All'epoca non c'era internet, ma lo sviluppo venne percepito in modo molto negativo. Tuttavia, mi sarebbe piaciuto chiedere a tutti coloro che all'epoca si scandalizzarono, Quando è stata l'ultima volta che hai comprato un albo di Flash? Avrebbero risposto, Non l'ho comprato ma Flash è dentro di me da quando avevo sei anni ed è ancora lì. Beh, questo è il tipo di risposta che voglio. Ti piace l'idea che una certa cosa è lì, anche se non la prendi mai. E ciò significa che come te tante altre persone fanno la stessa cosa. Potrebbe essere il momento in cui è necessario prendersi un po' di riposo fino a quando non brillerà di nuovo la stella dell'entusiasmo per questa serie. Certo, la pausa non ha fatto male a Thor, che è stato assente per più di due anni dagli scaffali. E quando è tornato è stato un grande evento per tutti. E' tornato nel momento topico della Guerra Civile, ma gli autori, Joseph Michael Straczynski e Olivier Coipel fecero in modo che Thor tornasse con il tappeto rosso steso ai suoi piedi e le vendite lo dimostrarono. La stessa cosa vale per molti altri personaggio. E per i Fantastici Quattro non sarà diverso].

2 commenti:

  1. Immaginavo che finisse così per i Fantastici Quattro. Infatti, sono dei personaggi che non si riesce a rinnovare come si vorrebbe, perchè hanno la struttura stabile di una famiglia, coi personaggi che devono essere sempre impostati in quel modo. Adesso vanno di moda dei cambiamenti continui (Doc Ock che diventa Uomo Ragno, i Vendicatori che cambiano elementi ad ogni vignetta, numeri uno di personaggi ogni settimana e così via). E una famiglia non può cambiare continuamente come un caleidoscopio, quindi la chiusura della testata è inevitabile. La stabilità ai giorni nostri è noiosa.
    Inoltre, vedo dalle pagine postate qui che ormai non esistono più vignette squadrate come un tempo: il modello cinematografico giapponese di questi tempi va per la maggiore.

    RispondiElimina
  2. Sebbene Brevoort abbia fatto intendere che i Fantastici Quattro non torneranno tanto presto, non è da escludere che siano rilanciati nell'ambito di un prossimo evento. Axel Alonso nella intervista del 07-11-2014 che abbiamo tradotto non ha voluto rispondere alla domanda di Albert Ching, che gli chiedeva se dopo Secret Wars ci sarebbe stato un reboot. E quale modo migliore per festeggiare il ritorno del Quartetto in un universo Marvel completamente nuovo? Il problema degli FQ è stato quello di non scoprirsi più protagonisti negli eventi degli ultimi 10 anni. Una trascuratezza clamorosa quella della Marvel, che sta pagando caramente. E lo stesso dicasi per il Devil di Waid, che ora concluderà il suo ciclo sulla collana. Quindi, tutto rinviato al dopo Secret Wars.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.