mercoledì 14 gennaio 2015

BREVOORT NEGA LA CHIUSURA DEI FANTASTICI QUATTRO! VERITA' O UN TENTATIVO DI DEPISTAGGIO?!!

Rispondendo ad alcune domande formulate dal sito Newsarama, il vice-presidente anziano della Marvel, Tom Brevoort, ha rilasciato delle dichiarazioni importanti sulle serie vendicative. Nrama: Allora, non ci sarà una nuova serie degli Avengers oppure dei New Avengers sugli scaffali a maggio o durante la run di Secret Wars? Tom Brevoort: Corretto. Per quanto ne sappiamo, continueranno entrambe. Non ci sarà nulla di nuovo nemmeno a giugno. Poi chi lo sa. Beh, di solito gli eventi partono con un numero 1 dei Vendicatori a luglio, ma come dice Brevoort, chi lo può sapere? Newsarama ha interrogato Tom anche sulle voci che si rincorrono in questo periodo. Nrama: Vedendo Reed e Sue in ruoli di primo piano nelle storie più importanti della Marvel in questo momento, cosa hai da dire circa le voci che la House of Ideas starebbe per chiudere la serie dei Fantastici Quattro? Tom Brevoort: Davvero, non è importante ciò che dico. La gente sta credendo a ciò che vuole credere. Sta facendo il fieno, girando la pentola e soffiando sul fuoco. Semina e raccoglie ciò che esce dai loro clic. Quello che facciamo è raccontare storie con tutti i personaggi del Marvel Universe e lo facciamo tutti insieme. Alcune persone si sono innervosite fino al punto di impazzire per questo, ma la prova è nei fumetti che stanno uscendo in questo periodo. A leggere queste dichiarazioni, Marco Marcello Lupoi e la sua redazione avranno tirato un grosso respiro di sollievo, avendo così la possibilità di tirarsi d'impaccio dalla prospettiva di trovare una giustificazione ragionevole per una chiusura, quella dei Fantastici Quattro, che avrebbe creato il panico alla Panini. Ma è proprio la verità?


In verità, dalle parole di Brevoort sembra che i membri del Quartetto potrebbero essere diversamente rappresentati in qualche nuova serie dopo Secret Wars. Alla Marvel si respira aria di retcon brutale. Non è mistero per nessuno che la mancata disponibilità dei diritti di sfruttamento cinematografico degli X-Men e degli FQ crea malumori. La Marvel è pronta a cancellare il concetto di mutanti dal suo universo narrativo (anche se i tentativi fatti finora di sostituirli con gli Inumani si sono rivelati una catastrofe) e non è da escludere che dopo la conclusione delle nuove Secret Wars, che permetterà alla casa editrice di fare buoni incassi, ci si prepari ad un reboot, che riscriverà da capo le origini del Marvel Universe, cancellando, in sostanza, tutto quanto ideato dagli ebrei Stan Lee e Jack Kirby tra il 1961 e il 1969. Una rivoluzione che assume i connotati di un vero e proprio golpe narrativo organizzato da Alonso e Quesada, che oggi comandano gli studios incaricati della produzione di fumetti. La Marvel, dopo essere stata acquistata dalla Disney nell'agosto 2009 per 4 miliardi di dollari, non è più una casa editrice indipendente, ma una divisione fumettistica della Casa di Topolino. Tutto ciò avrà effetti anche sulla trasposizione italiana di queste serie oggi curata da Panini Comics. Una massiccia retcon potrebbe, infatti, determinare la fine del Marvel Universe in Italia. I lettori nazionali mal digerirebbero una versione dei loro personaggi diametralmente opposta a quella attuale, che ai loro occhi apparirebbe come espressione di un universo narrativo nuovo e non dissimile da quelli della Dark Horse o della Valiant. Nella peggiore delle ipotesi, vi potrebbe essere un crollo delle vendite fino alla chiusura della divisione comics di Panini, che andrebbe avanti solo con le licenze dei manga e di Topolino. Siamo, dunque, vicini alla fine del Marvel Universe? Ipotesi che in questo momento non è possibile scartare o diminuire.
 
So there won’t be a new Avengers or New Avengers series on comic shelves in May? Or during Secret Wars’ run? Brevoort: Correct. That’ll continue as far as we know it. There won’t be anything in June either. Beyond that, who knows. Well, the usual event would be a new Avengers #1 in July. But as Tom says, who knows? Newsarama also had some rumour questions. Nrama: And seeing Reed and Sue in such prominent roles in Marvel’s biggest storyline currently – what would you say to the rumors that Marvel is phasing out the Fantastic Four. Brevoort: It really doesn’t matter what I say. People are going to believe what they choose to believe, and people are going to make hay out of stirring the pot and fanning the flames – planting and harvesting that click bait. What we do is tell stories with all the Marvel Universe characters, as we have all along. Certain people have gotten nervous to the point of craziness, but the proof is in the books we’re putting out. I could literally say anything, but it won’t make any difference. People are just afraid, and let fear overwhelm them. Just so people know, Bleeding Cool didn’t run rumours that Marvel are phasing out the Fantastic Four, Just that they would appear in other titles rather than their own Fantastic Four book. Seriously, if there wasn’t a website stirring all of this stuff up, can you honestly say that you would even have noticed anything here? Tom Brevoort se la prende con Bleeding Cool, che accusa di seminare il panico tra i fan! Noi riteniamo che Tom Brevoort, messo alle strette e davanti all'evidenza, non possa più negare la catastrofe imminente e che stia attaccando Johnston per spostare l'attenzione su questa polemica anziché sui grandi cambiamenti che potrebbero determinare la fine della Marvel secondo i principi di Stan Lee tra il 1961 e il 1969. In conclusione, la vecchia Marvel come oggi la conosciamo finirà dopo Secret Wars. Ciò che verrà dopo potrebbe somigliare molto a quel Nuovo Universo che già Jim Shooter cercò di creare, senza successo, nella seconda metà degli anni ottanta. Un disastro colossale.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.