sabato 2 maggio 2015

RW EDIZIONI: L'ARRIVO DI MESSAGGERIE LIBRI E IL NUOVO ASSETTO DELLA DISTRIBUZIONE NELLE FUMETTERIE!

La notizia del cambio di distributore della Rw Edizioni s.r.l. ha travolto come un treno la grande distanza dalla realtà che molti addetti ai lavori con ammirevoli sacrifici vanno costruendo in rete e fuori dalla rete per fornire ai lettori l'immagine della dimensione alternativa che esiste nella loro ristretta fantasia. Noi ci domandiamo il perché visto che non tutti i fan sono ingenui e anche quelli che lo sono verranno raggiunti dalla realtà. Una realtà che supera molto la fantasia e questo caso non è da meno. Il 30 aprile 2015 compare sul sito di Messaggerie il seguente comunicato: dal 1° maggio 2015 distribuiremo i marchi editoriali Goen, Lineachiara e Lion. La promozione sarà curata dalla rete delle vendite Libromania. Il tenore del messaggio è chiarissimo per quelli che possiedono normali capacità di comprensione. Dal primo giorno del mese di maggio del 2015 le tre etichette saranno distribuite da Messaggerie anche nelle fumetterie. E' interessante notare come si menzioni delle divisioni editoriali della Rw, ma non si citi l'azienda con sede legale a Novara, mentre l'attività operativa è vicina territorialmente alla zona del gruppo di appartenenza, Pegasus s.r.l., che ha sede in Frattamaggiore in provincia di Napoli. Anche se la diffusa ignoranza di molti ha frenato la piena comprensione del messaggio, Messaggerie e Libromania sono due diverse. Messaggerie è stata fondata a Bologna nel 1914 e ha sede legale a Milano. Il settore di operatività è quello editoriale e l'oggetto sociale è costituito dalla distribuzione e dalla commercializzazione di prodotti editoriali e librari.


I dati del 2009 riportano che la società ha 850 dipendenti e un fatturato di 500 milioni di euro (per intenderci, simile a quello che produce il Gruppo Panini, di cui fa parte la Panini Comics). Siamo, dunque, in presenza di un gigante economico. Libromania s.r.l. è, invece, una società nata dalla partnership di De Agostini Libri con Newton Compton Editori e attiva nella promozione editoriale, nella prestazione di servizi di consulenza commerciale anche per terzi e nell'editoria digitale. De Agostini Libri S.p.A. è a sua volta una società controllata da De Agostini Editore S.p.A. Fatta questa premessa, diviene più chiaro il significato del comunicato sopra riportato. Due nuovi colossi del settore entrano in scena. Messaggerie per la distribuzione nelle fumetterie e Libromania per l'attività di promozione grazie alla sua rete di vendita. Sempre il 30 aprile a tutte le fumetterie è stata inviata una mail con cui i negozi sono stati messi a conoscenza della nuova realtà. D'ora in avanti, dunque, il riferimento nella distribuzione nel settore fumetterie è di Messaggerie. Non si fa più alcuna menzione di Pegasus s.r.l. Questo è un passaggio importante, come vedremo meglio in seguito. Il testo del comunicato non specifica se la distribuzione avverrà in esclusiva o meno, ma non è difficile immaginare che si tratti di una attività condotta in esclusiva. Che senso e quale utilità trarrebbe un gigante come la Messaggerie per entrare in attività insieme a una s.r.l. come Pegasus in uno stesso settore. Soprattutto, alla luce del fatto che per l'attività di promozione è stata incaricata Libromania.

La cosa buffa di questa situazione è che quando abbiamo dato la notizia, indicandola come ufficiale, su alcuni siti e forum essa è stata interpretata invece come non vera! Tanto era forte l'attaccamento con il regno della fantasia che molti lettori e addetti ai lavori hanno commentato come se si trattasse di uno scherzo del primo aprile arrivato in ritardo. Non appena hanno consultato il sito ufficiale di Messaggerie e hanno letto il comunicato, la paura ha iniziato a ricordargli che la realtà è una entità che non si può tenere lontana per molto tempo. Beninteso, il 99% dei lettori italiani della DC Comics ha esultato alla prospettiva che Alastor non distribuisse più il materiale di Rw, anche se entrambe le società fanno parte dello stesso gruppo, Pegasus per l'appunto. L'ultimo caso che ha fatto incavolare di brutto i fan si è verificato pochi giorni fa. Un comunicato del vecchio distributore aveva annunciato che per un problema tipografico, del volume Sandman Deluxe n. 2 erano state stampate copie non sufficienti a coprire il fabbisogno e con buona pace delle fumetterie che si sono sentite non rispettate. Però, ciò non toglie che le poche copie stampate possano essere vendute direttamente dall'editore Rw in occasione di mostre e fiere, come potrebbe essersi materializzato al Napoli Comicon, che si conclude il 3 maggio 2015. I lettori hanno gioito e la nostra casella di posta elettronica scoppiava di messaggi di fan ultrafelici. Il clima era, invece, tutt'altro che festoso su quei siti e forum, che in quanto vicini alla vecchia realtà editoriale, hanno cominciato ad avere paura.

In poco tempo, hanno cercato di far passare per verità oggettiva una ipotesi, sia pur legittima ma francamente non sostenibile alla luce della ragione. Una volta ammesso, sia pure a malincuore, che Messaggerie distribuirà la Rw nelle fumetterie, hanno sostenuto che l'attività sarà gestita insieme ad Alastor/Pegasus! Tutto è possibile, ma noi riteniamo che questa ipotesi non sia realistica alla luce di quanto spiegato sopra. Il comunicato di Messaggerie parla chiaro e non si presta ad interpretazioni fantasiose. Di Alastor o Pegasus non si fa alcuna menzione. Alle fumetterie viene semplicemente detto che dal primo giorno di maggio sarà Messaggerie a distribuire nei loro negozi. Punto. Non contenti e stretti nella loro trincea come soldati un attimo prima di essere travolti dagli assalti della fanteria nemica, che in questo caso è rappresentata dalla realtà, hanno sostenuto che, anche prima, l'attività di distribuzione in fumetteria non era condotta da Alastor o Pegasus in esclusiva! Dopo una affermazione del genere, le risate sarebbero d'obbligo. Infatti, basta sfogliare un qualsiasi albo della Rw in edicola per leggere nei credits che la distribuzione in fumetteria è gestita in esclusiva da Pegasus! In esclusiva e non in collaborazione con altre aziende! O almeno è stato così fino al 30 aprile. Il vecchio assetto: distribuzione nelle edicole a Press-Di, società del gruppo Mondadori di proprietà di Silvio Berlusconi, nelle fumetterie a Pegasus, librerie a Messaggerie! Messaggerie, quindi, già distribuiva per Rw ma solo nelle librerie e in esclusiva. Ed è tutto nero su bianco in ogni albo di Rw.

Dal 1 maggio si cambia. Messaggerie comincerà a distribuire la Rw, oltre che nelle librerie, anche nelle fumetterie. Il comunicato del 30 aprile, ripetiamo, parla chiaro e le chiacchiere fantasiose apparse su forum e siti vari stanno a zero. Si tratta, in ogni caso, di una sparuta minoranza perché alla luce della generale insoddisfazione derivata dal servizio del vecchio distributore, i fan italiani della DC hanno visto in questa notizia uno spiraglio di luce per uscire dal baratro in cui è finita la DC Comics in Italia negli ultimi anni. La nostra ipotesi, dunque, è che Messaggerie sia il distributore in esclusiva di Rw sia per le librerie che per le fumetterie. E Alastor che fine farà? In teoria, se come sembra, Messaggerie distribuirà in fumetteria in esclusiva, il vecchio distributore potrebbe continuare con altri piccoli editori, ma nulla esclude che possa essere messo in liquidazione. Rw e Alastor, sono tutte aziende che fanno parte dello stesso gruppo, Pegasus e molti hanno trovato strano che Rw che precedentemente, in sostanza, si autodistribuiva, ora si sia affidata ad altra azienda. Non proprio strano perché alla luce delle crescenti lamentele di questi anni, i proprietari avranno deciso che era ora di cambiare per affidarsi ad una azienda più grande e la Messaggerie è la migliore. Inoltre, la promozione sarà svolta da Libromania e dalla sua rete di vendita. Tutto questo porta a domandarci quale sarà il futuro dei diritti DC in Italia visto che Rw è a metà del suo quarto anno di pubblicazioni. Se il contratto è stato di 4 anni, scadrà a dicembre 2015. Se di 5 anni, scadrà a dicembre 2016.

La notizia della distribuzione nelle fumetterie affidata ora a Messaggerie non giunge del tutto inaspettata. In un comunicato del 23 marzo 2015, Rw chiarisce sulla sua pagina Facebook (screenshot) che era in fase di riorganizzazione aziendale. In un altro comunicato del 16 aprile 2015, sulla pagina della sezione Goen (screenshot) si precisa che la riorganizzazione riguarda anche lo staff interno e quello esterno di collaborazione. In parole povere, stavano cercando nuove persone per la redazione e nuovi collaboratori all'esterno. Una vacanza di posti talmente grave da incidere sull'uscita degli albi del mese di aprile, come da loro stessi dichiarato. E qui viene legittimo domandarci cosa abbia provocato la fuoriuscita dei vecchi interni ed esterni all'azienda. Nei commenti al suddetto post si afferma che tra coloro che hanno lasciato la società ci sarebbe anche Paolo Gattone, il responsabile della linea Goen e co-fondatore di Rw come riportato da Nanoda. Possiamo, dunque, ipotizzare che la riorganizzazione abbia riguardato il personale con l'assunzione di nuovi soggetti e i rapporti con altre aziende, che hanno visto subentrare Messaggerie quale distributore per le fumetterie al posto di Alastor. E ora parliamo del futuro. Come detto, i lettori sono stanchi della gestione di Rw/Pegasus. Dopo il triste parentesi distributiva con la Planeta (2006-2011) e l'altrettanto insoddisfacente quadriennio con Rw (ci sono screenshot di centinaia e centinaia di commenti negativi sparsi in rete), i lettori vogliono un nuovo editore e un nuovo staff di redazione composto da solidi professionisti.

Un eventuale rinnovo dei diritti con la DC non sarebbe accolto bene dai lettori, che al pensiero di un altro quadriennio o quinquennio come quelli vissuti finora smetterebbero di comprare gli albi italiani della DC per tornare alla lettura degli albi originali come ai tristi tempi della Play Press. L'inglese non è una lingua sconosciuta e leggere direttamente i volumi pubblicati dalla DC Comics e che costano molto meno di quelli italiani, oltre che stampati meglio, non è sacrificio per nessuno. I fan, stanchi di questa situazione, potrebbero diventare lettori diretti della DC, che quindi si porrebbe come concorrente diretta della stessa Rw! Un esito che potrebbe materializzarsi ugualmente nonostante l'ingresso di Messaggerie nella distribuzione in fumetteria. Ci sono elementi che potrebbero far pensare che non vi sarà rinnovo. Di Convergence, attuale maxi-evento DC, non vi è traccia negli articoli dell'editore napoletano. Non se ne è parlato nemmeno alla Comicon. I lettori ci sperano tanto. Sono tutti fermi in attesa di leggere il comunicato dell'arrivo del nuovo editore che pubblichi la DC Comics in Italia. Uno sviluppo che indurrebbe tanti a tornare su questi lidi dopo avere abbandonato per sfinimento il vecchio editore campano. Per la DC sarebbe la rinascita. Pochi mesi fa, due soggetti internazionali ci hanno incaricato di redigere un project di investimento relativamente ad una possibile pubblicazione in Italia. Qualche stralcio lo abbiamo pubblicato sulla nostra pagina Facebook ufficiale: https://www.facebook.com/pages/Comix-Archive/1386431178328628 Jack Santorum.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.