venerdì 29 maggio 2015

RW GOEN: IL NUOVO DIRETTIVO! LE INCOGNITE SUL FUTURO DELL'EDITORE DOPO I PROBLEMI DI QUESTI MESI!!!

Che cosa sta succedendo alla Rw Edizioni? Gli ultimi mesi sono stati scossi da moltissime polemiche, che hanno sollevato più di un legittimo dubbio sul futuro prossimo della casa editrice nata come emanazione di Pegasus s.r.l., azienda con sede a Frattamaggiore in provincia di Napoli. Nei credits degli albi di Rw viene indicata come distributore nelle fumetterie delle varie divisioni della stessa casa editrice, cioè Lion, Goen e Lineachiara. Da un consulto alla schermata del sito del Registro delle Imprese, ove sono iscritte per legge tutte le imprese italiane, risulta che sulla Pegasus s.r.l. sono in corso accertamenti d'ufficio sul possesso dei requisiti di legge. La sezione Goen è stata quella che ha presentato i maggiori problemi. Serie annunciate e mai uscite, serie interrotte e per molti mesi, tra la fine del 2014 e i primi del 2015, la pagina Facebook non veniva aggiornata. Poi un comunicato del 16 aprile 2015 sul sito di Rw Edizioni offre qualche spunto di comprensione: Informiamo i gentili clienti che la Goen sta attraversando una fase di riorganizzazione della struttura produttiva ed editoriale, che coinvolge sia lo staff interno che le unità di lavorazione collegate. Come conseguenza di ciò abbiamo avuto alcuni rallentamenti nella produzione, per cui non riusciremo a rispettare le uscite dei manga previste dal calendario di Aprile. Una volta conclusa questa fase alle battute finali, il nostro obiettivo prioritario sarà recuperare le uscite arretrate ed evitare altri futuri ritardi. Rammaricati per il protrarsi dell’attesa, chiediamo scusa a tutti i fan per il disagio e premurandoci di diramare a breve ulteriori comunicazioni. Il problema, dunque, sembrerebbe legato ad una fase di riorganizzazione della struttura interna alla casa editrice. Cosa l'avrebbe provocata? E cosa ha indotto l'esodo dei precedenti curatori? In precedenza, responsabile della linea era Paolo Gattone, che secondo il sito di Nanoda era uno dei due soci fondatori della Rw con una quota di valore di 50,00 euro. Le quote restanti pari a 9.950,00 euro erano state versate da Pegasus s.r.l. su un capitale complessivo di 10.000,00 euro. La società è stata iscritta al registro delle imprese il 28 marzo 2011. Amministratore unico è lo stesso di Pegasus s.r.l. Negli ultimi tempi si era diffusa la voce che Gattone non fosse più parte della azienda e che quindi Goen si fosse ritrovata senza un punto di riferimento preciso.
 

La conferma è arrivata durante la conferenza che la Goen ha tenuto alla Napoli Comicon di qualche settimana fa, con il video ripreso dal sito Animeclick. Paolo Gattone veniva dalle esperienze presso le case editrici Flashbook e Jpop/BD. Naturale chiedersi cosa abbia provocato l'allontanamento di Gattone. Se è stata una decisione unilaterale ovvero consensuale o se ci sono stati dissensi personali o economici con l'amministratore unico/proprietario dell'azienda. Nel video vengono presentati i nuovi responsabili della linea Goen, etichettata come Goen 2.0. a significare le profonde trasformazioni che la struttura ha subito in questi mesi. Trasformazioni che, secondo il comunicato di cui sopra, sono state all'origine dei ritardi nella produzione dei fumetti. A gestire le cose in Goen ora sono Giovanni Santucci in qualità di direttore editoriale e Massimo De Matteo come coordinatore. Il primo vanta la firma su diversi articoli apparsi su alcuni siti, tra cui Comicsblog e la cura di alcune fanzine. Il secondo non vanta precedenti fumettistici, almeno da quello che in rete si può trovare senza troppi sforzi. Goen, fin dal suo inizio, ha proposto titoli di buona qualità ma essenzialmente di nicchia, cioè tali da non garantire incassi prodigiosi. L'idea che si sono fatti i lettori in rete è che la società abbia avuto problemi di carattere economico a causa delle basse vendite, entrando così in una fase di sofferenza finanziaria. In mancanza di dati ufficiali, non possiamo confermare né smentire queste voci che girano in rete. Il presentatore precisa che si parlerà dei programmi Goen dei prossimi mesi fino a Lucca Comics, cioè fino a ottobre 2015. Un elemento che suona in termini tutt'altro che rassicuranti se si pone mente al fatto che per quella data si concluderà il quarto anno di pubblicazioni della Rw con inevitabili domande sul rinnovo eventuale dei diritti con la DC Comics, principale linea di fumetti che la società napoletana si è proposta di pubblicare dal gennaio 2012 in poi. L'articolo di Animeclick cita tutta una serie di titoli che si vedranno in questi mesi, ma la parte più importante è rappresentata dalle dichiarazioni dei nuovi gestori circa i fumetti che hanno intenzione di proseguire e di cui si erano perse le tracce, determinando la veemente reazione dei lettori che, in assenza di comunicazioni ufficiali, si erano sentiti abbandonati allo sbaraglio più completo. Ecco il testo:
 
la divisione manga ha subito una profonda riorganizzazione, è cambiato lo staff, hanno rivoluzionato il modus operandi, e mirano ad una costanza nelle uscite e nel rapporto coi lettori. In sostanza, si prende l'impegno di migliorare in tutti i punti in cui la precedente gestione aveva deluso per molti aspetti. Nuova organizzazione, nuovo staff, nuovo modo di operare, più costanza nelle uscite e rapporto coi lettori più stretto del passato. E infatti, è aumentata la frequenza di aggiornamenti sulla pagina Facebook, più di quanto avvenga sulla pagina Lion e Lineachiara, che stancamente si trascinano. Si parla, poi, di un'unica sede dove sarebbe concentrato tutto il personale, salvo quello dei traduttori e dei collaboratori esterni. Il che porta alla domanda: allora prima c'erano più sedi operative? Si citano i titoli che vanno bene, cioè vendono abbastanza da proseguire la loro corsa e che sono: Alice Academy, Karakuri Circus, Forza Shugar, Holyland. E gli altri? Non vendevano abbastanza? Saranno chiusi? Le perplessità dei lettori aumentano soprattutto perché i nuovi gestori sembrano essere stati destinatori di un mandato a tempo. Come a dire: fino a Lucca Comics il piano è questo, poi si vedrà. In qualche modo, sembrano confermare l'intenzione di proseguire tutti i titoli interrotti, anche se non è stato precisato il modo. Santucci e Di Matteo, visibilmente emozionati, ma con molta determinazione. Vorremmo, però, conoscere quali sono stati i  problemi che hanno portato all'allontanamento dello staff gestito da Paolo Gattone. Di ciò non viene menzionato alcun particolare. Devono essere stati problemi gravi dato che Santucci parla di rinascita, alludendo ad una situazione in cui l'etichetta era praticamente scomparsa. Il suo compito principale è, dunque, quello di completare le serie già iniziate, tentando di riacquistare la fiducia dei lettori. Con voce forte Santucci dichiara: Goen è viva, Goen produce un sacco di manga di qualità. Quando si precisa che qualcuno o qualcosa è vivo è per sottolineare che le voci della sua scomparsa si sono rivelate esagerate. E' stato davvero così? Cosa ha fatto pensare che la Goen fosse stata chiusa? Se si fosse trattato solo di un pettegolezzo, di una sciocchezza, i due nuovi gestori non lo avrebbero evidenziato. Invece, hanno sentito il bisogno di gridarlo, ribadendolo più volte. Qualcosa, dunque, deve essere successo.

Da questi elementi possiamo ricostruire le seguenti vicende editoriali. Negli ultimi mesi del 2014 probabilmente si sono verificati all'interno dell'azienda degli accadimenti, non resi pubblici, che hanno determinato prima un rallentamento e poi una sostanziale sospensione delle attività editoriali della sezione Goen, con contestuale accumulo di ritardo nell'uscita dei volumi. Di questi ritardi non è stata fornita inizialmente alcuna giustificazione. Successivamente le pagine Facebook facenti capo alla società hanno subito uno stop nell'aggiornamento che è durato fino a marzo 2015. Nessun sito, però, si occupava della delicata questione e il motivo è di semplice comprensione. Tutti o quasi i collaboratori della Rw sono attivi nei forum, dove fungono da moderatori e admin. I nomi sono pubblici e loro stessi non fanno mistero di queste appartenenze. Poiché i siti di settore, tranne il nostro, sono legati tra loro da colleganze e rapporti amicali, è naturale arrivare alla conclusione, come in effetti avviene puntualmente, che gli argomenti scottanti non vengano toccati nei loro portali. Un nostro articolo del 12 marzo 2015 ha sollevato il velo di omertà. E da quel momento, tutti si sono affrettati a giustificare la situazione. I collaboratori/forumisti si sono subito precipitati sulle community cercando disperatamente di tranquillizzare i lettori che la Rw era ancora salda al suo posto, mentre la casa editrice si è data da fare per ripristinare l'aggiornamento del suo sito e delle pagine Facebook che ad essa fanno capo. I maggiori problemi si sono avuti alla Goen, dove la produzione, ad un certo punto, si è addirittura fermata. Poi è seguito il comunicato che abbiamo pubblicato sopra e infine il chiarimento con le nomine di Santucci e De Matteo quali nuovi responsabili della sezione giapponese. Ma perché Paolo Gattone ha abbandonato l'azienda napoletana insieme a tutto il suo staff? Problemi personali con il proprietario o problemi legati ai pagamenti? Di solito, quando si verifica un esodo così massiccio le ragioni riguardano l'aspetto economico. Dalle dichiarazioni di Santucci, la Goen appare risorta, ma con un dubbio significativo. Il loro programma si spinge fino alla prossima Lucca Comics autunnale. E poi? Aumentano i dubbi per il futuro della casa editrice partenopea per un 2016 che potrebbe essere foriero di grandi sorprese. Werner von Hauser.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.