domenica 12 luglio 2015

ARRIVA DARYL DARK E IL MONDO DYLANIATO DEL FUMETTO SI INCHINA AI SUOI PIEDI! I LETTORI IN DELIRIO!!!

Nel variegato mondo dylaniato del fumetto italiano, intendendo rappresentare con questa singolare espressione gli appassionati sostenitori di una testata di fumetti della Sergio Bonelli Editore di Milano nota come Dylan Dog, il grande Daryl Dark è balzato fuori all'improvviso come il più classico dei raggi di luce che illumina una notte apparentemente senza fine. Il buio era calato da tempo sulla serie di Dylan Dog. Le gestioni di Marcheselli e Gualdoni non erano riuscite a far tornare dalla dimensione dell'incubo il vero Dylan Dog. A settembre del 2013 inizia una nuova gestione, ma il risultato non è cambiato. Tanti mutamenti sui personaggi, perdendo di vista le storie, che sono poi il vero protagonista delle avventure Dylan Dog. I lettori, dopo essere rimasti attirati dal pensionamento di Bloch, dalla introduzione del cellulare e da ultimo dal tradimento di Groucho, si sono resi conto che la qualità delle storie era nettamente peggiorata rispetto al passato. Le storie che vengono pubblicate sulla collana Maxi Old Boy, tratte da materiale della gestione Gualdoni, riscuotono più successo dell'albo mensile. In questo scenario si colloca Daryl Dark proposto dalla casa editrice Cagliostro E-Press. Di chi stiamo parlando? Daryl Dark è il terzo tassello dell'irregular verso dopo l'arrivo di Watson & Lovecraft e Lovecraft & Sherlock Holmes! Le prime avvisaglie risalgono al 28 marzo 2015. L'editore pubblica un bando in cui cerca otto disegnatori per la sua fisica realizzazione. Lo scenario è una miscela di generi diversi di investigazione, horror, weird, occulto, suggestioni lovecraftiane e holmesiane. Le storie sono ambientate nei giorni nostri, ma non necessariamente in una epoca precisa. Daryl Dark è un investigatore dell'occulto, anche se la sua tradizione di famiglia è ben lontana dal genere. Daryl è niente meno che il tris-nipote di Sherlock Holmes! Viene creato prendendo spunto dall'attore Joseph Fiennes. Di età compresa tra i 35 e i 40 anni, è laureato in Criminologia Investigativa a Portsmouth. E' un ex-membro della Detective Inspector, ispettore investigativo in borghese, del Metropolitan Police Service dove si occupava dei cosiddetti Irregular Files, cioè casi aventi a che fare con l'occulto e il genere weird. Dimessosi dal suo incarico dopo un caso drammatico, Daryl Dark ha affittato un appartamento-ufficio al 64 di Baker Street e ha aperto un'agenzia privata di investigazioni dell'occulto e dei weird cases chiamata Irregular Investigations. Daryl Dark guida una Porsche 901. Al suo fianco c'è Holiver Hardman, detto Hardo, che come suggerisce il nome è stato creato visivamente dall'attore Oliver Hardy, più noto come Ollio. Ha 45 anni. È il socio di Daryl Dark all'agenzia Irregular Investigations. È un americano ed è stato agente FBI. Ha perso il suo compagno di servizio in una indagine congiunta con il Met. Fu in quell'occasione che conobbe Daryl. Quella è l'ultima indagine ufficiale per entrambi. Hardo rimase in Inghilterra e andò a vivere al 64 di Baker Street per lavorare con Daryl.
 

Una versione in chiave matura e perfezionata del Dylan Dog di Tiziano Sclavi. Tutto quello che Dylan Dog doveva essere e non è stato. Sebbene in un modo un po' semplicistico, Daryl Dark si colloca alla perfezione in questo riquadro. Altri personaggi sono l'Agente Fiske, un agente del MI5 (Security Service, servizio segreto interno) che ha il compito di controllare da lontano Daryl Dark. Ha trai 50 e i 55 anni. L'Agente Fiske in alcune rare occasioni smette solo di osservare gli eventi e interviene. A volte interviene in favore di Daryl, a volte interviene per salvaguardare gli interessi della Corona e del Regno Unito. Azrael. Daryl Dark ha un segreto faustiano: ha stipulato un patto dai connotati oscuri con Azrael, l'Angelo della Morte, sterminatore dei primogeniti d'Egitto e il più terribile dei servitori di Dio. Azrael appare a Daryl con le sembianze di Alice Liddell, una bambina dai capelli scuri a caschetto e sempre vestita di bianco. Ivan Koschei è stato realizzato visivamente con le sembianze dell'attore Dolph Lundgren, quello di Rocky IV. E' un finanziere oligarca russo trasferitosi nella City londinese, ha interessi economici diversi, è ricchissimo e circondato di belle e giovani donne che cambia di continuo. E c'è una ragione: è in realtà Koschei il Senzamorte, stregone non-morto della mitologia russa che sopravvive rubando la giovinezza alle donne. Infine, il cast è completato da Jane Marple, realizzata graficamente a Shirley Manson. Il nome è quello di una delle protagoniste dei racconti di Agatha Christie. Coetanea di Daryl Dark. Ispettrice Investigatiiva del Met. Pensa che Daryl Dark sia un cialtrone e un ciarlatano, ma ne subisce il fascino anche se non lo ammette. Il bando è scaduto il 1 maggio 2015 e la realizzazione è stata prevista per 31 luglio, ma pochi giorni fa è uscito il numero 0 di 16 pagine sul sito della Cagliostro E-Press leggibile gratuitamente. A Lucca Comics & Games 2015 sarà presentato il volume cartaceo di 220 pagine al prezzo di 16,90 euro. Il formato sarà quello brossurato 16x21 di tipo bonelliano. Supervisore del progetto è Filippo Burighel, mentre l'autore grafico del personaggio di Daryl Dark è Sergio Vanello. L'8 luglio è stato distribuito gratuitamente il numero 0. Grande riserbo dell'editore e degli autori impegnati. Il successo è stato immediato. In poche ore, i download sono stati più di 1500, con 50 condivisioni e altre centinaia di Like. Un successone, che ha destato l'attenzione di addetti ai lavori e autori importanti di altre case editrici, che si sono pubblicamente complimentati. Un exploit se si pensa che l'editore ha messo online free solo 16 pagine riccamente illustrate. La copertina è realizzata da Sergio Vanello e raffigura Daryl e Hardo alle prese con un mostro di chiara impostazione lovecraftiana nella metropolitana di Londra. I colori di Gaetano Sarrantonio sono particolarmente brillanti.

E' stata una sorpresa scoprire Sergio Vanello, che è professore di discipline pittoriche. Sul suo profilo Facebook è possibile avere un assaggio della sua arte, tra cui un ritratto eccezionale, che al nostro Sven Blomqvist, grande esperto d'arte, è piaciuto molto. A pagina 2 troviamo un interessante articolo editoriale scritto da Massimiliano Gobbo e già da questo si può notare una prima, positiva differenza rispetto agli editoriali che si possono leggere sulla collana di Dylan Dog. Mentre in quella sede si menzionano spesso generi cinematografici e della letteratura horror, esaltandone spesso le connotazioni negative, in Daryl Dark avviene il contrario. Negli editoriali di Dylan Dog n. 339, ad esempio, si trovano omaggi al caos e alla sedizione e tutta la storia è orchestrata per rappresentare al lettore una immagine quasi romantica della rivoluzione sociale. In realtà, non c'è nulla di positivo in un messaggio che esalta una via non pacifica contro il malgoverno. Si citano come seminali pellicole che parlano di morti e distruzione. In Daryl Dark ciò non avviene. Il titolo dell'avventura di 16 pagine di questo numero 0 è Il buono, il morto e il cattivo. Il riferimento al noto film di Sergio Leone con Clint Eastwood è tutt'altro che scontato, ma ad un più attento esame non è così. La storia non parla di pistoleri, non è una avventura western. L'idea che abbiamo avuto noi è quella di una tecnica che il noto scrittore americano Stephen King utilizza nei suoi romanzi horror. L'impensabile, l'impossibile fa irruzione nella realtà e sconvolge consolidati equilibri. Horror e detective story mischiati insieme con un retrogusto weird e pulp, citando le parole dell'autore del pezzo. La domanda che ci si pone appena sfogliato questo numero 0 è: si tratta di una copia di Dylan Dog? Un lettore superficiale o un asslicker del nuovo corso risponderebbe di si. Anche in  questo caso, un esame più profondo rivela una realtà differente. Se è noto che i fan del rilancio siano caratterizzati da una cultura molto risicata e tale da fargli apprezzare storie come quella del numero 346 di Dylan Dog dove tutto si riduce al fatto che Groucho tradisce il protagonista, ma la storia si rivela vuota come le precedenti, un lettore acuto di Daryl Dark viene chiamato ad un compito più importante. Daryl Dark non è una copia di Dylan Dog, ma tra spunto dalle stesse fonti che hanno animato la fantasia di Tiziano Sclavi quando ha dato vita a Dylan Dog! Sheridan Le Fanu è lo scrittore che ha creato il primo Indagatore dell'Incubo della storia, il dottor Hesselius! Un'altra ispirazione è quella di Algernon Blackwood che ha creato il personaggio di John Silence, un investigatore che utilizzava metodi che potrebbe definire magici. Già immaginiamo la sorpresa dei fan del rilancio di Dylan Dog! Inizieranno a pensare che Tiziano Sclavi non ha creato davvero nulla di originale,

Ha trasferito in un fumetto Bonelli un investigatore, aggiungendoci un qualche ingrediente e un assistente che fa il verso a un comico poco famoso. William Hodgson è un altro scrittore che si è dato parecchio da fare per creare un investigatore dell'occulto. Il suo Carnacki si serviva della tecnologia del galvanismo, ma non si allontanava dallo stilema dettato dai suoi predecessori. E poteva mancare all'appello Bram Stocker? No, perché anche lui ha creato un investigatore passato alla storia. L'avversario di Dracula è il professor Van Helsing e i metodi di cui si serviva nel racconto non sono diversi da quelli che il Dylan Dog sclaviano utilizzava per combattere mostri e demoni. I creatori di Daryl Dark non si sono limitati a prendere spunto da altri detective dell'occulto, ma hanno creato per il loro beniamino un background d'eccezione: Daryl Dark è il trisnipote di Sherlock Holmes! I fan del nuovo corso di Dylan Dog a digiuno di elementi di qualità saranno caduti dalla sedia. Nemmeno il loro idolo può vantare una discendenza così importante. Perso nella sua autocelebrazione e nelle regole di un mondo fatto di realtà virtuale, prigioniero del suo computer e incapace di vivere nel mondo esterno, l'indagatore resta perplesso davanti alla potenza di Daryl Dark. Nelle sue avventure si respireranno le atmosfere tipiche dei racconti di Conan Doyle e non solo. Ci sarà spazio anche per le storie horror pubblicate negli anni venti e trenta del secolo scorso sulla rivista Weird Tales, che a loro volta detteranno le regole delle storie dell'IrregularVerso in cui opera Daryl Dark e gli altri personaggi. Ecco un altro elemento che diversifica questo indagatore dell'incubo dalla decaduta creatura sclaviana. Mentre Dylan Dog si perde in storie anticristiane, sataniche e prive di mordente, Daryl Dark opera in un universo narrativo che esalta le sue qualità e lo rendono unico. Un personaggio molto americano se si vuole fare un paragone con la continuity marvelliana o DC. A questo punto penserete che di più non si poteva fare, ma invece è stato fatto! Si respireranno atmosfere tipiche dei film di Hitckock e dei telefilm di detective attuali come True Detective! Tutto questo e molto altro è Daryl Dark, molto di più di un semplice investigatore dell'incubo di sclaviana memoria, molto di più della sterile figura uscita distrutta dalla fase 2 del suo rilancio. Un brillante articolo editoriale scritto da Massimiliano Gobbo è la migliore presentazione per un fumetto innovativo come Daryl Dark. E ora passiamo alla storia, che si apre con un colpo di scena. Daryl viene ucciso! Ma come, penserete, è già finito tutto nella prima tavola? Lo sfortunato asslicker del rilancio di Dylan Dog penserebbe questo, aspettandosi di leggere la solita storia noiosa, ma qui il caso è diverso. Daryl impreca Santiscariota, alludendo al biblico traditore di Cristo. Dylan Dog si sarebbe limitato al più classico Giuda Ballerino, mentre nell'ottica del rilancio griderebbe Hell's Bell's, nota canzone satanica degli AC/DC.

Daryl Dark, però, non può morire! Racconta di avere fatto un patto con un angelo di nome Azrael. Una volta era un membro del Met, la polizia metropolitana londinese, ma poi ne è uscito per fare l'investigatore privato. A differenza del suo trisnonno Sherlock Holmes, Daryl Dark tratta esclusivamente casi legati al mondo paranormale e dell'occulto. E questo è un altro punto di cruccio per i poveri lettori dylaniati delusi dal rilancio del loro beniamino. Nel numero 340 apprendono che il vero nome dell'ispettore Bloch è o sarebbe Sherlock Holmes! Molti risero, altri imprecarono per l'impotenza davanti alla prospettiva che il personaggio venisse distrutto in questa maniera. Daryl chiama i casi che affronta Irregular Files, ovvero tutto ciò che è Irregolare rispetto alla norma. Un tipo disperato si presenta nell'ufficio di Daryl Dark. Dice di chiamarsi Robert R. Relich e racconta di essere famoso come nuovo H.P. Lovecraft. Il popolo del web impazzisce per lui o è quello che crede. Gli autori qui si divertono nel prendere in giro una moda, triste e desolante, del mondo del fumetto attuale. Tanti autori autocelebrati in rete, ma che nel mondo reale sono sconosciuti. Ogni tanto qualche editore gli dà fiducia, salvo scoprire con amarezza che le vendite esorbitanti che sperava di realizzare sono rimaste una utopia. Per quanto possa apparire assurdo, esistono editori che credono che i Like sulle pagine di Facebook equivalgano a copie vendute! Quando capiscono di essere stati presi per i fondelli, si liberano in fretta e furia dell'ingombrante fardello. Quando Relich, nel pieno dei suoi attacchi di fuga dalla realtà, parla di popolo del web, intende riferirsi a qualche decina di asslickers e capra-fan, che nemmeno leggono ciò che scrive, ma che si divertono a farglielo credere. Per entrare nelle loro grazie, il povero Relich si improvvisa comunista o estremista di destra a seconda della moda del momento, ma ciò che raccoglie sono i pochi plausi di persone che ne hanno pietà. Qualcuno vuole uccidere Relich e lui vuole che Daryl Dark indaghi. E' disposto a pagare dieci volte la sua tariffa giornaliera. A un certo punto, Daryl gli dice di non essere estimatore dei suoi orrendi libri e questi, in uno dei rari momenti di lucidità, afferma che se voleva una recensione positiva, non avrebbe avuto difficoltà a comprarla da qualche amico youtuber. E' interessante notare che per tutta la durata della conversazione, Relich non toglie gli occhialini da pazzo che tanto predilige. La fidanzata di Relich, nota dj Elettra Nox è stata trovata uccisa e sul suo corpo vengono rilevati strani segni esoterici, tra cui quello di Mammona. Nella sua pazzia, crede di essere stato lui a richiamare questo demone grazie ad un rituale descritto in uno dei suoi libri. Relich è forse membro di qualche organizzazione esoterica che lo ha aiutato ad entrare nel mondo editoriale.

Daryl Dark è titubante, ma Hardo prende in mano la situazione e accetta il caso. A differenza delle avventure di Dylan Dog, dove Groucho viene rappresentato come un comico fallito, privo di spessore e senza caratterizzazione, tanto che gli autori del rilancio stanno avendo mano facile per costruire su di lui le trame più fantasiose, Hardo è un personaggio a tutto tondo, dotato di una forte personalità e non stupido come il suo doppio. A pagina 6 fa il suo ingresso in scena Jane Marple, un nome che richiama la celebre protagonista di tanti racconti della Christie, a cui Daryl chiede aiuto. Jane è attratta da lui, ma solo con riluttanza accetta di aiutarla. Jane è una donna forte ed è straordinario come gli autori in poche battute ne abbiano costruito una personalità di grande profondità. La inspector rivela a Daryl che nella stanza dove è stata rinvenuta Elettra, il cellulare era scomparso. A pagina 7 Hardo rivela un particolare del suo passato. Mentre Groucho è l'immagine del comico fallito e in un certo qual modo del fumettista fallito, Hardo rivela di avere lavorato per l'FBI! Gli indizi portano il dinamico duo alla stazione fantasma di Aldwych, dove il cellulare di Elettra si era agganciato l'ultima volta. Sembra tutto molto facile! Possibile che Daryl sia stato attirato in una trappola? L'angelo Azrael gli appare nelle forme di una ragazzina. Lo avvisa che è stato lui ad attirarlo qui, ma lui chi? A pagina 9 si consuma il dramma. Il lui è Relich! Appare alle sue spalle e gli spara! Ma Daryl non può morire. Relich, perso nel suo delirio di onnipotenza, non poteva saperlo. Sarà la sua fine. Poi spiega perché è giunto al suo folle gesto. Il suo ultimo libro, John Dioscur, è stato un fiasco. Di cosa stupirsi? Come tutti gli altri personaggi del web, nel mondo reale è sconosciuto e chi comprerebbe mai i libri o i fumetti di uno sconosciuto dilettante che non è in grado di creare contenuti innovativi? John Dioscur è stato un fiasco nonostante se ne sia parlato ovunque, che nella mente malata di Relich equivale ai pochi siti web che hanno pietà di lui e ne parlano come se fosse un divo, anche se sono consapevoli che sia un povero fallito. Gli editori non sono completamente stupidi. Si fidano, ma quando vedono che le copie non si vendono, iniziano a capire di essere stati tratti in inganno e la fiducia cieca che avevano verso lo strampalato che si era o era stato presentato ai loro occhi come chissà quale predestinato inizia a vacillare. Consapevole di ciò e per la prima volta davanti alla realtà, Relich impazzisce. Crede che la sua fidanzata sia gelosa di lui e così la uccide con il rituale del demone Mammona o almeno è quello che crede di avere fatto durante le sue fobie allucinatorie. In quel momento, il demone si impossessa di lui e gli comanda di uccidere chiunque possa minacciare la sua fama, che in realtà esiste solo nella sua fantasia.

Ma Relich è così pazzo da non accorgersene. Il prossimo nell'elenco è lo stesso Daryl Dark! A Londra non si parla che di lui. Relich è invidioso del suo successo e così, fingendosi suo cliente, tenta di ucciderlo, ma non sa che Daryl Dark non può morire. Poi arriva Hardo che gli piazza una pallottola ben precisa e gli dice, scherzando, che l'unica cosa qui ad essere soprannaturale è il suo ego folle. Infine, viene rivelato che gli scopi di Relich erano altri. O forse è Mammona che parla per lui. Daryl deve pagare per tutti i crimini commessi dalla famiglia degli Holmes ed ecco che le ombre di un misterioso passato si diradano e lasciano intravedere sviluppi narrativi incredibili, che ammireremo nei numeri successivi. Appena 16 pagine e già Daryl Dark presenta tali e contanti contenuti innovativi che gli stralunati lettori di Dylan Dog saranno rimasti folgorati. D'ora in avanti, sarà Daryl Dark il loro fumetto horror preferito. E anche se una simile affermazione può apparire eccessiva, ad un più attento esame non lo è. Troppa l'insoddisfazione generata dal rilancio dell'indagatore dell'incubo. Conseguenza forse di una attesa gonfiata. Consapevoli di non potere mantenere le promesse, gli autori si sono impegnati in un'opera di decostruzione del personaggio, per riscriverlo da capo. Evidente che i lettori, soprattutto quelli storici, non abbiano gradito. Non è detto che questa volta sarà stata l'ultima in cui avremo sentito parlare di Robert R. Relich. Il personaggio presenta buone potenzialità. La sua follia e il suo ego smisurato potrebbero fornire le basi per nuove avventure e poi non è detto che quello che ha visto Daryl sia il vero Relich. Forse era una rappresentazione di Mammona. Forse il verso Relich non sa nulla e non immagina di essere stato usato per colpire Daryl Dark. Il prossimo episodio, che poi corrisponde al numero 1, vedrà Daryl Dark risolvere il mistero di H.P. Curwen. Daryl Dark è stato creato da Filippo Burighel, Claudio Franchino e Piero Viola. Le copertine dell'opera sono di Sergio Vanello. Viola ha curato anche il soggetto e la sceneggiatura. Alle matite troviamo Simone Michelini, astro nascente che farà molto parlare di sé. Ciò che distingue Daryl Dark da Dylan Dog è il fatto che il primo appartiene ad un universo narrativo ricco di personaggi famosi. Il pubblico ha risposto molto bene. Migliaia di download e apprezzamenti di autori e addetti ai lavori famosi fanno bene sperare per il volume cartaceo che sarà presentato a Lucca Comics 2015. Sarà un volume di 220 pagine, formato 16x21,5, con alette e prezzo di 16,90 euro. La casa editrice ha lanciato una serie interessante di iniziative, che permetteranno ai fan di avere copie autografate dagli autori direttamente a casa. Sul sito di Cagliostro E-Press tutte le informazioni. Riteniamo che Daryl Dark sarà un successo straordinario. Gunnar Andersen.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.