domenica 20 settembre 2015

AXEL ALONSO: INTERVISTA DEL 12-06-2015! BRIAN MICHAEL BENDIS SULLA NUOVISSIMA TESTATA DI IRON MAN!!

Albert Ching: Axel, you were in Oakland for Game 2 of the NBA Finals on Sunday, right? [Axel, sei stato a Oakland per la Gara 2 delle finali NBA sabato, giusto?].
 
Axel Alonso: Yes, I was. I attended the Game 2 of the NBA Finals, and I enjoyed it a lot and I to see those guys vying for ball in the magical game [Si, ci sono stato! Ho guardato la seconda partita e mi sono divertito davvero a vedere quei ragazzi che si contendevano il pallone in quel magico incontro].
 
Albert Ching:  had to have been a tough one. You excited during the game? [Deve essere stato un momento particolarmente duro. Ti sei anche emozionato?].
 
Axel Alonso: Yeah. When the [Golden State] Warriors raced back from 11 points down in the last couple of minutes to tie the game and send it to OT, I'd have bet the farm they were going to win. Inexplicably, they went cold. All credit goes to Cleveland. [Matthew] Dellavedova -- if you've ever played the game, he's that short, slow, kinda overweight guy that dives for every ball and inexplicably just gets $#!# done [Già. Quando i Warriors Golden State erano indietro di 11 punti negli ultimi due minuti per riannodare il gioco e mandarlo OT, avrei scommesso la fattoria che stavano per vincere. Senza ragione, si sono raffreddati. Tutto il merito va a Cleveland. Matteo Dellavedova, se mai è stato partecipe di quella frazioen, è quel particolare tipo di giocatore maledettamente lento, in sovrappeso che non può fare a meno di tuffarsi su ogni pallone e inspiegabilmente non riesce a beccarne uno e non si mette al servizio della sua squadra!].
 
Albert Ching: Let's start with the big Marvel news from the past few days: The Invincible Iron Man by Brian Bendis and David Marquez. It's being presented by Marvel as the flagship book of All-New, All-Different Marvel. Usually the flagship book is a team book -- like "Uncanny Avengers" during Marvel NOW! What does it mean to you to call this series the flagship book, and Iron Man Marvel's flagship character? [Cominciamo con la grande notizia Marvel uscita in questi giorni: Invincible Iron Man di Brian Michael Bendis e David Marquez. Si è parlato di questo albo come portabandiera delle nuove serie All-Different All-New del nuovo universo Marvel. Di solito, gli albi di questo tipo sfoggiano una squadra come è stato per Uncanny Avengers durante il Marvel Now. Cosa vuole dire per te parlare di questa testata come una serie portabandiera e di Iron Man come un personaggio portabandiera della Casa delle Idee?].
 
Axel Alonso: Iron Man is one of the most recognized superheroes on Earth, he was the first brick in Marvel Studios' cinematic master plan, and his complexity makes him appealing to men and women -- with "All-New, All-Different" Marvel on the horizon, we just decided that it was high time we double down on the character in our publishing plans. That, of course, starts with the talent. Whoever suggested Brian for the job -- maybe it was Tom Brevoort, maybe it was Dan Buckley -- they sure didn't face any opposition from me! [Laughs] Brian's imagination and ability to drill down and figure out what a character's really about and his gift for writing engaging dialogue and banter [Laughs] Well... he was a no-brainer -- if he were interested. Brian embraced the challenge, he did his research and he reflected on one particular aspect of Iron Man's recent history: the revelation that Stark was adopted. That might have been the final piece for Brian, who is the father of two adopted daughters: he would have an outlet to write about a topic close to his hear in a manner that he felt comfortable. I am very excited about what's ahead [Iron Man è uno dei supereroi più conosciuti della Terra. E' stato il primo personaggio a cui abbiamo pensato all'alba del progetto Cinematic Universe. La sua complessità costituisce motivo di interesse per gli uomini e per le donne. Quando abbiamo lanciato il nuovissimo e diversissimo Universo Marvel, ci è sembrato il momento opportuno per farlo primeggiare nei nostri piani. Ciò, naturalmente, facendo affidamento sul talento. Tutti quelli che mi hanno suggerito Brian Michael Bendis per questo, che sia stato Dan Buckley o Brevoort, era certo che non mi sarei opposto. La sua immaginazione e la capacità di capire un personaggio facendogli esprimere quella che è la sua vera essenza e la sua abilità nella sceneggiatura, be non mi sarei opposto se si fosse dimostrato interessato. Brian ha abbracciato la sfida, ha fatto le sue ricerche, riflettendo su un aspetto della storia recente di Iron Man, cioè la rivelazione di quando si è scoperto che Tony era stato adottato. Sapevamo che quello sarebbe stato il suo pezzo preferito. Brian ha adottato due bambine. Avrebbe avuto l'occasione per scrivere cose di cui sentiva direttamente il sentimento in virtù delle sue esperienze personalissime. Sono molto entusiasta di quello che verrà].
 
Albert Ching: That's certainly makes it an intriguing match. And I'd also like to get your thoughts on why David Marquez is the right choice for artist, he's been working with Bendis for years now on Ultimate Spider-Man, and this an even bigger step up in terms of stature. What has you excited about what Marquez is bringing to this series? [Questo rende certamente intrigante la nuova serie. Vorrei chiederti però cosa ti ha convinto del fatto che David Marquez sarebbe stato l'artista ideale per questa serie? Il fatto che abbia lavorato con Bendis per anni sulla serie Ultimate Spider-Man, mentre ora avrà la possibilità di concretizzare il passo più importante della sua carriera in termini di risultati. Quanto sei eccitato all'idea che Marquez prenderà le redini di questa collana?].
 
Axel Alonso: Have you seen his art so far!? [Laughs] Look, we all thought that Marquez was poised to explode. And he has great chemistry with Brian. So we told him our not-so-modest goals for the character and he embraced he challenge. And his promo images, design sketches and preliminary pages are, as they say, "Next Level $#!#." In their careers, artists are presented with opportunities -- challenges to embrace -- that help their styles to evolve. I think that's what we're witnessing here [Segui i suoi lavori da molto tempo! Vedi, noi tutti qui pensiamo che Marquez stia sul punto di esplodere. Ha una grande chimica con Brian. Così gli abbiamo riferito delle nostre intenzioni, degli obiettivi che volevamo raggiungere con il personaggio e lui ha abbracciato la sfida. Le immagini di promozione rese pubbliche, i bozzetti realizzati e le pagine preliminari preparate sono, be, di un altro pianeta. Ogni artista nella sua carriera vede presentarsi l'opportunità di sfondare. Di abbracciare delle sfide, permettendo al loro stile di evolvere. E penso che saremo testimoni di questo fenomeno proprio qui].
 

Albert Ching: This series was announced last week at Special Edition: NYC, but it's been established that the bulk of the All-New, All-Different Marvel titles will be released in a print magazine -- an edition of "Marvel Previews" out in July. That seems almost like a more old-school way of announcing a bunch of new series, rather than a slow rollout online with teasers and one or two things popping up a day for a few weeks. What can you share about Marvel's strategy here? [La serie è stata annunciato la settimana scorsa alla Special Edition di New York, ma si pensava che la grande massa del nuovissimo e diversissimo Marvel Universe sarebbe stata presentata in una edizione del preview di luglio. E questo è sembrato un vecchio modo di annunciare l'uscita di tante nuove serie in un colpo solo anziché come avveniva prima, quando ogni due giorni veniva diffuso un teaser e il tutto avrebbe richiesto almeno due settimane. Cosa ci puoi dire delle mosse strategiche della Marvel in un momento così delicato per il lancio di un universo narrativo tutto nuovo e diverso?].
 
Axel Alonso: It's a new strategy. More a shock-and-awe strategy that reinforces how interlinked all of these characters are. They are all part of the Marvel Universe that's going to hit you post-"Secret Wars" a world resembles the one you know, but isn't exactly what you remember [E' una strategia nuova. Qualcosa di più che ci permette di rafforzare personaggi tra loro collegati. Ognuno di essi è parte dell'universo Marvel post-Secret Wars, un mondo che assomiglia a quello che abbiamo imparato a conoscere per decenni, ma che non è esattamente uguale ad esso per alcuni cambiamenti che abbiamo apportato].
 
Allbert Ching: And we're still in the midst of "Secret Wars," with a lot of new "Secret Wars"-related series debuting this past week. Let's start with "Weirdworld," which was one of the most unexpected announcements during the initial rollout, but has a heck of a creative team in Jason Aaron and Mike del Mundo. It's also a prime example of the non-superhero genres that Marvel is exploring with "Secret Wars." For you, seeing the finished product, how pleased are you with how the book has taken shape? [Siamo ancora nel bel mezzo di Secret Wars con molte nuove serie che hanno fatto il loro debutto la settimana scorsa. Cominciamo con Weirwold, che si è rivelato essere uno degli annunci più inaspettati durante il rollout iniziale, ma che presenta un team creativo di prim'ordine: Jason Aaron e Mike Del Mundo. Si tratta del primo esempio di testata non supereroistica che la Marvel sta esplorando in Secret Wars. Dopo che hai visto il prodotto finito, quanto sei rimasto compiaciuto del lavoro che è stato realizzato su questa collana dal momento che non si tratta di una serie di supereroi?].
 
Axel Alonso: This book is completely up my alley. I grew up as a huge fan of the dark fantasy genre: Robert E. Howard, "Conan" comics, Richard Corben. You know, a world inhabited by barbarians and wizards and cavemen and monsters. So did Jason, which is why he laid claim to "Weirdworld" the moment it became a piece of the geography of Battleworld. I love the book. It's a brisk, fun read and it's laying down a huge piece of the new Marvel Universe moving forward. A substantial piece of real estate, populated by God knows how many characters that will become relevant in coming years [Questo titolo è come se fosse il mio vicolo. Sono cresciuto come un grande fan del genere dark fantasy: Robert E. Howard, i fumetti "Conan", Richard Corben. Sai, un mondo abitato da barbari e maghi e uomini delle caverne e mostri. Così è stato per Jason. E' stato per questo motivo che ha chiesto di occuparsi di "Weirdworld" nel momento in cui è diventato un pezzo della geografia del Battleworld. Amo questa serie. Si tratta di una vivace e divertente lettura e riguarda un enorme pezzo del nuovo Marvel Universe che si vedrà. Un pezzo consistente popolato da Dio sa quanti personaggi che diventeranno rilevanti nei prossimi anni].

Albert Ching: And what an opportunity to see del Mundo cut loose on a book with a unique setting [Sarà l'occasione per vedere come se la cava Del Mundo su una serie caratterizzata da un ambiente unico e nettamente differente dagli ambienti classici del Marvel Universe popolato da supereroi e cattivoni].
 
Axel Alonso: Talk about an artist evolving. Every time he does a new assignment, Mike displays a new kung-fu skills. I was blown away by his work on "Elektra" -- all of us were; it was the prime reason that we wanted him on this book -- and that was just a warm-up compared to what he's doing here [Stiamo parlando di un artista in continua evoluzione. Ogni volta che lavora su un nuovo incarico, Mike visualizza un nuovo stile di kung-fu. Sono stato spiazzato dal suo lavoro su "Elektra" - tutti lo siamo stati, in verità; è stato il motivo per cui lo abbiamo voluto, soltanto un warm-up rispetto a quello che stava realizzando].
 

Albert Ching: Ghost Racers #1 by Felipe Smith and Juan Gedeon was also title out this week. I know you're a fan of the Reyes character this is an interesting series, because it features past Ghost Riders, but Robbie Reyes is definitely the focus character of the book. Do you see this series as pushing Robbie even further, and establishing him as "the" primary Ghost Rider in the Marvel Universe? ["Ghost Racers" # 1 di Felipe Smith e Juan Gedeon è stata un'altra novità di questa settimana. So che sei un fan del personaggio di Robbie Reyes, una serie interessante, perché ci sono i Ghost Rider del passato, ma Robbie è sicuramente il protagonista della testata. Vedi questa serie come un modo per spingere Robbie ancora di più, stabilendolo come il Ghost Rider primario nel MU?].
 
Axel Alonso: Without a doubt. Robbie Reyes is here to stay. The question is, who else in Ghost Racers is here to stay? You'd have thought it? [Senza dubbio. Robbie Reyes è qui per restarci. La questione è, chi altri in Ghost Rider è qui per restarci? Lo avresti mai pensato?].
 
Albert Ching: This week saw the release of "Marvel Zombies" #1 by Simon Spurrier and Kev Walker. This is the first "Marvel Zombies" series at Marvel for a few years, something that was once a regular fixture. This one is a little different take -- it's "Secret Wars," it's on Battleworld, but beyond that did it seem internally that it might be time to explore the concept again? [Questa settimana ha visto l'uscita della release di Marvel Zombies n. 1 di Simon Spurrier e Kev Walker. Si tratta della prima serie Marvel Zombie uscita da diversi anni a questa parte, qualcosa che una volta era un appuntamento fisso. Siamo in presenza di una divagazione collegata a Secret Wars o al Battleworld, ma al di là di questo non ti sembra il momento meno adatto per riesplorare questo genere narrativo?].
 
Axel Alonso: Without a doubt. "Secret Wars" gave us the perfect opportunity to reshape the Marvel Zombies landscape and smack it down in the heart of the Marvel Universe. Editor Daniel Ketchum tapped writer Si Spurrier, who came back with a delicious pitch that allowed for maximum mayhem and occasional laughs -- Elsa Bloodstone traversing a landscape ravaged by your favorite Marvel superheroes, zombified -- and that was that [Senza dubbiio. Secret Wars ci fornisce la perfetta opportunità di riplasmare l'affresco del Marvel Zombies e proiettarlo direttamente nel cuore del nuovo Marvel Universe. Il supervisore Daniel Ketchum si è servito dello scrittore Si Spurrier per questo compito, che è tornato con un tocco delizioso per regalarci questo momento di ironia e caos occasionale. Elsa Bloodstone attraverserà un paesaggio costellato dei vostri personaggi Marvel preferiti in versione zombie e basta].
 
Albert Ching: This week's "Captain Marvel and the Carol Corps" #1 sees "Captain Marvel" veterans Kelly Sue DeConnick and David Lopez joined by Marvel newcomer Kelly Thompson as co-writer. Beyond her fiction writing, Thompson happens to be a longtime CBR contributor -- what attracted Marvel to her work? [Questa settimana in Captain Marvel and the Carol Corps n. 1 si è vista la veterana Kelly Sue DeConnick e David Lopez unire le proprie forze a Kelly Thompson in qualità di co-sceneggiatrice. Al di là della sua attività come autrice, la Thompson è stata per anni collaboratrice di CBR. E' stato questo suo lavoro che ha attirato la Marvel convincendovi ad affidargli il ruolo di co-sceneggiatrice sulla nuova serie di Captain Marvel?]
 
Axel Alonso: Editor Sana Amanat read one of Kelly's short stories and other work and thought she had great potential -- she's doing some great work on "Jem" at IDW. She thought it would be cool to pair Kelly -- someone new to Marvel -- with someone seasoned, like Kelly Sue. Fostering the next generation of talent through those who have already been in the trenches [Il supervisore Sana Amanat ha letto le sue storie brevi e altri suoi lavori vedendo in lei del grande potenziale. Ha fatto grandi cose con la serie Jem per la IDW. Pensava che sarebbe stato grandioso affiancarla a Kelly. Una faccia nuova alla Marvel a fianco di una persona più esperta. Intendiamo promuovere la prossima generazione di talenti a cominciare da quelli che sono stati già in trincea].
 
Albert Ching: I said just a couple questions ago that "Weirdworld" was unexpected, but certainly "Mrs. Deadpool and the Howling Commandos" by Gerry Duggan and Reilly Brown meets that qualification as well. As someone who has been a proponent of Duggan's work on "Deadpool" since the beginning, what was it about this series that made it the right fit for "Secret Wars?" [Un paio di domande fa ho detto che Weirworld si è rivelato una sorpresa, ma certamente Mrs. Deadpool and the Howling Commandos di Gerry Duggan e Reilly Brown si inquadra perfettamente in questa descrizione. Dal momento che sei stato uno dei maggiori sponsor del lavoro di Duggan su Deadpool fin dal suo inizio, cosa ti ha convinto del fatto che questa serie potesse trovare spazio in Secret Wars?].
 
Axel Alonso: Deadpool's wife, Shiklah, has been a regular cast member of "Deadpool" since their wedding back in issue #27, and with Deadpool having died in the buildup to "Secret Wars," it seemed like a good opportunity to put the spotlight on her and show why Deadpool -- and Gerry and [editor] Jordan [D. White] -- loves her so much. This is a series that no fan of Gerry's "Deadpool" run should miss -- it's no accident that Deadpool's name is in the title. This mini spins right out from events in Gerry and Brian [Posehn]'s run, and it will have important ramifications for any possible future Deadpool might have in Marvel Comics of the future [La moglie di Deadpool, Shiklah, è stata un membro regolare del cast di Deadpool fin dal suo matrimonio verificatosi nel numero 27 della serie regolare e dal momento che Deadpool era morto nelle fasi preliminari di Secret Wars, mi sembrava una buona occasione per puntare i riflettori su di lei visto che il supervisore della collana, Jordan D. White, la ama così tanto. Si tratta di una serie che nessun fan di Deadpool vorrebbe perdere e non è un caso che il nome Deadpool campeggia nel titolo. Si tratta di una mini fuori dagli eventi di cui Gerry e Brian si stanno occupando nella serie principale del personaggio, ma avrà importanti implicazioni negli sviluppi futuri della collana di Deadpool e nel Marvel Universe che verrà dopo la conclusione dell'evento di Secret Wars].
 
Albert Ching: Rounding out the new "Secret Wars" #1s for the week is "1602: Witch Hunter Angela." Angela has only been a part of the Marvel Universe for a couple years now, and readers are already seeing an alternate take on her. What do you think this says about the way the character has already permeated the Marvel terrain? [A completare il quadro delle uscite collegate a Secret Wars di questa settimana troviamo 1602: Witch Hunter Angela. Angela fa parte del Marvel Universe da un paio di anni e i lettori l'hanno già pienamente promossa. Cosa ne pensi del modo in cui questo personaggio ha già permeato il MU?].
 
Axel Alonso: Frankly, I think it shows that we were pretty successful in seamlessly working her into the Marvel Universe. If Angela didn't fit into the MU, then a book starring an alternate reality version of her wouldn't likely gain any traction with fans, but readers are into this "1602" book and this 1602 version of Angela as much as they are any of our other "Secret Wars" series. I think it's all a testament to the work that Neil Gaiman, Joe Quesada and Brian [Michael] Bendis did in setting her up here, as well as the work that Kieron [Gillen], Marguerite [Bennett], Stephanie [Hans] and Phil [Jimenez] have done in establishing her as a title character [Francamente, penso che ciò dimostri che siamo stati abbastanza bravi a lanciarla nel Marvel Universe senza problemi eccessivi di continuity. Se Angela non fosse stata adatta per il Marvel Universe, probabilmente non lo sarebbe stata nemmeno una sua versione alternativa. Ma in questa collana di 1602 avrà la possibilità di porsi come uno qualsiasi dei nostri personaggi. Penso che ciò dimostri la validità del lavoro condotto da Neil Gaiman, Joe Quesada e Michael Bendis dalla sua creazione ad oggi. Allo stesso modo il lavoro svolto da [Gillen], Marguerite [Bennett], Stephanie [Hans] e Phil [Jimenez].
 
Albert Ching: And it's not publishing, but certainly big Marvel news from this week: That Jon Bernthal will be playing the Punisher in "Daredevil" Season Two. As a big fan of the first "Daredevil" season and someone who has edited some very famous "Punisher" stories, what's your take on that news? [Non è ancora stato ufficializzato, ma certamente la grande notizia Marvel di questa settimana è che Jon Bernthal ricoprirà il ruolo del Punitore nella seconda stagione di Daredevil. Siccome sei un grande fan della prima stagione e visto che hai ricoperto il ruolo di editor di alcune sue serie, cosa ne pensi di questa notizia?].
 
Axel Alonso: I was a huge fan of ["Daredevil"] season one, I am a huge fan of Punisher, and I knew Punisher was going to be a character in season two so I've been more anxious than the next guy to see who would be cast. [Laughs]. I'm really excited by the casting. I loved Jon in "Walking Dead." He looks the part -- he's got the face and the build -- and the acting chops. Though, he'll probably have to reel back the range a little bit, because Frank Castle doesn't hit quite as many emotional notes as Shane did [Sono stato un grande fan della prima stagione di Daredevil e sono un grande fan del Punitore e so che quest'ultimo reciterà una parte fondamentale nella seconda stagione del telefilm. Quindi sono molto ansioso di vedere come si muoverà nel cast questo personaggio. A parte gli scherzi, sono veramente molto eccitato all'idea. Ho amato Jon fin dalla sua apparizione in TWD. Sembra possedere le qualità perfette per recitare la parte. Anche se forse ci sarà qualche cambiamento visto che il Punitore non suscita emozioni allo stesso modo di Shane in TWD].
 
Albert Ching: Let's wrap with some fan questions. Speaking of the "Daredevil" Netflix series, last week's teasers got Spidey616 thinking: "Noticed in the All-New All-Different Marvel teaser Daredevil's billy club seems to have lost its traditional cable and appears more as it did in the Netflix series. How much influence did the Netflix series have not only on the billy club but also the darker costume? Just as important, is this an indication of a shift in tone for the DD series away from what Waid and company have been doing?" [Concludiamo con alcune domande dei nostri fan della community di CBR. Parlando della serie Netflix di Daredevil, Spidey616 chiede di un teaser uscito la scorsa settimana, in cui il cavo di Devil sembra più simile a quello visto nel telefilm. Quanto ha inciso questo elemento nella scelta? Anche il costume è più nero. Si può considerare tutto ciò un indicatore di grandi cambiamenti rispetto alla gestione di Mark Waid?].
 
Axel Alonso: To be completely honest, the Netflix series didn't really impact our "Daredevil" plans. Everyone working on "Daredevil" watched the Netflix series and loved it, but we're focused on blazing our own trail for Matt Murdock in our comics. If anything, you might notice some tonal influence from how much we dug the series. And wait and see with the billy clubs! [A essere completamente onesti, la serie Netflix non ha avuto alcun vero impatto sui nostri piani per Daredevil. Tutti quelli che hanno lavorato sulla serie a fumetti hanno visto il telefilm e lo hanno amato, ma noi siamo concentrati sulla gestione di Matt Murdock nella sua serie fumettistica. Si può dire che gli gli sviluppi sono la conseguenza del modo in cui abbiamo lavorato e le sorprese non sono finite].
 
Albert Ching: The perceptive Shadowbrat asks, "We saw Star-Lord on the teaser for ANAD Marvel, but I was wondering, can we see a closer look at his ring finger, since that will truly give us a good look at his possible status quo?" [Il perspicace Shadowbrat chiede: abbiamo visto Star-Lord sul teaser per la Anad Marvel, ma se guardiamo più da vicino l'anello al suo dito anulare, abbiamo l'impressione che il suo status quo sia cambiato].
 
Axel Alonso: We've got a ton of big plans for Star-Lord that we're going to be announcing soon, but not just yet [Abbiamo grandi piani per Star-Lord, che ben annunceremo presto al grande pubblico, ma per evidenti motivi per ora non ne possiamo parlare. Continua a seguirci e ne saprai molto di più su di lui].
 
Albert Ching: We'll close the week with Teddard_Stark, who asks, "The story 'Spider-Men' by Brian Michael Bendis and Sara Pichelli ended with Peter Parker making a seemingly shocking revelation regarding Earth 616's Miles Morales. My question is, now that Miles and Peter are both together in this new Marvel Universe, will this cliffhanger revelation be revealed and explored? Or is it to early to comment?" [Chiudiamo la settimana con Teddard_Stark, il quale chiede: La storia degli Spider-Men di Brian Michael Bendis e Sara Pichelli si è conclusa con Peter Parker che ha fatto una rivelazione apparentemente scioccante per quanto riguarda lo Spidey della Terra 616, Miles Morales. La mia domanda è, ora che Miles e Peter sono entrambi insieme in questo nuovo universo Marvel, era questo il colpo di scena che tutti aspettavano? O è ancora troppo presto per commentare su questo delicato argomento?].
 
Axel Alonso: Too early to comment, except to say that Brian has promised to follow up that amazing last page of "Spider-Men [Diciamo che è ancora troppo presto per parlarne, ma Brian ha promesso che rivelerà gli sviluppi di quella sorprendente ultima pagina di Spider-Men]. Jack Santorum.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.