sabato 12 dicembre 2015

L'UOMO RAGNO N. 638! LA MEGA-RECENSIONE! CONWAY SALUTA I LETTORI! BELLISSIMA LA NUOVA SERIE DI SILK!

Il cerchio della vita non è un cerchio, ma una spirale e le spirali a volte salgono e a volte scendono. Questa massima non è nostra, ma del grande scrittore Gerry Conway, un veterano che almeno per un po' ha fatto dimenticare la mediocrità delle storie di Slott. Il plot di Spirale è semplice. Una trama concepita per essere fruita senza problemi da fan ignoranti e privi di cultura, non dissimili da quelli che leggono le attuali storie di Dylan Dog. Sullo sfondo le nuove direttive della Disney, padrona della Marvel e in pratica di tutto il fumetto italiano, di concepire storie semplici destinate a lettori con poche pretese e all'occorrenza ideali per lanciare messaggi subliminali e in qualche caso a sfondo massonico-satanista. E' un fatto storicamente accertato che il fondatore della compagnia, il noto Walt Disney, sia stato iniziato all'ordine DeMolay, una associazione paramassonica. Un esauriente articolo di Giovanni Lombardo offre una descrizione della lettura in chiave esoterica di alcune famose opere di Disney. Un'altra fonte riporta una incredibile dichiarazione dello stesso Disney: Mi sento molto obbligato e grato verso l’ordine DeMolay per la parte importante che ha avuto nella mia vita. I suoi precetti sono stati inestimabili nel prendere decisioni, affrontare i dilemmi e crisi. DeMolay è sinonimo di tutto ciò che è bene per la famiglia e per il nostro paese. Mi sento un privilegiato per aver fatto parte dell’ordine DeMolay. La fonte dichiara di avere ripreso la dichiarazione nell'opera di Ippolito Spadafora intitolata Cartoon e Massoneria, Edizioni ETS, pag. 172. Di Walt Disney c'è di buono che fosse simpatizzante della destra e avversasse il comunismo. Nel 1947 fece una comparsa al Comitato delle Attività Non-Americane per denunciare alcuni dipendenti come simpatizzanti comunisti. Un esempio che dovrebbe essere seguito anche oggi in considerazione del disegno eversivo del socialismo e di tutta la perversione che integra nei suoi velenosi precetti. Non è un caso se il socialismo abbia potuto fare breccia nelle classi culturalmente svantaggiate e sia stato avversato da chi, dotato di mezzi culturali adeguati, ha potuto respingere la sua perversione. Di Gerry Conway abbiamo ricordi di storie ben più importanti di quelle viste negli ultimi numeri dell'Uomo Ragno targato Panini. Ma, come detto sopra, per un po' siamo stati liberati dalla presenza di Dan Slott, che dal 2008, cioè dal post-OMD, ha trasformato l'Uomo Ragno da personaggio adulto con un background di tutto rispetto in una macchietta. Non sarà l'ultima volta che leggeremo di Conway su queste pagine. Il buon Max Brighel ci informa negli editoriali che lo scrittore americano è al lavoro sulla nuova serie di Carnage con le matite di Mike Perkins. Dal prossimo numero tornano le storie di Slott tratte dalla collana Amazing in un ciclo di avventure che ci porterà dritti nell'evento di Secret Wars. E si, purtroppo, anche dopo la conclusione di questo evento, Slott continuerà a scrivere le storie del Ragno in cui Peter sarà un ricco industriale e volerà da un capo all'altro del mondo con la sua guardia del corpo, l'Uomo Ragno. No, non si tratta di una storia ospitata in una dimensione alternativa, ma del nuovo Uomo Ragno All-New e All-Different, che qualcuno paragona e a giusta ragione alla figura di Tony Stark. E per fortuna questa è una recensione di Spider-Man, altrimenti dovremmo sottolineare gli immensi disastri che gli autori stanno combinando nella vita di Tony. Di ciò ringraziamo Joe Quesada e Axel Alonso. Questo numero si fa apprezzare per la nuova serie regolare di Silk, alias Cindy Moon, che nella assurda ret-con di Slott figura essere stata morsa dallo stesso ragno radioattivo che donò i poteri a Peter Parker. Alle redini della storia troviamo il bravo Robbie Thompson, famoso per essere autore dei testi della serie tv Supernatural. Thompson è riuscito nel difficile compito di donare al personaggio di Silk quella tridimensionalità che in Spider-Verse non ha mai avuto.


Thompson non aveva molti elementi su cui lavorare, ma è riuscito a utilizzare al meglio quello che aveva. Tanti i misteri che campeggiano in questa serie. Che fine ha fatto la famiglia di Cindy? Perché nessuno li ricorda più? Quale ruolo ha avuto Ezekiel nel divenire degli eventi? Ma soprattutto, questi è ancora morto? In questi due primi episodi notiamo che due misteriose figure complottano ai danni di Silk, testandone le capacità, come visto nel numero 2 quando si è trovata alla prese con un robot della organizzazione di destra Hydra. Chi sta manovrando dietro il sipario? Quello che risulta difficile comprendere è cosa abbia detto Ezekiel per convincere una ragazza adolescente a rinchiudersi per dieci anni in una camera segreta. Sappiamo solo che ciò è stato reso necessario per fermare la minaccia di Morlun e della sua vampiresca famiglia degli Eredi, come visto nell'evento noto come Ragno-Verso. Quello che non va di questa serie sono i disegni orrendi di Stacey Lee. Mai sentito nominare prima d'ora. Negli editoriali è scritto che si tratta della nuova promessa della Marvel, ma forse Brighel aveva voglia di scherzare. Dice che questi sarebbe stato scoperto da Ellie Pyle, una degli editor delle collane ragnesche in America. Brighel sostiene ancora, ma non fornisce le fonti di queste sue affermazioni, che le serie dei New Warriors e di Uncanny X-Men disegnate da S. Lee hanno avuto un notevole riscontro di pubblico e che la nuova serie di Silk sarà curata sempre da lui. E si, perché questa serie di Silk, di cui abbiamo letto i primi due numeri in questo numero di Spider-Man, si concluderà con il numero 7, uscito negli Usa appena il mese scorso! Si tratta della nuova politica della Marvel. Mai più serie regolari, che alla lunga stancano i lettori, ma solo miniserie o maxiserie. Perfino la nuova serie di Amazing si è conclusa negli States e tra qualche settimana esordirà la nuova Amazing vol. 4! Un altro motivo per cui si è fatto apprezzare questo numero 638 del Ragno è la prima parte della storia di Superior Foes con la descrizione delle origini di Overdrive. Ai suoi amici cattivi confessa che la vera ragione della sua entrata nel mondo criminale è stata quella di farsi reclutare dai Vendicatori seguendo l'esempio di Occhio di Falco, Scarlet, Pietro Maximoff e altri! Gli altri restano sbalorditi! Temono che il loro amico possa tradirli. Nick Spencer, come sopra Thompson, ha potuto lavorare su pochi elementi, ma è riuscito a costruire con pochi passi di sceneggiatura una trama interessante. Peccato che questa serie abbia chiuso in America con il numero 17. L'ironia non manca, anche nelle parole tragiche del personaggio. Dice che da qualche mese ha iniziato a ricevere lettere di una società di recupero crediti per i naniti impiantati nel suo corpo quando ha assunto i poteri grazie a Mister Negativo. Ma se Overdrive è un criminale, perché teme una società di recupero crediti? L'unica risposta sensata è che nel mondo Marvel anche chi si occupa del recupero crediti si avvale di superesseri come fanno le altre categorie e classi sociali. Ultima segnalazione per le origini della denominazione di Terra-616 della dimensione ufficiale del Marvel Universe. Rispondendo ad una lettera di un fan, Brighel spiega che il nome è stato ideato nel 1983 dalla rivista Daredevils della Marvel UK, la sezione inglese della Marvel degli anni d'oro. In esse la majestrix del multiverso, Opal Luna Saturnyne, chiamava il mondo Marvel appunto Terra-616. Questi numeri dell'Uomo Ragno sono stati di buon livello. Si sente la mancanza delle storie tratte dalla serie di Spider-Man 2099. Nel prossimo numero torna anche la nuova serie di Spider-Woman all'insegna di un quindicinale in chiave femminile! Siamo certi che le letture ragnesche di questo Natale saranno interessanti, tranne che per le storie scritte e concepite da Dan Slott. Per la Panini è una fortuna che le serie di supporto del quindicinale siano di ottimo livello. Karl-Heinz Berghoff.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.