mercoledì 6 gennaio 2016

DIABOLIK SWIISSS N. 259! LA MEGA-RECENSIONE! RISCHIO MORTALE PER DIABOLIK IN UNA STORIA INCREDIBILE

Diabolik conosce molte tecniche di combattimento apprese durante gli anni trascorsi sull'isola di King, ma vi è sempre il rischio di incontrare qualcuno più forte e in questa storia pubblicata nel 1974 e oggi riproposta nel numero 259 della collana Swiisss lo apprenderà a sue spese correndo un vero e proprio rischio mortale. L'obiettivo di Diabolik è impadronirsi dei gioielli che il facoltoso Massimo Darsen ha regalato alla moglie. Una fortuna immensa. Tutti i gioielli della sua famiglia che Diabolik amerebbe tanto regalare a Eva. Un primo tentativo di entrare nella sua casa fallisce. Stava per sciogliere con l'acido una delle grate di ferro delle finestre, ma in una di esse c'era il filo dell'allarme collegato con la stazione di polizia di Clerville. Un trucco che il Re del Terrore non si aspettava di trovare. L'unico modo che gli resta di realizzare il colpo è di sostituirsi allo stesso Darsen, approfittando del fatto che qualche giorno dopo sarebbe partito per Tallburg. Diabolik organizza un piano astuto, ma come il lettore sa il principale nemico di Diabolik non è l'ispettore Ginko bensì l'imprevisto. Ciò che rende le sue storie incredibili. Diabolik si presenta a casa Darsen. La moglie non si accorge di nulla. Racconta che è riuscito a sistemare tutto a Tallburg e che in questo modo è potuto tornare prima. In realtà, il vero Darsen è ancora a Tallburg. Eva Kant è rimasta nel rifugio. Il suo compito è quello di bypassare le chiamate in arrivo a casa Darsen per evitare che il marito chiami la moglie. A Diabolik non resta che aprire la cassaforte e rubare i gioielli. I preziosi non ci sono! Darsen avrà preso precauzioni custodendoli in un altro posto segreto della casa. A Diabolik non resta che obbligare la moglie del Darsen a parlare. Non dovrà usare violenza. Le basterà spaventarla al punto giusto. La donna, però, si presenta a casa accompagnata dai coniugi Bristoll! Il secondo imprevisto che minaccia di scombinare i piani di Diabolik. Nel frattempo, Eva intercetta una chiamata del vero Massimo Darsen, che gli annuncia che sta per tornare! Eva deve fare in fretta. Con una maschera della moglie lo andrà a prendere all'aeroporto e dì lì al rifugio permettendo al suo adorato di completare il colpo. Gli imprevisti iniziano a funestare anche le mosse di Eva. A Clerville quel giorno si terrà l'annuale gran premio di motociclismo e alcune strade della città saranno bloccate. Tra queste quella che conduce all'aeroporto! Eva cerca di avvisare subito Diabolik che non potrà evitare al vero Darsen di tornare a casa, ma non vi riesce. In quel momento, il suo amato ha il comunicatore spento. E' con la moglie e i Bristoll e sta inscenando un nuovo stratagemma per scoprire il posto dove sono nascosti i gioielli. Riferisce alla moglie che la compagnia di assicurazione lo ha chiamato la mattina per comunicargli che il premio è stato di nuovo alzato.
 

Una storia plausibile alla quale la donna crede subito e rivela a Diabolik il posto dove si trovano nascosti i gioielli: l'innocuo acquario! Sotto la sua base c'era un comparto segreto dove i preziosi sono stati celati per tutto il tempo. A Diabolik non resta che agire più in fretta possibile. Credendo che il Darsen sia ancora a Tallburg, non ha pensato di accendere il comunicatore per sentire dalla sua adorata come vanno le cose fuori. Un errore grave. Il vero Darsen è già sceso dall'aereo. Non vedendo la moglie, ha preso un taxi per tornare a casa. Eva si trova nei pressi del circuito stradale scelto per il gran premio di motociclismo e non riesce a trovare un modo per comunicare con il suo amato. Non gli resta che precipitarsi a casa Darsen prima che arrivi il vero proprietario. Questi, però, è già a pochi passi dall'uscito della sua abitazione. Entra e non nota nulla di strano. Giunto nello studio, dove aveva intenzione di sistemare alcune carte, si imbatte in un tizio che è la sua esatta copia. Darsen capisce che di fronte a lui c'è il famoso Diabolik che ha preso il suo posto per derubarlo. Ne nasce una lotta furibonda. Diabolik potrebbe sistemarlo senza problemi, ma non ha trucchi. Non gli resta che affrontarlo. Le sue conoscenze di tecniche di combattimento non bastano. Darsen è un ex-campione di lotta libera. E' fortissimo e Diabolik non riesce a superarlo. I suoi guai, però, sono appena cominciati. Una delle telecamere delle tv impegnate a riprendere il gran premio si focalizza sulla finestra dello studio dove i due stanno lottando. Due uomini che sembrano fratelli gemelli che si azzuffano fanno capire a tutti che uno dei due è Diabolik. Ginko non riesce a credere ai suoi occhi. Aveva pensato di passare un pomeriggio tranquillo per guardare il gran premio e ora ecco che in tv gli viene rivelato dove si trova il suo nemico storico. Allerta la squadra speciale per circondare la casa. Anche lui, però, scopre che il gran premio, se da un lato gli ha permesso di localizzare Diabolik, dall'altro gli impedisce di agguantarlo subito. Le strade sono bloccate e assiepate di persone intente ad ammirare i centauri in pista. Diabolik, nel frattempo, capisce che non supererà mai Darsen nella lotta e finge di essere svenuto. In quel momento, mentre il suo avversario è distratto, lo colpisce e fugge. Ma cosa può fare adesso? Le strade sono bloccate e la polizia ha circondato la zona. E' perduto. Ginko ha dato ordine di bloccare anche le fogne per evitare che lui fugga nel sottosuolo. Si avvicina ad una delle postazioni dei piloti. Ne narcotizza uno e prende il suo posto. Durante la gara finge un incidente e chiede soccorso. Una ambulanza accorre subito. Due poliziotti vorrebbero controllare il suo volto come da ordini di Ginko, ma desistono davanti a quello che sembra uno dei feriti. Diabolik fugge con i preziosi. Sven Blomqvist.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.