lunedì 7 marzo 2016

VENDITE USA: LA CLASSIFICA DI GENNAIO 2016! LA MARVEL DOMINA CON LA MISERIA NELLA MISERIA! SHOCK!!!

Il 2016 inizia come è finito il 2015. La Marvel domina la classifica delle vendite del mercato nord-americano. La DC Comics si dibatte nella sua crisi infinita per tentare di uscire dal baratro. Nelle prime dieci posizioni ci sono 8 titoli della Marvel, un titolo della Image e uno della DC Comics. Detto questo, c'è poco da stare allegri. La Marvel vince nella miseria perché gli altri editori non sono in grado di opporre una valida resistenza. Non la DC, che aspetta di risollevarsi con la nuova linea di fumetti repubblicani di Rebirth. Non gli altri perché semplicemente non esistono. Alla Marvel Comics basta poco per conquistare il mercato. La media delle vendite, però, è una delle più basse degli ultimi anni. Un fatto che sorprende, visto che in classifica troviamo titoli del nuovo Universo Marvel Tutto-Nuovo e Tutto-Diverso a conferma che le grandi aspettative di Secret Wars sono andate in gran parte deluse. Storie pessime, prive di spunti di interesse e non in grado di attizzare le masse, che preferiscono le emozioni comiche dei cult cinematografici. I film non aiutano a vendere più copie dei fumetti. Lo hanno capito anche in America. La Marvel, tuttavia, continua a testa bassa dando fiducia alla politica editoriale di Alonso, l'ispano-americano e-i-c che insiste con titoli basati sulla diversità razziale. Gli americani non approvano. La società multietnica li spaventa. Un timore che il grande Donald Trump, candidato per l'elefantino alle elezioni presidenziali, cavalca in modo magnifico. Tutto fa pensare che sarà lui il prossimo inquilino della Casa Bianca. La Clinton, che deve ancora fare i conti con i ricordi degli scandali sessuali del marito Bill negli anni novanta, ha poche chance. Gli americani sono stufi di vedere le strade piene di fottuti messicani ubriachi o altri ispanici che varcano illegalmente il confine meridionale importando droga, prostituzione e criminalità assortita. Trump risolverà il problema. In modo radicale. Come ha promesso nella campagna elettorale. Alonso, invece, pare vivere nel limbo. Non ha capito che la società Usa è cambiata e che i lettori non gradiscono supereroi musulmani, che nell'ottica dell'americano medio sono rappresentati come criminali o terroristi. Quando Secret Wars stava per volgere al termine, Alonso aveva promesso grandi cambiamenti. Ma tra supereroi neri, musulmani e froci, qualcuno scherza sul fatto che il nuovo universo Marvel è All-New, All-Different e All-Gay! E' quindi normale che i lettori si allontanino. Non sappiamo quando Alonso sarà sostituito, ma prima alla Marvel nomineranno un nuovo e-i-c, prima sarà possibile per loro rimettersi in carreggiata. Il noto Ike Perlmutter, l'amministratore delegato della Marvel, ha donato 1 milione di dollari a Trump per la campagna elettorale! Messaggio chiaro rivolto agli autori. Il nuovo è il Trump e le sue idee. O vi allineate, o siete fuori. Non che Perlmutter sia affezionato alle idee della destra, ma ha capito che le idee di sinistra di Alonso non fanno vendere. Il futuro, quindi, denota una massiccia riduzione di supereroi pederasti o di colore. Come può un pervertito sessuale costituire un modello di identificazione? Obama ha reso debole l'America. Trump la renderà di nuovo grande, come recita il suo spot elettorale. Obama diceva Yes, we can. Di fatto ha indebolito il suo Paese.


In attesa che la Marvel Comics rilanci il suo universo narrativo all'insegna delle idee della Destra incarnata dal repubblicano Trump, si deve prendere atto del fatto che il fumetto più venduto è The Walking Dead n. 150. Continua la fortuna della popolare serie di Robert Kirkman, ma il fatto stesso che il fumetto più venduto abbia per protagonisti degli zombie lascia pensare. Che gli americani si siano rotti i coglioni dei supereroi? Non che TWD abbia fatto sfracelli. 156.166 copie vendute, circa il doppio del suo venduto abituale, che si aggira sulle sessantamila copie. La Marvel Comics si tiene su grazie anche ai titoli legati a Guerre Stellari con i numeri 14 e 15 di Star Wars con 118.471 e 107.858 copie, il primo numero di Obi-Wan and Anakin con 102.861 copie e Darth Vader n. 15 con 98.405 copie. E pensare che fino a non molto tempo fa la Marvel si reggeva con gli X-Men, oggi quasi del tutto scomparsi. Nel nuovo Universo Marvel non c'è il classico Wolverine, bensì il Vecchio Logan, una sua visione di un futuro distorto. Il numero 1 è andato benino con 104.362 copie. Meglio si è comportato Spider-Man Deadpool n. 1 con 133.813 copie. Male la nuova serie di Uncanny X-Men, il cui numero uno è arrivato al decimo posto con 93.252 copie. Cari lettori mutanti per voi il futuro è fosco, molto fosco! Anche la nuova serie di The Amazing Spider-Man va male, quella in cui Peter è un industriale che va in giro per il mondo con il suo aereo personale (non stiamo scherzando). Il solito Slott. La solita pena. 76.517 copie. Cioè, meno di quanto vendeva quando a scrivere le sue storie non era Slott. Tutte le altre serie girano con una media tra le cinquantamila e le quarantamila copie. Vale a dire quanto vendevano prima di Secret Wars. Vorremmo chiedere ad Alonso: a che è servito realizzare Secret Wars? Nel complesso, la Marvel mantiene 37 titoli nei primi 50 posti. Domina, ma con la miseria in un mercato miserabile e con vendite ante-SW. Non ci siamo dimenticati della DC, che ha visto calare di almeno il 25-30% le vendite medie dei suoi titoli. La situazione è così grave che nei primi venti posti in classifica c'è solo Batman n. 48 all'ottavo posto con 100.962 copie. La seconda serie DC più venduta è invece Batman Teenage Mutant Ninja Turtles n. 2 al 24esimo posto con 52.337 copie! Così, giusto per capire le dimensioni di questo disastro. Il New 52 è stata la più grande sciagura editoriale che potesse mai capitare a Superman e soci. Imposta del mediocre Didio. Ora, però, con Rebirth le cose dovrebbero tornare a posto da giugno. Tutte le altre serie principali della DC hanno una media vendite che oscilla tra le 30 e le 35.000 copie! In grossi guai si trova la serie di Aquaman, il cui numero 48 è 95esimo con la miseria di 23.373 copie e rischia di essere tagliato anche nel quadro di Rebirth come serie regolare. Messi peggio sono anche Green Arrow, Cyborg ed Hellblazer. Si mantiene su la Image. Oltre al citato TWD giunto al primo posto, troviamo Saga n. 33 al 26esimo posto con 50.415 copie e Paper Girl n. 4 al 45esimo posto con 38.290 copie. E le altre serie pubblicate inutilmente in Italia dalla Saldapress che fine hanno fatto? Il tanto reclamizzato Outcast va male. Il numero 15 è 100esimo con 22.195 copie. Male Bitch Planet, che in Italia è pubblicato dalla Bao, ma questo non lo scrivono negli editoriali!

Il numero 6 è arrivato al 122esimo posto con 18.834 copie, che è sempre di più di quello che la serie vende in Italia! Chissà perché quelli della Bao non parlino mai di come vanno le vendite in America delle serie che pubblicano in Italia! Ora ne abbiamo una vaga idea! Nel complesso, abbiamo 89 titoli Marvel e 78 titoli della DC nei primi 400 posti. La Marvel comanda il mercato con una quota del 52,68%, doppiando la DC, che segue al secondo posto con un vergognoso 25,40%. Al terzo posto la Image Comics in crescita con il 10,85% (ma è tutto merito di TWD e Saga). Nel settore dei volumi brossurati prendiamo atto della solita miseria. Al primo posto troviamo Star Wars Darth Vader Vol. 2 Shadows and Secrets con 7.850 copie, ma il prezzo di copertina è pari a 19,99 $! La Marvel comunque comanda anche qui con 9 volumi nei primi 10 posti. L'oggetto misterioso è un volume della Oni, Invader Zim che ha venduto 4.125 copie. Il volume più venduto della DC è quello di Flash, che ospita la saga Out of Time al 20esimo posto con 2.695 copie! Ritorniamo alla classifica delle serie regolari per parlare degli altri editori indipendenti. Vi ricordate la Valiant? Nel 2013 la Panini Comics annunciò al mondo che avrebbe propagato i suoi titoli nel continente europeo. E' scritto qui, se non ci credete. Circa due anni dopo, causa vendite disastrose, la Panini è costretta a cedere le licenze alla Star Comics! La domanda: se nessuno comprava i volumi Panini perché ora dovrebbero comprare quelli della Star Comics? In America le cose vanno pure peggio. Il titolo più venduto è Faith n. 1 al 102esimo posto con 22.020 copie. Per trovare un altro titolo Valiant dobbiamo scendere al 169esimo posto dove staziona Bloodshot Reborn n. 10 con 10.756 copie. Al 189esimo posto c'è il terzo titolo Valiant più venduto: Wrath of the Eternal Warrior n. 3 con 8.384 copie! La cosa comica è che nei primi annunci della Star Comics leggemmo che la casa editrice in America stava andando bene! Ok, ora abbiamo capito che erano in vena di battute sarcastiche. Gli altri indipendenti vanno male, con vendite in caduta libera. A proposito, in America c'è un editore che si chiama Epicenter. Lo dirige un croato che si chiama Igor Maricic. Pubblica su licenza le serie della Bonelli. Peccato che nei primi 400 posti non c'è traccia di lui! Ciò significa che i volumi di Magico Vento e Zagor non sono riusciti a vendere nemmeno 1.500 copie! Se volete sapere di più di questo editore cliccate qui. Facciamo i classici due conti. A gennaio del 2016 le vendite complessive di albi e volumi hanno generato incassi pari a 32.660.000,00 $ che significa -4% rispetto alle stesse vendite del mese di gennaio 2015! Non proprio un dato incoraggiante. Venendo ai dati di dettaglio. I primi 300 titoli hanno venduto 6.490.000 copie complessive per un incasso di 24.700.000,00 $ e anche qui segniamo un -9% rispetto agli stessi incassi di gennaio 2015. Il mercato si mantiene su con continue uscite di primi numeri. La Marvel Comics ne ha rilasciati 94 e la DC 77! Le cose, quindi, non vanno bene e sarebbe il caso di fare cambiamenti prima che tutto peggiori, ma sia Alonso che Didio sono ancora ai posti di comando. E fino a quando resteranno lì sarà sempre peggio. Prima in America torneranno a produrre buoni fumetti, prima risaliranno. Dimitri Temnov.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.