sabato 7 maggio 2016

IL QUOTIDIANO SECOLO XIX PARLA DEGLI AUTORI DI DARYL DARK! LA REAZIONE SCOMPOSTA DEI FAN DYLANIATI

Daryl Dark è stato il successo fumettistico e mediatico del 2015, il fumetto che ha fatto risorgere il genere horror dalle ceneri del rilancio dylaniato. Pochi avrebbero scommesso sul suo successo e invece oggi Daryl Dark è una solida realtà del mondo del fumetto italiano. Perfino Roberto Recchioni, tra il serio e il faceto, ne rimase colpito e in un post FB passato alla storia invitò tutti i suoi fansi a scaricarlo (link). Il volume uscito a Lucca Comics 2015, che ha raccolto la sua prima stagione, oggi è uno degli oggetti più ricercati dai collezionisti incalliti. Una fama che ha travalicato i confini italiani tanto che si parla di un esordio in un Paese straniero (la Russia?). Daryl Dark non è il solito fumetto brutto, sozzo e socialista, ma un fumetto eccezionale. Daryl Dark è stato la luce in fondo al tunnel dei delusi lettori dylaniati. Daryl Dark è stato il fumetto davanti al quale il mondo dylaniato del fumetto si è inchinato, salutandolo come quello che potrebbe essere l'investigatore del soprannaturale del domani. Daryl Dark è, secondo una affermazione da noi coniata e passata alla storia, molto di più di un semplice indagatore dell'incubo. Non un personaggio a fumetti ripreso da un attore britannico, Rupert Everett, che non ha mai nascosto la sua omosessualità, bensì un personaggio ripreso da Joseph Finnies, un attore britannico con tutti gli attributi al posto giusto! Non un personaggio ambiguo, ma chiaro. Non esoterico o satanico, ma positivo, luminoso contro le tenebre del male. Eppure un piccolo branco di coglioncelli va ancora scrivendo in rete che quello di Daryl Dark sia un falso mito! E allora perché il Secolo XIX ha dedicato un bell'articolo agli autori di Daryl Dark e alla invitta casa editrice laziale Cagliostro E-Press?
 

Nel caso l'intervista tratta del disegnatore Iamundo e degli scrittori Sisia e Bongiovanni e già immaginiamo la rabbia schiumata da tutti i pori del Clan che si chiede come sia stato possibile che un quotidiano abbia dato risalto al progetto Daryl Dark e alla Cagliostro E-Press! Daryl Dark è un trampolino di lancio verso il successo. Sergio Vanello, storico copertinista di Daryl, oggi è impegnato in alcuni progetti con la Editoriale Aurea, la casa di Dago! Daryl ha esordito con un numero zero entrato nella storia per la prima apparizione del suo mitico avversario, Robert R. Reelich, stereotipo dello scrittore un po' pavone e un po' stronzo che se non fosse per le recensioni dei suoi siti amici, sarebbe finito da tempo nell'oblio della memoria. In quella storia si racconta la sua parabola discendente. Finito nelle grinfie di una organizzazione occulta, che lo sfrutta per i suoi scopi, alla fine viene liberato da una pallottola di Hardo, il socio di Daryl! Quella storia colpì l'immaginario collettivo e lasciò i fan senza parole. Ancora oggi tutti chiedono il grande ritorno di Reelich. Non escludiamo che questo possa avvenire nel secondo volume delle storie inedite del discendente di Sherlock Holmes. E adesso come reagirà il mondo dylaniato del fumetto? Per chi è interessato, può leggere le storie di Daryl Dark sul sito della Cagliostro. Il download è gratuito. Il volume che raccoglie gli episodi della prima stagione può essere ordinato presso il sito stesso. Daryl è quello che avrebbe potuto essere Dylan Dog se invece del rilancio flop di questi anni fosse stato incamminato verso una direzione differente. Daryl è stato molto attaccato dal forum di Comicus e nuovi attacchi arriveranno non appena si avvicinerà il grande momento del ritorno. Al Plano.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.