martedì 21 giugno 2016

DIABOLIK SWIISSS N. 263! MEGA-RECENSIONE! DIABOLIK E EVA KANT RECITANO SOLTANTO UNA PARTE? SHOCK!

Diabolik ed Eva sono due attori? Recitano una parte in un mondo con regole diverse da quelle comuni? Sono queste le domande che evoca la storia del numero 263 della ristampa Swiisss. L'attenzione di Eva è rivolta ad una notizia diffusa dagli organi di stampa. A Clerville è atterrato l'aereo che conduce i famosi attori di teatro Betty Freser e Franco Stone. Non è così difficile notare nei due attori forti assonanze con la mitica coppia formata da Elizabeth Taylor e Richard Burton, che due mesi dopo la pubblicazione di questa storia divorzieranno per poi risposarsi l'anno successivo e ancora divorziare e tornare insieme! La Freser reciterà un testo inedito del '700, la Regina di Montair e per l'occasione sfoggerà una collezione di diamanti del valore di 1 miliardo di proprietà di Garnier, un assiduo corteggiatore dell'attrice. L'attenzione di Diabolik, però, non è attirata dal valore enorme dei preziosi bensì dalle parole della Freser, secondo cui Diabolik è un attore che non sarebbe in grado di affrontare il pubblico su un palcoscenico! Una cosa è indossare una maschera e dileguarsi senza che nessuno si avveda della sua presenza. Altra è recitare davanti al pubblico in un teatro. Betty Freser aggiunge che Diabolik non sarebbe nemmeno in grado di dire Il pranzo è servito. Diabolik è colpito da quelle parole. Non lo ammette quando Eva glielo chiede, ma dalla sua espressione è chiaro che l'attrice ha colpito nel segno. E infatti, poiché Ginko ha predisposto un imponente schieramento di forze dell'ordine per proteggere i preziosi, Diabolik intende colpire nel momento in cui tutti meno se lo aspettano. In teatro quando l'attenzione del pubblico è rivolta alla rappresentazione. E' inoltre convinto che, ciò nonostante, Ginko organizzerà un falso trasporto per maggiore sicurezza. Non può rischiare che le cose vadano male. L'esperienza gli ha insegnato che Diabolik è in grado di rubare qualsiasi cosa e in ogni situazione. Diabolik non lo sa, ma i gioielli arriveranno in teatro trasportati da un furgone dei giornali. Nel frattempo, egli studia il modo migliore per penetrare nel teatro. Il punto più sicuro da cui entrare è dai sotterranei. Per questo motivo, pratica un'apertura nella parete di mattoni, rimuovendo gli strati tranne l'ultimo che abbatterà il giorno del colpo. Il giorno dopo la Kant compra una copia del libro da cui è tratta la rappresentazione. Ricorda che quando era piccola aveva sempre desiderato fare l'attrice, non immaginando che lo sviluppo del sua vita l'avrebbe portata a recitare tanti ruoli a fianco del suo amante. Il piano di Diabolik prevede che ad un certo punto della recita, Eva prenda il posto della Freser, facilitando il colpito di Diabolik di impadronirsene.


L'imprevisto è dietro l'angolo. Per quanto sia meticolosa la preparazione del colpo, Diabolik non può sapere che i due attori, Franco e Betty, sono consumati da una gelosia sfrenata. Franco ama alla follia Betty proprio come Burton era innamorato della Taylor. Un amore tempestoso che rese celebre la coppia di attori più dei loro film. Franco ha motivo di essere preoccupato. Il gioielliere Garnier è un assiduo corteggiatore di Betty. Teme che la sua adorata, che è sempre stata affascinata dai preziosi, possa cedere alle insistenze del famoso collezionista finendo per perderla per sempre. Il giorno della rappresentazione arriva presto. Ginko ha organizzato tutto fin nei minimi dettagli. Poliziotti in borghese sono posti ovunque nel teatro. Tutta la prima fila è formata da agenti in borghese. La massiccia affluenza di pubblico ha impedito il controllo del volto ad ogni membro del pubblico. Diabolik entra dai sotterranei sfruttando l'apertura che si era procurato giorni prima. Dopo avere messo ko due agenti di guardia, Diabolik arriva con facilità nei camerini e rapisce Betty Freser in una pausa tra un atto e l'altro. Eva Kant si sostituisce a lei e indossa i preziosi gioielli. Come dicevamo sopra, Diabolik non è a conoscenza della gelosia di Franco per la sua compagna. Così non immagina che un preoccupato Stone si presenti nel camerino della Freser e si imbatta nel corpo privo di conoscenza di una delle domestiche. Diabolik è costretto a colpirlo e prendere il suo posto. Eva riesce a stento a trattenere l'emozione nel vedere il suo amato davanti a lei. Immagina che qualcosa sia andato storto e sta al gioco. In quel momento, grazie ad un radiocomando, Diabolik spegne le luci in tutti i locali e il buio scende nella sala. Ginko non tarda a capire che quelli che vedeva recitare davanti ai suoi occhi erano Diabolik ed Eva Kant. Ma è troppo tardi. I due sono già lontani quando ricostruisce i tasselli del piano del diabolico criminale. Prima che arrivino al rifugio, vengono sorpresi da una banda di uomini armati che si impadronisce dei gioielli. Diabolik non può fare niente. Ma intuisce che il loro capo sia Garnier. Durante la fuga, infatti, un provvidenziale quanto falso diversivo del gioielliere permette a Eva e Diabolik di fuggire. Garnier si crede al sicuro. Denuncia il furto e si appresta a partire per l'estero, ma Diabolik arriva prima che l'aereo decolli e si riprende il prezioso carico. Una grande storia scritta dalle mitiche sorelle Giussani. Il tratto preciso e pulito di Glauco Coretti corregge molte delle spigolosità dello stile di Sergio Zaniboni, che purtroppo rivelerà il peggio di se negli anni a venire quando realizzerà molte storie in solitario di Diabolik. Kristoffer Bermen.

4 commenti:

  1. E' incredibile come le storie di Diabolik assomiglino a quelle del successivo Lupin III: che il giapponese Monkey Punch abbia avuto modo di leggere le avventure del ladro italiano prima di creare il suo?

    RispondiElimina
  2. Kazuiko Kato, meglio noto come Monkey Punch, ha creato Lupin III (Rupan Sansei) ispirandosi all'opera originale di Leblanc. Le Giussani crearono Diabolik ispirandosi soprattutto a Fantomas. Ci occupiamo di mega-recensire le avventure classiche della serie Swiisss perché esprimono l'essenza originale di Diabilik. Quello attuale è un personaggio molto diverso, che ha ben poco del grande mito che è stato. Oggi Diabolik Inedito vende sulle 49.000 copie ed è in crisi. 5 anni fa vendeva 110.000 copie.

    RispondiElimina
  3. Conosco il Diabolik classico mentre non ho ancora avuto modo di leggere la rielaborazione moderna, magari quest'estate vedrò di recuperare una copia. Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
  4. Puoi dare un'occhiata alla collana Il Grande Diabolik, che propone, in grande formato, avventure inedite di qualità, secondo noi, superiori al mensile delle nuove storie.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.