mercoledì 17 agosto 2016

UBER VOLUME N. 4! LA MEGA-RECENSIONE! SIEGLINDE CONTRO MARIA! TEDESCHI CONTRO COMUNISTI! E' GUERRA

Come il precedente anche questo quarto volume di Uber si caratterizza per gli splendidi testi di Kieron Gillen, che con uno stile vicino a quello descrittivo, quasi da testo scientifico narra le meraviglie degli Ubermensch e dei livelli di potere che possono raggiungere grazie ai progressi compiuti nel frattempo dalla classe degli scienziati tedeschi. Il brillante artista Caanan White viene affiancato dai promettenti Daniel Gete e Gabriel Andrade. Il risultato è un mix di azione che dona a chi legge le storie quella energia che permette agli umani corazzati di spazzare via le soldataglie comuniste che assediano i confini della Germania. La grandezza di un Paese è nella ideologia che lo sostiene. L'Unione Sovietica è sparita dalla storia perché le sue idee erano deboli in radice e i suoi soldati non sono mai stati all'altezza del compito che i dirigenti del partito pretendevano da loro. In questo numero, che ospita gli episodi 18-22 Usa e l'albo Uber Special n. 1, Gillen ne approfitta per spiegare ai lettori cosa è successo alla bomba atomica. Nella storia come la conosciamo noi, il 6 agosto 1945, un aereo americano guidato da uomini non consapevoli dell'atto criminale che stavano per compiere, sganciarono sulla città di Hiroshima, un innocuo centro portuale, la prima bomba atomica della storia. Tre giorni dopo, il 9 agosto, un'altra bomba atomica venne sganciata sulla città di Nagasaki. Pochi giorni dopo l'Impero nipponico si arrese. Il Giappone è stato l'unico Paese ad essere bombardato con armi nucleari. Gli americani avevano in animo di sganciare la prima atomica su Berlino, ma l'accelerazione delle operazioni militari sui fronti occidentale e orientale, insieme alla sconfitta della Germania, crearono le condizioni per poi annientare il Giappone. Secondo gli esperti dello Stato Maggiore dell'esercito Usa, l'occupazione delle isole nipponiche avrebbe richiesto un ulteriore anno di guerra e il sacrificio di un milione di soldati. Il presidente Truman, eletto da poche settimane, autorizzò quindi l'uso della bomba atomica. I suoi consiglieri gli avevano garantito che il potere distruttivo di questa nuova arma sarebbe stato tale che nessun capo di Stato, dopo avere assistito alla sua forza devastante, avrebbe più avuto il coraggio di proseguire il conflitto. L'imperatore Hirohito annunciò la resa al popolo, sorprendendo i suoi stessi generali, i quali potevano contare su un esercito ancora numeroso e potente. La II guerra mondiale si concluse il 1 settembre 1945, sette anni dopo il suo scoppio (avvenuto il 1 settembre 1939). Nella serie concepita da Gillen le cose sono andate in modo diverso. Il governo tedesco è stato informato della realizzazione da parte degli americani di una nuova arma in grado di spazzare via tutti gli umani corazzati. Una bomba basata su una reazione a catena dell'energia liberata da atomi spaccati. Per bloccare il progetto viene usato un nuovo tipo di uber dotato di un singolare potere. Grazie all'effetto aura, è possibile far credere agli altri di avere un aspetto e una voce diversa. In questo modo, l'uber camaleonte riesce ad inoltrarsi negli uffici segreti del governo Usa e sabotare così il progetto Manhattan, impedendo agli americani di usare l'atomica. L'ordigno sganciato su Hiroshima il 6 agosto 1945 non esplode. L'uber era anche a bordo dell'aereo Enola Gay e non ha innescato la bomba, che è caduta sul terreno inesplosa. La base dove viene prodotto l'uranio arricchito e il plutonio viene fatta saltare in aria da parte dello stesso Uber che si immola per la sua patria. Uber n. 18 è stato disegnato da Daniel Gete. Nel numero 19 torna Caanan White. La situazione per il campo alleato si è fatta difficile. L'asso nella manica è rappresentato dall'ebera Leah, che è stata sottoposta ad un processo di attivazione estremo, che l'ha trasformata in un giganteso mostro deforme. Per saggiare la sua forza, gli vengono dati i resti dell'USM Colosso, Patrick O'Connor, il primo umano potenziato alleato. In questo episodio si rivede anche Alan Turing, inventore del moderno computer, ma gay dichiarato, che in questa serie si è sottoposto al processo di potenziamento, divenendo quindi il primo frocio potenziato della storia! Con il rallentamento nella produzione della bomba, agli americani non resta che puntare su due nuovi uomini corazzati pesanti, Eamonn, fratello di Patrick O'Connor e Vernon Rivers, un uomo di colore che ha dimostrato formidabili capacità da quanto è stato attivato.


In campo sovietico, invece, il processo di potenziamento di Maria è giunto alla fine. Con la sua forza è l'unica in grado di reggere sul campo il confronto con la corazzata tedesca Klaudia Hoch, alias Sieglinde. A Berlino i generali temono che il redivivo Hitler possa pregiudicare i loro piani di annientare gli avversari. Da quando è stato colpito dalla corazzata Siegmund non è più lui. Ha mutato carattere e sembra più accomodante. In realtà, non si tratta di Adolf Hitler bensì di Goebbels, che così riesce a coronare il suo sogno di governare tutta la Germania. Per realizzare il suo piano ha chiesto ad Anita Scheele, abile scultrice e umana potenziata, di usare il suo effetto aurea per cambiare aspetto. Quello che tutti credono sia Hitler, in realtà è Goebbles con i connotati del suo leader. Egli è convinto di avere più cervello del suo padrone e più intelligenza tattica. Convinto ancora che la propaganda sia lo strumento per arringare le folle mette in produzione un film con protagoniste le tre corazzate pesanti e dimostrare al popolo tedesco che loro sono ancora in grado di vincere la guerra. Gli inglesi nel frattempo devono fare i conti con una spia che passa molte informazioni ai tedeschi, permettendo ad essi di essere in vantaggio nella realizzazione di uomini corazzati di livello superiore. La scoperta della spia avviene quasi per caso. Stephanie va a letto con la sua guardia del corpo, un potenziato di nome Conrad, notando che dopo il rapporto sessuale dal suo corpo si nota sudore. I corazzati però non sudano, salvo quelli che hanno sviluppato solo l'effetto aurea. Conrad è la spia dotata della capacità di cambiare aspetto. Il provvidenziale intervento di Turing risolve la situazione. La spia viene abbattuta senza problemi. Turing infatti è stato trasformato in una corazzata. Ad est intanto è iniziata la grande offensiva dei sovietici comandati dal maresciallo generale Zukov. Al centro dell'attacco viene posta la corazzata Maria. I tedeschi rispondono schierando la corazzata Sieglinde. Lo scontro è devastante e la tedesca stavolta viene sconfitta. I tedeschi sono sbaragliati e devono ritirarsi entro i loro confini per evitare l'accerchiamento e la distruzione. Sieglinde viene recuperata, ma il suo corpo risulta devastato. La sconfitta non turba più di tanto Goebbels nei panni di Hitler che nel suo primo discorso al popolo nella nuova veste di Fuhrer promette una rapida vittoria e la fine di tante sofferenze. L'ultima storia ospitata nel volume è il numero speciale uscito nel marzo 2014 che narra momenti salienti delle tre corazzate, ognuna delle quali racconta il momento in cui ha ucciso per la prima volta. E' in questa storia, la migliore del volume, che si coglie la bravura di Gillen nella caratterizzazione dei personaggi, ricalcandone il lato morale e sofferente. Descrive gli Uber come persone e non solo come soldati. Persone spinte ad uccidere per ubbidire ad ordini folli. Una parabola del mondo di oggi? Il mondo è davvero un posto migliore dal 1945 ad oggi? I conflitti hanno continuato ad insanguinare il pianeta a causa del conflitto generato dalla necessità di contenere e distruggere il socialismo, che ancora oggi perpetua il suo veleno nelle classi meno abbienti e svantaggiate dal punto di vista culturale e morale. Gillen risolve in modo brillante l'interrogativo nato dal ritorno di Hitler dopo la sua apparente fine per mano della corazzata Siegmund. Sullo sfondo l'evoluzione dei poteri degli ubermensch, non solo forza finisca infinita, ma un'aura in grado di fare tutto quello che si desidera. Scheele l'ha usata per modificare il viso di Goebbels, permettendo a questi di farsi passare per Hitler. Interessante anche la caratterizzazione dell'ex-ministro della propaganda, che considerava Hitler un tipo pieno di idiosincrasie. Ora pensa che la Germania con lui abbia una guida migliore. Potrebbe offrire la pace, ma nel suo primo discorso avvisa tutti: o l'Europa si arrende o sarà distrutta. Per ora i comunisti russi hanno la carta vincente. La corazzata Maria ha sconfitto Sieglinde. La serie è giunta quasi alla fine. Mancano ancora all'appello i numeri Usa 23-27, che saranno ospitati nel prossimo volume, il n. 5 che uscirà in autunno. Ancora oggi sorprende come Panini abbia deciso di pubblicare un'opera così in palese contrasto con le idee di sinistra dei vertici della redazione comics. Si vede che vende bene, altrimenti non l'avrebbe proseguita, come accaduto per altre serie di Indipendenti. Al Plano.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.