venerdì 26 agosto 2016

MAX BUNKER: VOTARE NO AL REFERENDUM E MANDARE A CASA IL GOVERNO RENZI! PER IL FUTURO DELL'ITALIA!!!

Tutti conoscono Luciano Secchi, alias il leggendario Max Bunker, che a cominciare dalla Editoriale Corno di Milano ha contribuito a rendere ricco il mondo del fumetto italiano facendolo crescere a dismisura. Ha creato Kriminal insieme a Magnus, dando filo da torcere a Diabolik, oltre a Satanik, ma già dal 1970 aveva portato in Italia il Marvel Universe compiendo una scelta coraggiosa che ha cambiato per sempre la percezione che gli italiani avevano dei supereroi Usa o degli eroi in costume come allora erano definiti. Un lavoro eccezionale quello fatto a favore della Marvel in Italia poi annientato da orde di fanzinari che a partire dal 1986 hanno distrutto tutto (oggi avete una serie che in Italia la fantasia di qualcuno ha chiamato il Fichissimo Hulk!). Bunker non ha mai nascosto la sua appartenenza all'area politica della destra. Un fatto che ne accresce l'autorevolezza, l'importanza e che noi di Comix Archive non possiamo ignorare. Siamo convinti che se oggi il MU fosse governato da lui molte cose non sarebbero andate come poi sono andate. Bunker è andato avanti agli eroi Marvel, mentre i fanzinari ancora oggi applicano politiche della Corno di oltre 40 anni fa. Bunker è anti-renziano, non è di sinistra, è di destra. Lui sa che questo esecutivo non è nato per volontà del Popolo e che le sue politiche stanno mettendo a rischio il futuro del Paese. E lo ha voluto esprimere con il suo consueto modo sul suo sito. Un Messaggio alla Nazione come quelli di un tempo, che tanti lettori (oggi alcuni sono editor della Panini!). Signore e signori, ecco a voi Max Bunker (link):
 
Tra qualche mese ci sarà il voto per il referendum, è un’occasione da non perdere, per farlo fuori democraticamente, anche se l'**********, sentendo odore di sconfitta si è rimangiata la promessa che se perdeva se ne andava via. Ha già dichiarato che si voterà nel 2018. Ma non è il presidente della repubblica che decide quando votare? Comunque bisogna dare un forte segno che non lo vogliamo più per i piedi! Ecco le armi:
 

Se il risultato sarà un no quasi plebiscitario se ne dovrà andare con le buone o meno buone, quindi cadrà il governo, si andrà ad elezioni e ci riprenderemo la democrazia vera. La misura è colma. Renzi e la Boldrini ci mettono in casa dei potenziali terroristi, *********, ladri oltre a costi insostenibili. Un migrante costa 45 euro al giorno! A danno di chi vengono spesi quei soldi?Blair in Inghilterra è stato indagato dalla magistratura per stabilire se era veramente opportuno fare la guerra a Saddam Hussein. E Visto che le fantomatiche armi di distruzione di massa non si sono mai trovate è stato condannato al pubblico disprezzo! Poiché un’invasione è un atto di guerra provi la nostra magistratura a indagare su Renzi, se è stato opportuno trattenere e mantenere migliaia di migranti e se la spesa è andata a danno di qualcuno, degli indigenti italiani che sono 5 milioni, dei pensionati , etc…e se corrisponde a verità che la Boldrini ha assegnato a parenti e amici e amici degli amici di più di 200 cooperative il carico degli immigrati! Siamo perfettamente d'accordo con lui! Grande Bunker!
 
Max Bunker ha messo il dito nella piaga. Se vince il NO al referendum e vincerà perché gli italiani non sono così ingenui da lasciarsi scappare una occasione così ghiotta di mandare a casa Renzi e tutti i suoi amici e amiche, la parola tornerà al Popolo, che così potrà votare e riprendersi quella libertà di decidere chi deve governarli che una congiura nel 2011 ha soppiantato. Votare NO e seguire l'esempio degli inglesi che con il voto e un referendum si sono ripresi la loro libertà. Oggi il FMI ha dichiarato, dopo avere contrastato la Brexit, che l'economia inglese crescerà fuori dall'UE. In autunno gli italiani avranno la possibilità di riprendersi quel Paese che nel 2011 gli è stato tolto. Votare NO al referendum significa salvare la Costituzione. Significa restituire un futuro all'Italia. Al Plano.

4 commenti:

  1. Max Bunker, con e senza Magnus, ha fatto la storia della cultura, non solo del fumetto.
    Recchioni e i suoi sodali sono destinati all'oblio...

    RispondiElimina
  2. Max Bunker è Max Bunker. Un gigante del mondo del fumetto, italiano e non solo. Siamo, infatti, convinti che se nel 1984 avesse continuato lui la Marvel in Italia, dopo il fallimento della Corno, le cose oggi sarebbero cambiate. Non avremmo mai visto una serie dedicata ad Hulk chiamata (in modo quasi derisorio) "Il Fichissimo Hulk", come quel film "Pierino il Fichissimo".

    RispondiElimina
  3. Il titolo di quella serie di Hulk è semplicemente scandaloso, grida vendetta. Ho già smesso di comprare gli albi Panini, ma se non lo avessi già fatto, non comprerei mai questa serie. Oltretutto Pak è un autore decisamente modesto.
    Sono nato negli anni '60 e ho vissuto, anche se da bambino/ragazzino, l'era Marvel/Corno, e ne ho una nostalgia infinita. Max Bunker è un grande ed è stato un grande anche come curatore delle serie Marvel, che non sono mai più state presentate in modo così omogeneo e professionale.
    Periodicamente rileggo Alan Ford, soprattutto i primi 100 numeri, autentici capolavori del fumetto e una storia dell'Italia di ieri ma anche di oggi.

    RispondiElimina
  4. Pak deve la sua fama a Planet Hulk. Una saga che se riproposta oggi avrebbe scarso successo. Ma Pak è coreano, così come Frank Cho. Un fatto che alla Marvel in questo momento sembra contare parecchio.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.