lunedì 3 ottobre 2016

ROMICS 2016: RW EDIZIONI! DELUSIONE TRA I FAN! DIRITTI DC NEL 2017 ANCORA IN MANO ALLA RW EDIZIONI!

Romics è passata senza clamori come molte altre fiere di questi ultimi anni, luoghi in cui il Niente è il protagonista assoluto. Momenti in cui i lettori sanno già cosa aspettarsi e l'unico fattore di interesse è dato dallo scoprire in che modo i licenziatari italiani riusciranno a peggiorare ciò che dalle anticipazioni Usa è già negativo di per sé. La conferenza stampa della Rw Edizioni era molto attesa perché i lettori sono ansiosi di capire quale sarà il futuro della DC in Italia. Un futuro che tutti vorrebbero lontani dai lidi napoletani della Rw Edizioni. Anche stavolta non ci sono stati annunci relativi al passaggio dei diritti ad altre case editrici e in mano a redattori non forumisti o ex-fanzinari. Una interessante discussione sul forum di Comicus (interessante per le battute degli utenti) anticipata da un post sulla nostra pagina Facebook (a proposito, correte tutti a mettere Like e unitevi agli altri 11.000 nostri fan!). In America, come tutti sanno, l'universo DC è ripartito come DC Rebirth, il nuovo universo nazionale repubblicano. E in Italia? La Rw deve presentare l'ultima parte, la più triste in assoluto, della fase New 52, poi, da gennaio 2017 l'editore partenopeo inizierà a presentare il DC Rebirth! Gelo nella stanza! Si, da quello che ha annunciato il distinto Salvatore Cervasio, coordinatore di redazione Rw, sembra proprio che anche per il 2017 i diritti DC continueranno ad essere nelle mani della casa editrice nata dall'ex-distributore della Planeta, Alastor. Come e in che modo presenteranno Rebirth non è dato sapere. Cervasio a rinviato tutti a Lucca Comics per i dettagli! Come altri, siamo curiosi di capire cosa tireranno fuori dal cilindro lui e Lorenzo Corti, ex-membro di Double Shot, che negli ultimi due anni dell'era Planeta revisionava lettering e traduzione curati dalla Magic di Alessio Danesi (direttore di Rw fino all'anno scorso e oggi ai rapporti con licenzianti Usa alla Saldapress di Ciccarelli).
 

I problemi della Rw Edizioni sono noti e li abbiamo descritti nei nostri pezzi precedenti. Rw è nata come un editore costituito dalle tre etichette: Lion per il settore americano, Goen per il settore nipponico e Lineachiara per il settore del fumetto internazionale. Tra il 2014 e il 2015 hanno lasciato l'azienda tutti quelli che avevano contribuito a crearla dal 2012, compresi alcuni redattori forumisti come Massimo Rubbino (Uomo che Ride), Lamberto Lamarina (Rosencrantz) ed altri. Al loro posto, sono arrivati alcuni che ricoprivano ruoli nella struttura distributiva Pegasus/Alastor e nuovi soggetti. Oggi la situazione della Rw è la seguente: la sezione Lineachiara è ferma. Non ci sono più aggiornamenti sulla pagina Facebook dalla metà di luglio 2016. La sezione Goen è in condizioni non dissimili. Da una decina di giorni sono ripresi gli aggiornamenti sulla pagina social, ma a ritmo di quasi uno al giorno per presentare la manciata di titoli che è stato possibile spremere dalle tipografie e dall'energia lavorativa dei collaboratori impiegati. La situazione della Lion è migliore delle altre, ma la lista di fumetti in ritardo si allunga sempre di più e poi c'è la questione dei cofanetti ancora attesi dai lettori! Non era presente Lorenzo Corti, che da quando Danesi è uscito di scena, è il nuovo direttore o responsabile editoriale di Rw. Un peccato perché avremmo voluto chiedergli come vanno le vendite dei loro fumetti e soprattutto se i ritardi nelle uscite delle serie in edicola saranno risolti. Corti è anche attivo sul forum di Comicus con il nickname Preacher. Visto che Cervasio ha detto che a gennaio 2017 presenteranno le novità Rebirth è logico dedurre che saranno ancora loro a presentare la DC in Italia nei prossimi mesi. Noi siamo invece convinti che la DC in Italia debba essere rilanciata editorialmente. Per ora non sembra che questo avverrà. Ma nel 2018 invece? Chissà! Kristoffer Barmen.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.