martedì 4 ottobre 2016

WONDER WOMAN BISESSUALE? NONOSTANTE LE SECCHE SMENTITE DI RUCKA ORA SI MENZIONA ANCHE ARTEMIDE

Nonostante la secca smentita di Greg Rucka, attuale scrittore della serie di Wonder Woman, secondo cui non ci sarà alcun outing della bella amazzone perché Wonder Woman è normale e non ha alcuna inclinazione verso omosessualità, bisessualità ed altre depravazioni affini, gli americani, istigati dalla sinistra che vorrebbe la Clinton alla Casa Bianca, continuano a discutere dell'argomento in un tentativo malcelato di sabotare il successone di Rebirth della DC Comics. Così Wonder Woman viene ancora considerata una bisessuale insieme ad altri come Harley Quinn, John Constantine, Poison Ivy e Catwoman. A differenza di questi ultimi, però, Wonder Woman è una dei buoni. Non è una malata di mente come Harley Quinn o magari una depravata come Poison Ivy o Catwoman! Da cosa è nato questo assurdo equivoco? Siccome nel luogo di provenienza di Wonder Woman, l'isola Paradiso, non sono ammessi uomini, la fantasia malata di certa ha associato subito questo fatto alla circostanza che le amazzoni consumano rapporti sessuali tra loro! Il fatto che non siano ammessi uomini non implica che le amazzoni siano lesbiche o bisessuali. Significa solo che quando sono tra loro non frequentano uomini. Quando non sono tra di loro vivono una vita come qualsiasi altra donna del pianeta, frequentando uomini con cui possono sposarsi e procreare figli. Quello che gli omosessuali non possono fare per ovvi motivi.
 

Le discussioni non si sono fermate a Wonder Woman! Red Hood And The Outlaws è una serie formata da tre personaggi: Red Hood, Bizarro e Artemide. Qual è il problema? Che Artemide è una amazzone e nella fantasia malata di qualcuno questo fatto le imprime il marchio di lesbica o bisessuale. Probabile che in tutto questo ci sia il segreto progetto di eccitare la fantasia dei lettori che, all'idea che le protagoniste consumino rapporti tra loro, sarebbero indotti ad acquistare albi come se fossero pubblicazioni pornografiche. La serie di Red Hood è stata affidata al grande scrittore Scott Lobdell, che è stato anche autore di Alpha Flight n. 106, il famoso albo in cui Northstar confessò di essere frocio. Questo fatto ha fatto pensare subito che Artemide avrebbe confessato di essere gay! Intervistato da Comicosity, Greg Rucka ha dichiarato che nelle sue storie potrebbe anche esserci qualche personaggio gay, ma se ciò avvenisse sarebbe il prodotto di uno sviluppo narrativo logico. Non certo un elemento inserito a forza per far contente le lobby gay, come potrebbe essere avvenuto per quella storia di Alpha Flight del 1992 quando Northstar si alzò e gridò a tutti di essere gay! Una delle ragioni che hanno decretato il fallimento degli ultimi eventi della Marvel è stato questo: l'inserimento di elementi culturali forzati che hanno avuto l'effetto di snaturare i personaggi, rendendoli antipatici e lontani dai lettori. Jack Santorum.

10 commenti:

  1. Riprovo a dirlo: non è vero che Rucka ha smentito che Diana e le altre amazzoni facciano sesso tra di loro.
    E' invece vero il contrario, ovvero: Rucka ha confermato che, ovviamente, le amazzoni non si astengono dal fare sesso e che lo facciano anche tra loro, in quanto da esse ritenuta una normale e naturale pratica di vita.
    Potete anche pensare che sia una cosa sconcia, depecrabile, non condivisibile; potete anche cancellare questo mio altro commento così come il precedente; ma gli "articoli" sin qui scritti riportano dati inesatti in merito alle affermazioni di un determinato autore le quali sono facilmente reperibili ovunque e chi li ha pubblicati ci fa una scarsa figura.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  2. Non è questo che intendeva dire Rucka, il quale ha precisato che il concetto di omosessualità, lesbismo, ecc., non esistono nel mondo delle amazzoni. Che esse abbiano rapporti sessuali tra loro è una ipotesi, che Rucka ha formulato guardando il problema dal punto di vista d'oggi. Nulla vieta di considerare che le amazzoni stessero tra di loro per compiere certe attività, ma nulla di sessuale. Poi, finite quelle, conducevano una vita come tutte le altre donne normali della terra. Cogliamo l'occasione per avvisarti che i commenti contenenti insulti, offese, diffamazioni, ovvero espressioni dileggianti e arroganti verso i gestori della pagina vengono cancellate.

    RispondiElimina
  3. Attenzione! Rucka non ha detto che Wonder Woman non è bisessuale. http://www.hollywoodreporter.com/heat-vision/wonder-woman-is-bisexual-writer-933809
    Leggete l'intervista, in sostanza ha detto: Wonder Woman ha avuto rapporti sessuali con altre donne, ma non è gay, perché è un concetto che nel suo mondo non esiste. Perciò, Wonder Woman è sicuramente bisessuale, secondo Rucka. Un'altra cosa interessante che dice è che nessun suo personaggio farà un coming out a tutti i lettori, perché non è necessario, anzi, danneggia la storia. Come nel famoso detto che conoscono tutti gli scrittori, "show, don't tell", lui dice, giustamente, che i personaggi devono rivelare come sono da ciò che fanno, da come si comportano.

    RispondiElimina
  4. Rucka non dice questo. Non può farlo per il semplice motivo che non lo sa. Quando si parla di amazzoni e di luoghi in cui sono ammesse solo donne, la fantasia malata della gente pensa subito al fatto che siano lesbiche. Rucka ha, però, precisato che non ci saranno coming out per il semplice motivo che non ne sussiste il motivo. La DC non è la Marvel che pone al centro il problema della devianza sessuale per attirare attenzione.

    RispondiElimina
  5. Il titolo dell'articolo è questo: 'Wonder Woman' Comic Writer Confirms Hero Is Bisexual.
    "Now, are we saying Diana has been in love and had relationships with other women? … The answer is obviously yes,"
    Trad: "Stiamo dicendo che Diana è stata innamorata e ha avuto relazioni con altre donne?... La risposta è ovviamente sì."
    Non dice che sia lesbica, ma che, vivendo in un contesto di sole donne, ha avuto rapporti con altre donne, anche se il termine "lesbica" o "gay" per loro non ha significato. Quindi in teoria è bisessuale.

    RispondiElimina
  6. Scusate, è un po' che vi leggo ed apprezzo il vostro sito, ma gradirei alcune delucidazioni.
    Noto in moltissimi post redazioniali continui riferimenti alla bibbia, vangelo ed alla religione cattolica.
    Vorrei capire una volta per tutte: per voi è così importante che il fumetto sia "educativo"? Ma DEVE esserlo? Cioè deve essere la cd. "morale" cattolica a stabilire "cosa" e "come" un fumetto deve mostrare?
    Ma il fumetto non dovrebbe essere "evasione"? Non dovrebbe essere apolitico e senza religione?
    Kriminal che ne ammazzava ogni 2x3 era "diseducativo"? non lo apprezzate? E i primi numeri di DDog che avevano di "educativo"?
    Per chiarirmi, io noto spesso commistioni tra i vostri post "normali" (che apprezzo particolarmente) e "citazioni" biblico-evangeliche (NOTA: chiarifico che personalmente "credo" nella Bibbia quanto a Babbo Natale) che svalutano - a mio parere - o svuotano le vostre argomentazioni.
    Potreste scrivere, chessò, che SECONDO VOI tal fumetto evidenzia caratteri non troppo condivisibili o finanche fuorvianti, ma non certo perché sulla Bibbia sta scritto così: è un ipse dixit assurdo.
    In sintesi, gradirei sinceramente un chiarimento perché a volte mi sembra di leggere non un sito di fumetti ma uno di CL....
    Questo sia detto con la massima stima e rispetto. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondiamo con piacere alle tue domande perché ci permettono di chiarire alcuni concetti fondamentali.
      Il fumetto è forma d'arte. Può e deve essere educativo.
      La vita delle persone deve essere guidata da una morale precisa. Noi riteniamo che l'opzione migliore, che esclude tutte le altre, sia quella cattolica.
      Il fumetto è evasione dalla realtà? Si, nella misura in cui può esserlo un libro, un film, un cartone animato. Ma nel libro, nel film o nel cartone animato è presente una "opzione morale" precisa impressa dall'autore e in quel caso noi sosteniamo gli autori che imprimono alle loro opere l'opzione della morale cattolica.
      Kriminal uccideva? Anche Diabolik uccide. Anche Capitan America uccideva i soldati dell'asse durante la seconda guerra mondiale e tra questi c'erano anche italiani, ungheresi, nipponici e tutti gli altri alleati della Germania. In Dylan Dog la gente viene ammazzata? Succede anche in altri fumetti, dove l'evento "morte" figura insieme agli altri elementi del contesto narrativo. Anche nella Bibbia l'evento "morte" è rappresentato fin da quello di Abele. Non per questo esso è diseducativo se inserito logicamente in un contesto caratterizzato da una base morale che vale la pena sostenere.
      I riferimenti alla religione e alla Bibbia arricchiscono e non impoveriscono il contesto descritto nei nostri pezzi. Ci spiace che tu non sia di questa opinione. Non credi nella Bibbia? Nessuno te lo impone. Associ ai nostri riferimenti religiosi un elemento di "svalutazione" dei nostri pezzi. Ci spiace. Come ci spiace che tu consideri normali i pezzi senza riferimenti religiosi e non normali quelli con i riferimenti religiosi.
      La Bibbia è la base di tutto. Tu non credi nella Bibbia? Nessun problema. E' il Dogma, che tu puoi rifiutare. Non per questo cambieremo il nostro modo di scrivere gli articoli. Anzi, siamo convinti che occorre intensificare tutto ciò affinché la strada giusta non sia mai disattesa. Una società senza morale cattolica è una società molto povera. L'unica cosa assurda, a nostro modo di vedere, è proprio il credere una cosa del genere. Oggi, spesso, si citano come "civili" determinati sviluppi che, in realtà, sono aberrazioni. Mostruosità. Come le unioni civili, che sono una offesa a Dio.
      Pertanto, crediamo di avere risposto in modo chiaro ed esaustivo, alle questioni che hai posto. Il nostro sito è di impronta politica di destra e cattolico come base morale e religiosa.
      Questa è, secondo noi, la strada giusta da seguire. E ti invitiamo a seguirla. Saluti.

      Elimina
    2. Vi ringrazio per avermi risposto su un tema difficile.
      Chiarifico che non credo alla bibbia poiché lo ritengo (ehm.. come la maggior parte degli studiosi...) un accrocco di miti scritto da diverse persone, ma questo non vuol dire che non legga i Vangeli ("crederci" certo no) o non abbia dei princìpi morali (e magari pure di destra...)
      La vostra risposta mi soddisfa molto a livello di civiltà e cortesia, un po' meno nei contenuti ("noi riteniamo che l'opzione migliore sia questa...etc.."): cioè, siete dichiaratamente di parte. Talebani se si può dire.
      Nulla di grave, basta saperlo (e magari scriverlo sulla testata tipo "fumetto nazionale cattolico repubblicano", ecco...).
      Mi sfugge anche quale possa essere la "base morale da sostenere" sugli eccidi di Kriminal ("ammazzo perché di destra") o Diabolik ("rubo ai ricchi per dare ai poveri") o la bibbia pure: sono fumetti (la bibbia un romanzo con un personaggio principale poco credibile, come diceva Woody Allen) e non darei loro tutta questa "importanza formativa" che gli date voi, ma tant'è.
      Continuerò a leggere i vostri articoli perché molto interessanti, e - quando privi di implicazioni moraleggianti - obiettivi.
      Gli altri interventi - siete voi stessi a dichiararlo - obiettivi non potranno mai essere per cui...pazienza, ci farò la tara!
      Un caro saluto.

      Elimina
    3. Ciao, Jason e grazie delle belle parole. Ovviamente, su alcuni concetti siamo di parte e lo diciamo senza problemi. A ciascuno la sua opinione. Nei fumetti neri veniva rappresentata una concezione della giustizia molto estrema. Diabolik è al di sopra della legge perché è un criminale. Ma pur nei mezzi estremi, aveva una sua morale anche se in molti casi discutibile. Oggi Diabolik non è il più il personaggio di un tempo. Oggi è un metodico organizzatore di colpi e uccide solo quando si trova costretto o per vendetta. Si, Diabolik è invecchiato insieme ai suoi autori. Diabolik però era intimamente collegato alla passione che le Giussani mettevano nelle storie. Quella passione se n'è andata con le Giussani e ne sentiamo fortemente la mancanza.

      Elimina
  7. La tua teoria è sbagliata perché si basa sulle affermazioni, in parte errate, di Rucka, il quale ha posto come unico elemento a sostegno di alcune sue argomentazioni il fatto che Wonder Woman viveva in un contesto di sole donne. Rucka è caduto nello stesso errore di quanti, pensando a donne che vivono insieme, siano anche lesbiche. Un mal pensare piuttosto comune da parte di chi ha una cultura limitata. Dunque, Wonder Woman è una donna perfettamente normale. Non è affetta da devianze di tipo sessuale, quindi è perfettamente sana. Non ci sono prove, né tavole che indicano una realtà conforme a quella che tanti presunti lobbisti gay vorrebbero vedere trionfare insieme alle loro squallide teorie gender.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.