lunedì 26 dicembre 2016

MILLER ATTACCA TRUMP E PUTIN MA DIMOSTRA DI NON ESSERE AGGIORNATO SULLA STORIA! IN ARRIVO DK IV!!!

Oggi Frank Miller e Brian Azzarello, i due autori dietro Dark Knight III: The Human Race, che in Italia è proposto dalla Rw Edizioni con il titolo Dark Knight III: Razza Suprema, hanno rilasciato una intervista in cui si sono abbandonati a dichiarazioni di fuoco! Cominciamo con Frank Miller, che anche se è considerato un autore di destra, alle recenti presidenziali ha sostenuto Hillary Clinton anziché Donald Trump. La prima considerazione da fare è che probabilmente quel giocherellone di Frank Miller ha voluto prendersi gioco della platea. Magari ha sempre sostenuto Donald Trump, ma per ragioni non specificate ha fatto finta di sostenere la moglie di Bill Clinton. Se sei di destra come fai a sostenere una donna che è apertamente socialista nelle sue espressioni politiche? Forse è l'età o forse il suo DK III non è andato secondo le sue aspettative, ma riguardo al grande presidente eletto nazionale repubblicano ha dichiarato: Non credo che avrei potuto sognare una storia in cui il presidente degli Stati Uniti d'America è il migliore amico di un membro del KGB! Miller, che forse necessita di aggiornare le sue conoscenze storiche, non ha preso in considerazione che il KGB non esiste più da ormai 24 anni! Il KGB, fondato nel 1954 come Comitato per la Sicurezza dello Stato e successore dell'NKVD di Berja, è stato sciolto nel novembre 1991. Il suo ultimo comandante, Vladimir Krjučkov, capeggiò il colpo di stato contro Gorbaciov nel dicembre 1991 per poi essere arrestato. Il 4 dicembre di quel 1991 il KGB cessò di esistere. Al suo posto operano due organizzazioni: l'FSB, che si occupa di sicurezza interna e controspionaggio; l'SVR, che dirige le attività di spionaggio estere. Putin, attuale presidente d'acciaio della Russia, grande amico di Berlusconi, è stato capo del FSB! Qualche giorno fa Roberto Recchioni, curatore editoriale di Dylan Dog, ha commentato l'omicidio dell'ambasciatore russo ad Ankara, Andrey Karlov, sostenendo che la Russia e la Turchia sono due Stati criminali, oltre ad abbandonarsi ad un giudizio fantasioso su Putin. La cosa che ci sorprese di più non furono le parole di Recchioni, che finora ha sempre sposato le cause in contrasto con il sentire comune (si è schierato contro D. Trump, contro il Brexit e contro il Referendum di Renzi!), bensì il fatto che il R. Recchioni sia legato alla Mondadori da un contratto per la stesura di una serie di libri di avventura. Il proprietario della Mondadori è Silvio Berlusconi! Come si può definire criminale una persona come W. Putin, che è amico stretto del tuo editore, cioè di Berlusconi? Se sai che il tuo editore è amico di un criminale, non dovresti astenerti dallo scrivere libri per la sua casa editrice? Non stupiamoci. Perfino Tiziano Sclavi, che si è sempre professato di sinistra, ha pubblicato diversi volumi per Mondadori ed è perfino citato dal sito della Mondadori tra i loro autori!


Ma torniamo a Frank Miller! Il buon Frank non ha sostenuto Donald Trump, che ha vinto lo stesso alla grande le elezioni perché convinto che lui sia amico di un membro del KGB? Quel membro è Wladimir Putin, che ha fatto una grande carriera nella organizzazione di tutela dello Stato sovietico fino a ricoprire alti ruoli. Nel 1989, quando una folla di inferociti tedeschi orientali voleva assaltare il quartier generale del distaccamento a Dresda, uscì in strada, dopo che il suo ufficiale superiore era fuggito e urlò alla folla in tedesco: ho 12 pallottole. Una la lascio per me. Ma compiendo il mio dovere, dovrò sparare. La gente rinunciò a scavalcare il muro di cinta. Putin è oggi il nemico numero uno del terrorismo islamico. Con pugno di ferro ma giustizia infinita ha guidato le forze russe che hanno distrutto l'Isis in Siria. Quando nel 1999 i terroristi ceceni si resero autori di un tragico attentato dichiarò: Noi perseguiteremo dappertutto terroristi, e quando li troveremo, mi perdoni l'espressione, li butteremo dritti nella tazza del cesso. Quindi, Frank Miller non sa chi è Putin. Essere amico di Putin è un aspetto positivo, non certo deleterio. In caso contrario, tanti americani non avrebbero votato Trump. Putin e Trump rappresentano attualmente il nuovo asse della Pace nel mondo e insieme lotteranno contro il male. Sono i due supereroi. Putin, che è anche un campione di arti marziali, Judo, Sambo e Karate, si è opposto con determinazione alle mode aberranti che vorrebbero la diffusione delle follie della devianza sessuale e lo ha dimostrato con i fatti. In Russia sono vietate riviste che diffondono contenuti di questo tipo e si incorrono in severe sanzioni penali qualora si tentasse di organizzare un gay pryde. E' vietato inoltre parlare in difesa dei diritti degli omosessuali o distribuire materiale che promuova le richieste dei gay o propagandare l'idea che le relazioni gay siano uguali a quelle etero. Eppure Miller avrebbe preferito la Clinton, che avrebbe reso ancora più debole l'America! Miller non conosce bene Wladimir Putin e nemmeno Trump. Nell'intervista ha parlato della sua intenzione di realizzare un quarto capitolo di Dark Knight, in cui dovrebbero apparire personaggi seminali del DCU secondo la loro originaria versione nazionale repubblicana. Intanto, nel numero 7 di DK III abbiamo visto Superman resuscitare Batman tramite il pozzo di Lazzaro. Una versione più giovane di Bruce Wayne che dovrebbe fungere da base per sviluppi futuri. E se invece Frank Miller si ispirasse proprio a Putin per creare una dimensione più grande e potente di Batman? L'idea farebbe la gioia dei tanti lettori che non riescono più a tollerare il cattivo olezzo del socialismo nei fumetti e la sua maledetta perversione morale, etica e sociale. Per fortuna il mondo va a destra e anche nel fumetto è solo questione di tempo. Al Plano.

4 commenti:

  1. Con questo post vi siete superati. Meritate il nobel per il blog più goliardico del web. Ho rischiato di slogarmi la mascella a furia di ridere quando ho letto che la Clinton sarebbe socialista e che Trump e Putin sono l'asse della pace del mondo (e che Aleppo è solo un livello di "Call of duty")). Ma con quella su Putin che conosce le arti marziali, judo, sambo e karate e per questo dovrebbe fornire il modello per il nuovo Batman stavo per soffocare dalle risate. Già, meno male che il mondo va a destra. Così i fumetti torneranno ad essere venduti a badilate con Trump e Putin che zompano dai grattacieli gisutiziando gli ultimi malvagi comunisti. Eia eia alalà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alalà era la figlia di Polemos, che accompagnava in battaglia il Dio Ares...

      Elimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.