sabato 10 dicembre 2016

SPIDER-MAN: CAMUNCOLI LASCIA AMAZING! AL SUO POSTO ARRIVA STUART IMMONEN! CONFERMATO DAN SLOTT!

Grandi novità in arrivo per l'Uomo Ragno dopo la conclusione di Clone Conspiracy. Stuart Immonen sarà il nuovo disegnatore ufficiale di Amazing Spider-Man al posto di Giuseppe Camuncoli. Per il disegnatore italiano si chiude, quindi, l'avventura sulla collana marvelliana più importante di sempre dopo il lungo ciclo di storie ragnesche nel quale si è avvicendato, sia pure per una manciata di numeri, con l'altro italiano Matteo Buffagni, più noto come copertinista di Diabolik. Immonen, che così fa il suo grande ritorno nel mondo dell'Uomo Ragno, si vedrà a partire dal numero 25, una edizione giant-size di 40 pagine, ma prima curerà le tavole di Clone Conspiracy Omega, episodio conclusivo della saga concepita da Dan Slott che ha visto il ritorno di Ben Reilly nei panni del nuovo Sciacallo!
 

I fan italiani non la prenderanno bene. Da molti mesi la serie di Amazing parlava italiano. Forse anche in considerazione del forte calo delle vendite, la Marvel ha deciso di cambiare strategia e di affidarsi di nuovo ai più collaudati artisti Usa. Stuart Immonen è la scelta migliore, anche se in tanti sentono la mancanza di Ryan Stegman, che ha curato il lungo di ciclo di Superior Spider-Man, forse la saga migliore scritta da Dan Slott finora. Dalle prime notizie filtrate, pare che nel nuovo ciclo di Amazing Peter sarà impegnato in un nuovo conflitto con Norman Osborn. Queste storie si vedranno in Italia alla fine del 2017 sul quindicinale dell'Uomo Ragno. Per quanto riguarda Slott, la Marvel ha deciso ancora di confermarlo, nonostante le prove non eccelse di questi ultimi tempi. Jack Santorum.

6 commenti:

  1. Sono bravi sia Immonen che Camuncoli, il problema, alla Marvel, sono gli scrittori, gli editor e la linea editoriale, non i disegnatori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo siamo perfettamente d'accordo.

      Elimina
  2. Come molti altri, ho mollato la Marvel dopo decenni... stanco di eventi continui, di morti e resurrezioni, di politicamente coretto, di gay, gender... e adesso gli x-men originali sono sia nel futuro che nel passato... una confusione temporale. Marvel alla deriva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ormai 10 anni che si stanno autodistruggendo. In modo inspiegabile e consapevole.

      Elimina
  3. Avete notato che nell'ultimo numero di Anteprima, scaricabile in pdf dal sito Panini, c'è un tentativo di riprendersi le simpatie dei vecchi fan, nell'editoriale di Peruzzi? Tentativo misero e fallimentare, almeno per quanto mi riguarda. Contano i fatti. Adesso si sono accorti che lo zoccolo duro dei fan si è stancato delle loro politiche editoriali e li ha mollati. Lo zoccolo duro che avrebbe comprato la Marvel sempre, se le cose fossero state gestite in maniera diversa. E il colmo è Lupoi che si vanta, su twitter e Facebook, di essere l'editore italiano di un numero di National Geographic che scrive della teoria gender. Cosa c'è da vantarsi? Di una teoria che nega la natura? In natura ci sono maschi e femmine, non altri sessi. Se poi una persona si sente femmina nel corpo di un maschio o viceversa, tutto il mio rispetto, anche perché soffre le pene dell'inferno e si sottopone a decine di interventi chirurgici. Come tutto il rispetto per chi è omosessuale. Ma non è ammissibile dire che è la norma, quando la natura da secoli dimostra il contrario. Follia anche parlare di diritto, per una coppia omosessuale, di avere figli. Non può essere un diritto, prima di tutto, perché non è previsto dalla natura che due persone dello stesso sesso possano generare. Allora potremmo anche dire che tutti hanno il diritto di essere belli e biondi. E poi, ai diritti dei figli, chi ci pensa? Non hanno forse, i bambini, diritto a una famiglia composta da un uomo e una donna, da mamma e papà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo te, esiste ancora uno zoccolo duro di fan della Marvel in Italia? Noi siamo convinti di no. Se ci fai caso negli albi della Marvel campeggiano moduli di abbonamento! Ti rendi conto? La Panini sta rispolverando le vecchie politiche della Corno che i fanzinari non hanno mai dimenticato! Riguardo alla teoria gender, una teoria molto pericolosa che dovrebbe essere avversata con tutti i mezzi possibili e chi ne parla dovrebbe essere censurato. Riguardo all'omosessualità, abbiamo già precisato la nostra posizione di ferma e decisa opposizione ad un fenomeno che è contro la natura e le più elementari nozioni della logica. La norma è maschio e femmina. La norma è la coppia formata da un uomo e una donna. Tutto ciò che esorbita da questo sistema è out. La recente legge sulle unioni civili, ad esempio, è una offesa a Dio, che la sinistra perpetra in modo consapevole e deciso. Una lotta insensata e crudele che loro conducono da sempre. Attaccano la Chiesa e tutto ciò che la simboleggia. Chi è omosessuale vive una situazione chiaramente patologica. Un omosessuale non può avere figli. Il fatto di non poter avere figli è una condizione patologica. L'omosessuale (ma il discorso vale anche per le lesbiche) dispone di organi sessuali uguali a quelli degli altri individui. Però, questi organi si attivano con il sesso sbagliato. Perché? L'impulso di attivazione parte dal cervello. E' lì dunque il problema. Cos'è che non va nella mente degli omosessuali e li spinge verso i membri dello stesso sesso? Sono stati condotti studi precisi circa il rapporto tra omosesualità e pazzia. Poi, in modo inspiegabile, nel 1974 l'omosessualità venne cancellata dall'elenco delle malattie. Un fatto molto negativo che ha impedito di continuare le ricerche per capire cos'è che spinge il cervello umano ad attivare gli organi sessuali verso il sesso sbagliato.

      Elimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.