lunedì 9 gennaio 2017

RW EDIZIONI: CRISIS! BOTTA E RISPOSTA TRA LORENZO CORTI E UN UTENTE DI COMICUS! CHI SONO GLI HATERS?

Gli appassionati italiani della DC sono stufi del modo con cui negli ultimi dieci anni le avventure di Superman e soci sono state presentate in questo Paese ed ora con l'arrivo di Rebirth, il nuovo evento nazionale repubblicano, la misura è colma. Molti giubilarono immotivatamente quando, a metà del 2011, arrivò la notizia che la Planeta DeAgostini, ritenuta causa di tutti i mali e delle disfunzioni delle pubblicazioni DC in Italia, sarebbe stata sostituita dalla Rw Edizioni. In realtà, ben presto emerse che a comporre la redazione del nuovo editore erano gli stessi soggetti che, sotto le bandiere di alcune micro-etichette come Magic Press e Double Shot, curavano la realizzazione italiana degli albi (lettering e traduzione). Lorenzo Corti e Alessio Danesi erano coloro che, nel periodo Planeta, gestivano tutte le operazioni. Bersagliata dalle critiche dei fan, aizzati contro gli spagnoli su alcuni forum sospetti, la Planeta sosteneva che il materiale veniva preparato in Spagna e consegnato alla Alastor, che poi lo distribuiva secondo un proprio piano aziendale. Per farla breve: la colpa è di Alastor. Noi stampiamo e consegniamo il materiale. Se non vi arriva, chiedete ai napoletani. Oggi alla Rw è rimasto solo Corti come responsabile editoriale. Altri, come lo stesso Danesi e alcuni forumisti di Comicus (come Massimo Rubbino alias Uomo che Ride e Lamberto Lamarina alias Rosencrantz) hanno mollato. I problemi che si vivevano sotto la gestione Planeta (ritardi, interruzioni di serie, programmi editoriali ballerini, comunicazione non di qualità, ecc.) sono dunque continuati negli anni successivi e i fan si sono stufati. Vogliono che Rw ceda i diritti DC ad altri editori e soprattutto che a gestire il tutto siano soggetti diversi da quelli che in passato hanno curato la supervisione degli albi. Vogliono professionisti pagati per fare questo lavoro e non redattori arruolati sui forum tra amatori e appassionati.



Molti hanno mollato la DC in Italia a causa della disorganizzazione e la confusione che hanno caratterizzato le gestioni dell'ultimo decennio. Aspettano solo che i diritti finiscano ad altri editori e soprattutto ad altri redattori. Sul forum di Comicus, come potete vedere dallo screenshot, si è consumato l'ennesimo scontro tra l'utente Preacher, alias Lorenzo Corti, responsabile editoriale di Rw Edizioni e un utente storico della community, che ha messo il dito nella piaga. Gli errori commessi dalla casa editrice partenopea non conoscono sosta. Sono gli stessi problemi che si verificavano durante l'era Planeta. L. Corti si duole che contro di loro vi sia un malcelato desiderio di vederli fallire. Dai toni aspri che si leggono su social e forum liberi, non c'è nulla di malcelato. I lettori stono stufi e vogliono che i diritti DC finiscano ad altri editori. Alcuni non riescono a capire come sia possibile che la DC tolleri una situazione di costante precariato nell'uscita e nella programmazione degli albi. Dopo cinque anni non è più possibile essere indulgenti nei confronti della Rw, sia perché i membri della redazione sono gli stessi che lavoravano per conto di Planeta, sia perché i problemi di cinque anni fa sono tuttora presenti e le cause degli stessi non sono mai state rimosse. Lorenzo Corti risponde alludendo a teorie campate in aria (a quali teorie ti riferisci, Lorenzo?), alle offese gratuite e agli haters (quali sarebbero questi haters, Lorenzo?). Il problema è oggettivo. L'editore vive una situazione di difficoltà da quasi tre anni culminata lo scorso novembre con la cessione del ramo della distribuzione a Manicomix. Ne abbiamo parlato qui. A ciò si aggiunge la sospensione delle uscite della sezione Lineachiara e le uscite, non più stabiliti, di Goen. Fino a quando si potrà andare avanti in questo modo? A questo punto, i riflessi negativi sono per la stessa DC, che rischia di perdere un buon mercato. Marshall Mathers.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.