martedì 17 gennaio 2017

TRUMP: COMPRA AMERICANO E ASSUMI AMERICANO! IL DARK REIGN DI AXEL ALONSO E QUESADA E' GIA' FINITO?

Compra americano, assumi americano. Queste sono state alcune tra le prime parole pronunciate da Donald Trump subito dopo l'insediamento alla presidenza Usa. E molti già tremano di paura! Paura vera perché davvero speravano che avrebbe vinto la Clinton e loro avrebbero proseguito nell'opera di distruzione del tessuto morale e civile della Nazione. Il Dark Reign di Obama è finito. Trump sta mantenendo tutte le promesse. Tutto quello che Obama ha fatto, rendendo più debole l'America, sarà cancellato. E di oggi la notizia dell'emanazione dell'ordine esecutivo che permette agli Usa di svincolarsi dal TPP, il folle accordo firmato da Obama di libero scambio con 11 Paesi dell'area del Pacifico. Durante la campagna elettorale lo aveva sempre definito pericoloso per l'industria americana. E di fatto oggi lo ha cancellato. Un passo avanti nella difesa dei lavoratori americani. Trump è anche un fervente cristiano. Quando il Papa (socialista) Francesco lo aveva attaccato su questo fronte, aveva così replicato: Io sono orgoglioso di essere cristiano e come presidente non permetterò alla nostra religione di essere continuamente attaccata e indebolita, proprio come sta avvenendo ora, con l’attuale presidente Usa. E Trump si sta ponendo come un difensore del lavoro e dell'economia Usa, che Obama aveva consegnato nelle mani di sporchi speculatori. Compra americano, assumi americano significa che chi compra prodotti Usa o assume lavoratori Usa avrà privilegi vari. E nel campo del fumetto i riflessi saranno inevitabili. Negli ultimi 8-10 anni c'è stata una vera invasione di autori e disegnatori ispanici, italiani, coreani, polinesiani e chi più ne ha più ne metta con conseguente ingresso di tradizioni culturali, spesso comuniste, che hanno mortificato, annientato l'essenza vera di supereroi nazionali repubblicani come Superman, Batman, Ciclope o Flash. Per non parlare degli autori omosessuali, bisessuali, transgender nel folle tentativo di molti a sinistra di rappresentare la truce fenomenologia della devianza sessuale a modello normale di civiltà!
 

Il problema non è l'origine degli autori. Siano essi spagnoli o coreani poco importa se il loro valore è fuori discussione. Ma non abbiamo visto altri George Perez o Mike Deodato in questi anni, tranne che mediocri mestieranti che potrebbero essere dirottati sul Color Fest di Dylan Dog e nessuno noterebbe la differenza. E allora se il Dark Reign di Obama è finito, quello del duo Quesada e Alonso finirà presto. Compra americano, assumi americano. Il nuovo editor-in-chief della Marvel sarà un americano purosangue? Molti lo sperano. E allora basta coreani, ispanici e italiani che, a conti fatti, si sono rivelati inferiori ai loro predecessori. Parliamo di fumetti Usa e solo veri americani, portatori di idee della destra possono realizzarli. Un autore mette parte di se in quello che fa, ma se è di sinistra o peggio, metterà nelle storie qualcosa di disturbante. E che dire dei musulmani che in questo momento rappresentano nella cultura americano il nemico come lo erano i giapponesi dopo l'attacco di Pearl Harbor? E Cuba? E la Corea del Nord? Siamo dunque convinti che presto gli universi Marvel e DC cambieranno colore! E non solo per le nuove idee di Trump. Se costui ha vinto è perché la maggioranza della popolazione la pensa come lui. E alla Marvel se ne sono già accorti dopo il crollo delle vendite del 2015 e del 2016. Come sia stato possibile non licenziare Alonso resta un mistero. Nella sua opera il presidente Trump avrà un grande alleato in Putin, il presidente d'acciaio della Russia. Da quando si è insediato, i rapporti Usa-Russia si sono normalizzati. Trump avrà altri alleati. Il presidente della Turchia, Samir Erdogan, che afferma che ad avere organizzato il golpe contro di lui è stata l'amministrazione Obama, il presidente Assad, che sta per riprendere possesso dei suoi domini grazie all'aiuto di Putin e i Paesi in cui la destra è in trionfo. La sinistra fumettistica si è già trincerata. Recchioni, curatore di Dylan Dog, ha attaccato Trump. Recchioni dovrebbe preoccuparsi di più di Dylan Dog. La serie perde ogni anno 10.000 lettori. Gunnar Andersen.

4 commenti:

  1. A parte il discorso sui mestieranti e sul crollo verticale di DyD non mi trovo d'accordo su nulla. La vostra visione "destrizzata" o peggio, trumpizzata, del fumetto e della geopolitica mi fanno letteralmente orrore. E si badi che non sono socialista nè di sinistra. Mi fanno solo ribrezzo i dittatorelli totalitari con o senza parrucche colorate. Detto questo, buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutta la stampa (virtuale, cartacea, televisiva), o meglio i poteri che li finanziano, sono stati ferocemente a favore dei democratici. E' chiarissimo chi sono i dittatori.

      Elimina
  2. Se la nostra idea "trumpizzata e destrizzata della situazione geopolitica" ti fa orrore, che ci leggi a fare? Esistono tanti siti di sinistra dove puoi trovare tante cose che, sebbene non vere, corrispondo al tuo ideale politico. Trump è stato eletto democraticamente, ma la sinistra lo sta demonizzando. La sinistra fa così perché sa che a breve sarà spazzata via insieme alle sue velenose idee socialiste. L'unico orrore è il socialismo.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.