mercoledì 15 marzo 2017

BATMAN REBIRTH: SECONDO ANTANI COMICS LA TIRATURA SAREBBE STATA DI 30.000 COPIE! POCHINE PER NOI!!!

Come vanno le cose in casa Rw Edizioni? Ci siamo occupati spesso delle vicende della casa editrice napoletana di Pasquale Saviano, ex-distributore di Planeta DeAgostini. Gli ultimi movimenti registrati indicano la cessione del ramo distribuzione all'asse Manicomix/Shockdom (ne abbiamo parlato qui) e l'uscita di scena di Giovanni Santucci dalla carica di responsabile della sezione Goen (ne abbiamo parlato qui). Lo abbiamo saputo solo perché lo ha annunciato lo stesso Santucci rispondendo alle critiche di un lettore sulla pagina Facebook della Star Comics! Ad oggi non ci risulta alcuna nomina di sostituti. Quindi, dobbiamo dedurre che la Goen sia ancora una divisione adespota nel variegato mondo Rw. Dal sito Animeclick apprendiamo che questa settimana sono programmati in uscita sei manga, due dei quali con variant cover! Nei commenti la gioia insperata di lettori che aspettano di completare le collezioni ancora aperte e chiude definitivamente il capitolo Goen. Di recente abbiamo potenziato la nostra sezione manga e il nuovo responsabile, il moscovita Dimitri Temnov, non è ancora entrato nell'ottica del funzionamento delle case editrici italiane. Secondo lui nel settore c'è molta approssimazione, superficialità e scelte fatte a caso da parte di persone che lavorano peggio che male. Non riesce nemmeno a capire come sia possibile che in Italia ci siano ancora comunisti al governo dopo che nel suo Paese (la grande Russia del presidente d'acciaio Putin) li hanno mandati via a calci nel culo nel 1991. Kristoffer, che ha molta pazienza, gli ha spiegato che in Italia il mondo del fumetto è nelle mani della sinistra. Laconica risposta di Dimitri: ah, ora capisco perché stanno fallendo tutti. Ma lasciamo Dimitri ai suoi pezzi. A proposito, ne leggerete uno domani sui manga e ritorniamo alla questione che ci occupa: come vanno le cose in casa Rw? Oggi ci sono state novità.


Francesco Settembre, gestore della fumetteria Antani Comics e del blog omonimo, ha pubblicato un pezzo in cui cita un dato relativo alle vendite delle testate DC Rebirth pubblicate da qualche mese dalla Rw Edizioni. Lo scorso anno la DC ha fatto ripartire da zero il suo universo narrativo dopo il disastroso New 52. Nei primi mesi è andata bene, perché la DC aveva annunciato che le serie sarebbero state ricollocate nella loro originaria essenza, che da un punto di vista politico corrisponde alla destra nazionale repubblicana americana. Poi, le vendite sono calate perché gli autori hanno abbracciato di nuovo riferimenti socialisti nelle loro storie. Ma in Italia com'è andata? Secondo Settembre, riferendo voci che gli sono state passate da un addetto ai lavori (noi presumiamo interno alla Rw o a qualche distributore), la tiratura di Batman (presumiamo del numero 1 Rebirth) sarebbe stata di 30.000 copie. Solo 30.000 copie? Tutto qui? Per Rebirth? Per l'evento che ha fatto ripartire la DC negli Usa? E di queste 30.000 copie quante sono state vendute e quante sono state le rese? Poi dice che i numeri Rebirth di Flash e Wonder Woman sono andati esauriti, ma non cita la tiratura. Conclude sostenendo che questi numeri sono un successo. Noi non siamo d'accordo. Ai tempi della Planeta Batman vendeva 4.000 copie (ci è stato riferito da un addetto ai lavori, ma non si tratta di A. Bottero). E siccome negli anni le vendite sono calate per tutti, oggi Batman vende molto meno. Se il massimo dei supereroi è l'Uomo Ragno con 5.000 copie ogni quindici giorni potete immaginare il venduto degli altri. A Settembre rispondiamo: serve conoscere i dati di vendita? Si, perché fanno capire le reali dimensioni di un mondo (quello della editoria a fumetti), che è piccolo. Nel 1975 chiuse Devil Corno. Fu un duro colpo, ma fu sufficiente per capire che il mondo del fumetto, già allora, era piccolo. Gunnar Andersen.

3 commenti:

  1. La sinistra purtroppo ha in mano il fumetto, e non solo in Italia.
    E sul fatto che va male è proprio perchè veicola pensieri di sinistra, come dice il russo Temnov, è proprio vero: l'eroe non esiste, è solo un ipocrita; quello che conta è il gruppo, non la persona; quello che conta non sono i sentimenti, ma il messaggio sociale; quello che conta è amare anche se hai voglia di accoppiarti con animali; la morale non esiste perchè è una costruzione della società; l'uomo è sempre buono e la società è sempre cattiva, quindi la colpa è sempre di qualcun altro, mai propria. E potrei andare avanti per due mesi.
    Soprattutto il fallimento dei fumetti di sinistra è dovuto all'odio della sinistra per il personaggio principale, che dovrebbe essere positivo e portatore di valori come il coraggio, l'altruismo, la fiducia nel futuro; e all'amore sviscerato della sinistra per il fallito, il buono a nulla, il depravato, perchè è sempre una vittima e viene sempre picchiato dai cattivi della società e servi del padrone.
    Ma chi ha voglia di leggere qualcosa su una persona che le prende sempre e non è il protagonista? Questo è il motivo del fallimento dei fumetti di sinistra. E' un miracolo che ci siano ancora personaggi come Tex (Zagor ormai è diventato sinistrorso).

    RispondiElimina
  2. manco fate copiare per citare e rispondervi.. -_-
    vendite buone primi numeri perchè corrisponde alla destra nazionale repubblicana americana, poi riferimenti socialisti?? ma che vaccate andate dicendo? vendite buone perchè c'è un bel numero 1 in copertina..
    "solo 30mila copie".. peccato che abbia detto "ALMENO 30mila copie".. il che vuol dire che possono essere 30mila e cento o 40mila o 100milamilioni.. è solo un dato parziale..
    può essere vero che fossero poche visto che sono diventati difficili da trovare.. ma se prima vendeva 4mila e chi vende di più vende 5mila, ma che devono stampare e poi trovarsi magazzini infiniti di resi? buona grazia che se vendeva 4mila ne hanno stampati ALMENO 30mila e sono rimasti corti.. figurarsi se ne stampavano "solo" il doppio delle vendite precedenti (8mila).. almeno sareste stati contenti visto che non si sarebbero trovati a pochi euro nei mercatini dell'usato ma a cifre esorbitanti solo su ebay XD

    RispondiElimina
  3. Secondo me 30.000 copie sono tantissime, soprattutto considerando il momento attuale. Ricordiamoci che molte serie Bonelli, stiamo parlando del più potente editore italiano, vendono molto meno!

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.