venerdì 24 marzo 2017

E' IN ARRIVO IL FILM CINEMATOGRAFICO DI MAZINGER Z PER FESTEGGIARE IL SUO 45ESIMO ANNIVERSARIO!!!

Mazinger Z, in Italia conosciuto come Mazinga Z, è stato il papà di tutti i robottoni giapponesi, il capostipite di un genere leggendario che ancora oggi spopola grazie a Go Nagai, il più grande autore di fumetti tutti i tempi. Mazinger Z è apparso per la prima volta il 2 ottobre 1972 sulla rivista Weekly Shōnen Jump della Shūeisha per concludersi il 13 agosto 1973. L'opera completa è stata poi raccolta in 5 tankōbon. Di questa prima serie esistono ben due versioni. La prima scritta e disegnata da Go Nagai in persona e la seconda, meglio curata nel disegno, realizzata da un altro maestro, Gosaku Ota. La collana originale arrivò in Italia nel 1979 grazie alla Fabbri Editori, in un periodo in cui il fumetto giapponese nella penisola era una entità sconosciuta. Le tavole furono colorate per l'occasione ed alcune censurate senza motivi apparenti. Nel volume, che era un brossurato di 160 pagine di formato 22x29, apparvero alcuni episodi della versione del manga realizzata da Ota. Il volume si intitolava, Io Il Grande Mazinger. Si dovette aspettare quindi il marzo 1992 quando la Granata Press presentò finalmente la serie completa, sempre della versione di Ota, in originale bianco e nero e senza censura nella collana Manga Classic, seguita dopo da quella del Grande Mazinger. In anni successivi il fumetto è stato ristampato prima dalla Dynit e poi dalla Jpop, che nella recente collana Go Nagai Collection, ha presentato tutta le serie legate alla mitica ideazione di Nagai. Nel 2017 Mazinger compie 45 anni e per l'occasione è stato diffuso il trailer di una versione cinematografica, un evento epocale.
 

Come potete vedere dalle immagini, si nota appena la testa del mitico robot in versione realista. Non stiamo parlando di un film animazione, cioè di un cartone animato. Ma di un film vero e proprio. E siamo certi che i fan nagaiani di tutto il mondo andranno in delirio assoluto. La regia della pellicola sarà affidata a Junji Shimizu mentre la sceneggiatura sarà di Takahiro Ozawa. Takayuki Yanase (Ghost in the Shell Arise, Mobile Suit Gundam 00) sta lavorando sul mecha design e Hiroya Iijima (Afro Samurai) si occuperà invece del chara design. Durante l'evento c'è stato anche un video messaggio di Go Nagai, il quale ha annunciato che il film avrà una prima mondiale di fuori del Giappone, prima della premiere giapponese. L'anime di Mazinger Z venne trasmesso dalla emittente Fuji Tv dal 3 dicembre 1972 al 1° settembre 1974. In Italia il cartoon arrivò nel 1980 e furono trasmessi solo 56 delle originali 92 puntate. Un'orda di comunisti farabutti fece pressioni sulla Rai per far cessare la trasmissione, compiendo uno degli atti più abietti della storia della censura italiana. Per fortuna in anni successivi, sono state doppiate anche gli episodi mancanti, per cui oggi può essere ammirato in tutta la sua completezza nei dvd curato della Dynit, che ha diffuso le versioni complete del Grande Mazinger e di Goldrake. Mazinga Z è un robot gigante che per muoversi necessita di essere guidato da un essere umano dotato di grandi capacità. Il pilota è collocato nella testa, cui vi arriva grazie ad un aliante slittante che vi si inserisce costituendo il vero e proprio cervello dell'automa.
 
Nel 1962 Juzo Kabuto insieme ad altri scienziati di diverse nazioni, tra cui il noto tedesco nazionalista dottor Hell, partecipò ad uno spedizione nell'isola greca di Bardos (denominata Rodi nel doppiaggio italiano originale). Qui il team scoprì i resti dell'esercito di mostri meccanici della civiltà di Micene. La leggenda (vera) narra che sull'isola fossero presenti automi in grado di sconfiggere tutti coloro che cercavano di invaderla. Ben presto Hell rivelò le sue intenzioni e uccise tutti gli altri scienziati, ad eccezione di Kabuto, che riuscì a fuggire portando con se i segreti di quella grande tecnologia, che i micenei avevano appreso da una civiltà aliena, quella dell'imperatore della stella Vega (i nemici di Goldrake e del principe Actarus!). Kabuto riuscì quindi a costruire grazie a quelle conoscenze un prodigioso robot che lasciò in eredità a nipote Koji. Il suo compito sarà quello di ostacolare il dottor Hell, che ambisce a dominare il mondo dopo che i suoi ex-capi del governo della Germania durante la seconda guerra mondiale non erano riusciti a centrare. La forza superiore di Mazinga non è però data solo dalla tecnologia extraterrestre che è servita per realizzarlo, ma dalla superlega zeta scoperta da Juzo Kabuto. Questa è basata su di un nuovo elemento, il Japanium, scoperto da Kabuto in uno strato roccioso risalente all'epoca glaciale  nella zona vulcanica del monte Fuji. Senza di essa, infatti, il Maziger Z non sarebbe stato diverso dai mostri meccanici che Hell gli avrebbe scatenato contro nel tentativo di distruggerlo e impadronirsi quindi del Giappone e del mondo intero.

La sede di Mazinger Z sarà il centro di ricerche fotoatomiche diretto dal professor Yumi, allievo ed amico del prof. Kabuto. A sostenere Mazinger Z guidato da Koji ci sarà Afrodite A, robot con fattezze femminili costruito da Yumi e guidato dalla sua figlia Sayaka. Nella 92esima puntata le forze terrestri riusciranno a sconfiggere Hell, ma ci sarà poco tempo per gioire. Alcuni membri della antica civilità di Micene sono riusciti a sopravvivere nel corso dei millenni sfruttando la portentosa tecnologia che avevano appreso dagli alieni di Vega, ossia impiantare i loro cervelli e quindi le loro coscienze in giganteschi robot meccanici, che ora sono guidati dal generale Nero, un antico capo guerriero delle forze micenee. Ognuno di questi robot è caratterizzato da una grande testa posta all'altezza dell'addome che richiama le sembianze che avevano in origine quando erano semplici esseri umani. Sconcertato dalla sconfitta di Hell, il generale Nero ordina un poderoso attacco della sua armata di mostri meccanici originali di Micene. Mazinger Z è quasi sul punto di soccombere quando in suo aiuto arriva un nuovo robot molto somigliante a Mazinger, ma più grande e potente, il Great Mazinger pilotato da Tetsuja Tsurugi, il figlio adottivo di Kenzo Kabuto, figlio di Juzo e padre di Koji. Il generale Nero è sconfitto, ma le sue forze sono ancora integre. Le sue guerre contro i robot della famiglia Kabuto saranno al centro di un'altra serie leggendaria, quella di Great Mazinger che sarà di 56 episodi. Le vicende del popolo alieno guidato da Vega saranno al centro dell'anime di Goldrake.

I vegani cercheranno di conquistare la Terra dopo che i micenei avevano fallito e questa volta sfoderando la loro tecnologia originale, decisamente superiore a quella ibrida sviluppata e fornita per l'occasione ai micenei. I loro robot meccanici, infatti, erano stati sviluppati come forza lavoro anziché come automi di guerra. I vegani avevano un loro avamposto sulla Luna diretto dal generale Hydargos. Dal nostro satellite, infatti, gli alieni avevano osservato le vicende terresti e dopo la sconfitta dei micenei avevano preso la decisione di intervenire. Ad affrontare i mostri di Vega non saranno Mazinger Z e il Great Mazinger, non in grado di vincere la guerra, ma Goldrake, un robot guidato da un Duke Fleed, un principe della stella Fleed, un pianeta occupato e devastato dalle forze di Vega ansioso di impadronirsi della loro tecnologia. Duke Fleed riuscì a fuggire con il robot e a giungere sulla Terra. Qui viene raccolto e adottato dal dottor Procton, che concepirà una base dalla quale Goldrake si lancerà per attaccare le forze d'invasione di Vega. Ad assistere Duke, che Procton chiamerà Actarus, ci sarà Koji, che in questa occasione non guiderà Maziger Z ma un velivolo avanzato denominato Goldrake 2. L'anime di Goldrake, di cui sarà realizzato un manga così come per Great Mazinger, durerà 75 episodi al termine di quali le forze di Vega saranno sconfitte, ponendo fine alla loro influenza sulla Terra che durava da millenni. Actarus tornerà sul suo pianeta e la Terra vivrà un periodo di pace. I manga di Great Mazinger e Goldrake sono stati ristampati dalla Jpop. Kristoffer Barmen.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.