giovedì 9 marzo 2017

IL MITO DI HARUHI SUZUMIYA CONTINUA: IN ARRIVO LA QUINTA LIGHT NOVEL PER LA J-POP! FAN IN DELIRIO!!!

La Malinconia di Haruhi Suzumiya è una serie di light novel scritta da Nagaru Tanigawa ed illustrata da Noizi Ito, di cui il primo volume è stato pubblicato in Giappone nel 2003 dalla Kadokawa Shoten. Una light novel è un romanzo illustrato tipico della cultura giapponese con le caratteristiche estetiche e lo stile di un manga. La stesura del testo è simile a quella di un romanzo, ma all'interno sono presenti illustrazioni create dagli scrittori stessi o da un character designer oppure talvolta anche da un mecha designer, il cui compito è quello di fare da illustratore. La Malinconia di Haruhi Suzumiya ha avuto un enorme successo in Giappone, tanto che l'editore ha dato vita a due serie manga di tipo shōnen pubblicate nella rivista Shōnen Ace. La prima è durata lo spazio di un solo volume, mentre la seconda si concluse nel 2013 arrivando al 20esimo tankōbon (volumetti 13x18 di circa 200 pagine). In Italia il manga è pubblicato dalla J-Pop, divisione della Edizioni BD che si occupa di pubblicare serie di fumetti orientali. Il primo numero è uscito nell'ottobre 2011 e finora sono stati pubblicati 20 volumetti.
 

Haruhi Suzumiya è considerata strana dai suoi compagni di classe. Durante la sua presentazione mette in chiaro che non vuole avere a che fare con semplici umani, ma solo con alieni, viaggiatori del tempo o esper. Ritenendola folle, tutti le stanno alla larga, ma Kyon, incuriosito, le rivolge la parola e da quel giorno il ragazzo diventa la persona più vicina ad Haruhi, tanto che i suoi compagni di classe pensano che i due stiano insieme. Visto che Haruhi lascia ogni singolo club scolastico in cui entra, Kyon gli suggerisce di crearne un suo personale. Nasce così la nota Brigata SOS, club a caccia di fenomeni paranormali. Arrivano nuovi membri: Yuki Nagato, una taciturna lettrice, Mikuru Asahina, la cui caratteristica è quella di avere delle tette enormi e Itsuki Koizumi, uno studente appena trasferito. Queste tre persone sono un'interfaccia umanoide creata da forme di vita incorporee chiamate entità integrate di dati, una viaggiatrice del tempo e un esper. Tutti e tre hanno il compito di studiare la ragazza e rivelano questa missione solo a Kyon e gli confidano la verità sulla autentica natura di Haruhi.
 

Il successo ha presto creato le basi per la nascita di serie anime prodotte dalla Kyoto Animation e diretto da Yutaka Yamamoto. La prima stagione di 14 episodi è andata in onda nel 2006. In Italia è arrivata nel 2008 grazie a Dynit. Nell'ottobre 2010 è stata trasmessa sul canale Rai4. Poche ore fa, J-Pop ha annunciato che è in dirittura d'arrivo la quinta light novel. Il titolo è La Furia di Haruhi Suzumiya, al momento in fase di correzione di bozze. Non sappiamo quando il volumetto sarà pubblicato, ma dovrebbe essere a breve. In patria il successo è stato totale. Haruhi è stata la prima light novel manga a raggiungere 1 milione di copie di vendita e l'anime televisivo ha bissato con un enorme impatto sul pubblico. J-Pop mette a segno un altro successo. J-Pop è l'editore che, attualmente, possiede le licenze di pubblicazione del materiale di Go Nagai dal maggio 2014 nella collana Go Nagai Collection, che ha proposto in eleganti volumetti l'opera completa del maestro dei robottoni giapponesi e di Devilman, di cui a breve uscirà la versione omnibus per la gioia dei fan. Ne abbiamo parlato qui. Edmund Freisler.

1 commento:

  1. La serie animata di Harui Suzumiya secondo me è emblematica dello strano mercato che anime e manga hanno in Italia. Eravamo alla fine del 2008 e Dynit cominciava a distribuire uno dei prodotto più apprezzati degli ultimi anni, in grado di vantare schiere di fan anche da noi, che non perdevano occasione per esibirsi nella Harui Dance nelle varie fiere sparse per il bel paese. Ero sinceramente convinto che questa proposta avrebbe sbancato e aperto la strada ad altri prodotti simili, invece fu l'esatto opposto. L'imprevedibile e schizofrenico mercato anime italiano condannò la serie a vendite deludenti, un flop inatteso e ingiusto, vista la qualità dell'edizione Dynit: per chissà quale ragione i fan italiani non acquistarono i dvd ed anche i vari passaggi televisivi su RAI 4 e in rete su Popcorn TV non hanno lasciato il segno, così ad oggi seconda serie e film di Harui rimangono un miraggio per l'Italia, a conferma che alla maggior parte degli "appassionati" nostrani bastano scansioni e fansub...

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.