venerdì 12 maggio 2017

PROFESSOR BENJAMIN LOVE! IL SUCCESSO DELLA NUOVA CREATURA HORROR NATA DALLA FANTASIA DI CORBETTA

Da qualche mese nel mondo del fumetto italiano, dilaniato da una crisi senza precedenti e da lotte di potere tra gruppi di fumettisti, si è affacciata una nuova creatura. Il suo nome è The Professor, alias il professore Benjamin Love, un docente di esoterismo presso l'università di Londra negli ultimi due decenni del secolo XIX. Misteri, azioni, ottime trame e testi di grande livello fanno di questa serie un prodotto che si può considerare, senza ombra di dubbio, un oasi in un deserto. Finora sono usciti quattro numero più uno speciale numero 0 presentato alla mostra di Lucca 2016. L'editore è una faccia nuova: Erredi Grafiche con sede a Genova e molto attivo nell'ambito delle riviste di genere. Degli episodi pubblicati, due sono stati realizzati dallo scrittore Martigli e uno dal bonelliano Gianfranco Marzano, che era, prima che iniziasse la scellerata attuale gestione di Dylan Dog, uno degli autori di punta della squadra del curatore Gualdoni. Su Professor abbiamo dedicato interviste a uno degli artisti, Francesco Mobili e un'altra al creatore della serie, Andrea Corbetta. Avremmo voluto intervistare anche Marzano, il cui secondo episodio ci ha colpito in modo particolare. Finora, tuttavia, la storia del numero 4 è quella che si è delineata come la migliore.
 

L'impressione che abbiamo avuto, nel complesso, è quella di una serie che oggi si pone ad un livello superiore delle storie della Bonelli e di Astorina. Il fatto è sorprendente se si considerano le differenze di risorse. Andrea Corbetta ha fatto un ottimo lavoro sotto il profilo organizzativo, radunando un ottimo team di fumettisti, giovani ed esperti. L'accoglimento sulla rete è stato buono e dal momento che le alte sfere del fumetto italiano non ne abbiano parlato ci fa pensare che The Professor sia andato molto bene anche come vendite. E' solo una impressione, ma se il nostro intuito ha colto ancora nel segno, abbiamo motivo di credere che il dato sia sulla stessa linea di altri prodotti più noti (per Bonelli il dato di nuove serie gira intorno alle 12-15.000 copie, mentre per gli altri editori il massimo delle vendite è 6-7.000 copie). Un altro elemento che ci ha fatto pensare in positivo è costituito dai mancati attacchi dei soliti santoni. Questi ultimi si scagliano come dei cani rabbiosi contro potenziali rivali, ma quando il tenore degli avversari è alto cambiano tattica e scelgono quella della indifferenza. Stessa cosa è successa con Omegha di Enzo Troiano per Giochi Uniti. Perciò non vediamo l'ora di leggere i numeri 5 e 6 della prima stagione di Professor! Al Plano.

5 commenti:

  1. io ho preso il primo numero e proprio non mi è piaciuto sia come testo che come disegni. Vedo che il mio edicolante praticamente non ne vende

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' approssimativo come giudizio.

      Elimina
    2. Sarà approssimativo ma io non faccio il critico. Compro molti fumetti e se mi piaciono continuo a comprarli se mi fanno schifo li smetto. E se dopo aver venduto 5 copie del primo numero ora il mio edicolante non ne vende qualcosa vorrà dire.....

      Elimina
    3. il primo numero non é esaltante proprio perché deve presentare un personaggio nuovo e darti un'idea di quello che può essere. Normale che ci sia tanta carne al fuoco. Peró con il tempo e con gli altri numeri..migliora e parecchio.. In particolare i numeri 2 e 3 sono interessanti,scritti bene e scorrevolissimi. Il numero 4 é interessante come storia disegni e approccio al personaggio. Io proverei a dargli una seconda chance. Recupera almeno il numero 2 ..non puoi farti un'idea leggendo solo il primo numero.

      Elimina
  2. Da quando ho letto il n.0 di presentazione ho letto tutti i 4 numeri,anche la previu'del numero 4...
    Ragazzi stiamo parlando di un fumetto che appena uscito parla di se e i giudizi sono positivi.
    Infondo mica hanno avuto 30 anni per migliorarsi...
    Che vadano anvantiiii!!!!

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.