lunedì 26 giugno 2017

ROBERTO RECCHIONI: DURO ATTACCO AL SIG. MATTEO STEFANELLI DIRETTORE DEL SITO DI FUMETTOLOGICA!!!

Negli ultimi tempi Roberto Recchioni ha abbassato molto l'asticella delle prese di posizione polemiche sui social. Forse dipende dal fatto che tra pochi mesi il suo contratto come curatore di Dylan Dog finirà (salvo, che non sia confermato). Oggi è stata l'eccezione. Non siamo ai livelli di quando espresse dei giudizi su Putin. Ne abbiamo parlato qui. O di quando espresse opinioni su alcuni noti autori. Ne abbiamo parlato qui. Questa volta l'affondo è stato riservato al sig. Matteo Stefanelli, direttore del noto sito Fumettologica. Nell'immagine del post che vedete sotto è riportato il pensiero, esteso e preciso, di Roberto Recchioni.
 

Da quello che si può dedurre, leggendo le sue parole, è che non abbia gradito la presa di posizione di Stefanelli, secondo cui la mancanza di bravi critici esperti di fumetto seriale è causata dalla mancanza di un buon fumetto seriale italiano. Se viene citato il fumetto seriale italiano pensiamo a Diabolik, a Tex, a Zagor, a Nathan Never, a Julia, ecc. Serie per le quali Recchioni non è, in questo momento, attivo. E allora perché ha attaccato M. Stefanelli, precisando che il suo sito, Fumettologica, è un sito che si basa sul clickbaiting e sui comunicati stampa copiaincollati dalle case editrici? Tutti i siti copiano i comunicati stampa!
 

E' la regola. L'editore diffonde un comunicato e si aspetta che i siti di informazione lo pubblichino. Il sito di Stefanelli fa quello che fanno gli altri. Anche noi, ma in casi molto rari, accettiamo di pubblicare comunicati stampa. Sul clickbaiting poi quale sito non pubblica notizie, che attirano l'attenzione generando i click che permettono di incamerare le entrate pubblicitarie? Lo facciamo anche noi con i nostri banner. Nella visione di Recchioni tutto questo assume una valenza dispregiativa. Nell'immagine del post che vedete sopra spiega, secondo lui, le ragioni della posizione di Stefanelli. E anche stavolta il motivo è soggettivo.
 

Secondo lui ciò è dovuto al fatto che la Bonelli non invia più PDF gratis a Fumettologica. Lo deduciamo dall'uso del plurale. Dice Recchioni: abbiamo smesso di mandargli (...). Come se la decisione di non mandare più PDF gratis a Fumettologica fosse stata presa dalla Bonelli! Tra la Bonelli e Fumettologica non corre buon sangue? E anche se fosse? Fumettologica fa critica. Un sito che fa critica non può essere amico o sodale di un editore. In caso contrario, assumerebbe un atteggiamento servile che con la critica non ha nulla a che vedere. La posizione di Recchioni è strana. Il rapporto tra Fumettologica e la Bonelli era buono.
 
Nel 2012 e nel 2014 lo stesso Stefanelli aveva pubblicato dati di vendita della Bonelli, asserendo di averli avuti da Davide Bonelli (il boss) e dall'allora direttore editoriale Marcheselli. Dati che spesso abbiamo citato nei nostri articoli perché ufficiali e quindi incontestabili. In questo sito viene spiegato come Stefanelli, professore presso l'università Cattolica di Milano, conduce il suo lavoro. Nel 2014 qualcosa comincia ad incrinarsi. Pochi mesi prima Roberto Recchioni era divenuto curatore di Dylan Dog e inizia a proporre la serie Orfani. In entrambi i casi il sito di Fumettologica ha mantenuto un tono assai critico.
 
Un tono che a Recchioni non deve essere piaciuto. Dal 2014 in poi Stefanelli non ha più fornito dati di vendita della Bonelli. Presumiamo quindi che da allora il rapporto tra l'editore e il sito si sia interrotto. Altrimenti, Recchioni non avrebbe scritto quei post. Con ingenuità il Recchioni ha risposto alla affermazione di Stefanelli alimentando la convinzione che il direttore alludesse alla sua serie Orfani per sostenere che la mancanza di buoni critici del fumetto seriale dipende dalla mancanza di buoni fumetti seriali. Recchioni ha sbagliato. Ha messo in piazza ciò che tutti sapevano, ma che adesso nessuno può più fingere di ignorare.
 
Crediamo che Recchioni non ha mai gradito il fatto che M. Stefanelli nel 2014 abbia rivelato al mondo che Orfani, serie con cui il curatore di Dylan Dog aveva dichiarato di riempire il San Paolo, dopo poco più di 4-5 mesi dalla uscita del primo numero, girava sulle 29.000 copie. Poche settimane fa il Bottero ha rivelato che Orfani vende ormai 10.000 copie e ciò spiega perché la Bonelli ha deciso di non mettere in preventivo altre stagioni dopo la sesta. E non commentiamo le altre affermazioni di Recchioni sul conto di Stefanelli, il quale saprà come rispondere. Di certo, con queste parole, la posizione della Bonelli si fa difficile.
 
Parole con cui Recchioni ha ribadito la forza della sua posizione all'interno della casa editrice, che ora non può nemmeno smentire. Se lo facesse, incrinerebbe la posizione del curatore di Dylan Dog e a Scalvi non farebbe piacere. E' Sclavi il padrone di Dylan, almeno fino a quando la Bonelli deciderà di pubblicarlo. Cosa accadrà ora? Nulla. Fumettologica continuerà a fare ciò che ha fatto finora. Repliche non ci sono state, né dal sito né dalla Bonelli. Le parole di Recchioni non hanno prodotto un effetto esternamente percepibile. Ed è giusto che Fumettologica mantenga la sua indipendenza e autonomia di giudizio critico. Al Plano.

3 commenti:

  1. Fumettologica e' uno dei siti di fumetti migliori in circolazione. Come al solito RR se la prende con quelli che hanno idee diverse dalle sue ma lo fa senza mai avere un confronto costruttivo o comunque educato e adulto. Sempre trattando gli altri come imbecilli dall alto della sua cattedra sulla quale si e' messo da solo.

    RispondiElimina
  2. Infatti, questi attacchi biliosi denotano problematiche personali, è evidentissimo, che invece di scaricare nel web dovrebbero essere messe a punto in altre sedi senza ammorbare la rete. Stefanelli e il sito che dirige sono fra i più puntuali osservatori di Fumetto in Italia. Attaccarli vuol dire, come sempre, cercare una visibilità che non si puo' ottenere con meriti propri legabili alla propria capacità di autore, francamente molto scarsina, anche inferiore a quella umana che dimostra con le sue esternazioni. Archiviamo questa brutta pagina scritta da chi non sa stare al suo posto e che, più in generale, non sa lavorare..

    RispondiElimina
  3. Tra l altro lo stesso RR nell ultimo post sul suo sito internet,datato aprile 2016, parlava proprio di problemi d3l fumetto seriale italiano a livello di scrittura. Pero se lo dicono altri, scatta l attacco.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.