domenica 30 luglio 2017

FANTASTIC FOUR: I VERI MOTIVI DELLA SUA CHIUSURA? LE PRESSIONI DELLE LOBBY GAY E DELLA FOLLIA GENDER

Che fine hanno fatto i Fantastici Quattro? Non stiamo parlando di una serie qualsiasi. Per i più giovani e non avvezzi al mondo Marvel nato dalla fantasia di Stan Lee e dal suo team di autori ebrei, Fantastic Four è la serie con cui, nel novembre 1961, è nato il Marvel Universe di oggi! Qualche mese prima il boss della casa editrice, Martin Goodman (un altro ebreo) aveva convocato Lee (vero nome Stanley Lieber) nel suo ufficio. C'era un titolo della concorrente DC Comics che stava vendendo più degli altri. Quel titolo era la Justice League. Goodman voleva sapere cosa ne pensava il suo redattore-capo. Fu così che Lee si mise a lavoro e con l'aiuto di Jack Kirby creò i Fantastici Quattro, l'archetipo di tutti i supereroi con dei superproblemi. Fu un successo. A differenza di Batman e soci, gli FQ usavano i loro visi in pubblico. Tutti sapevano dove abitavano e le minacce che affrontavano non erano meno pericolose di quelle della Justice League. La forza degli FQ risiedeva nel fatto che il gruppo era una famiglia. Johnny e Sue erano fratelli. Sue era fidanzata di Reed (poi l'avrebbe sposato) e Ben era amico di tutti.
 

Gli FQ hanno avuto nel corso degli anni alti e bassi, grandi e piccoli cicli, ma i lettori sapevano che ogni mese avrebbero trovato nei comic store il loro albo. Poi nel 2014 la magia si è rotta. La Marvel ha chiuso la serie dei Fantastici Quattro. Sui motivi si è molto speculato. Non certo per le vendite. Ancora oggi l'editore di New York tiene in vita serie che non vendono un cazzo. Serie pessime, secondo noi, con il solo fine di fare propaganda per le lobby che alimentano il traffico di immigrati, gli interessi dei deviati sessuali (quelli che chiamano soggetti lgbt) e l'ondata di ispanici che affollano il confine meridionale. Trump ha promesso che avrebbe sistemato le cose. Stiamo ancora aspettando. Con l'evento Legacy le speranze dei lettori si sono riaccese. Tra le nuove serie annunciate, c'è Marvel-Two-in-One, mitica collana degli anni settanta che vedeva la Cosa in team-up con personaggi diversi ogni numero o saga. Un indizio per il ritorno della serie degli FQ? Manco per il cazzo. Da qualche tempo la dimensione familiare è stata appaltata al gruppo dei Difensori, con Luke Cage e Jessica Jones sposi felici.
 
Però, mentre Reed e Sue erano bianchi, Luke e Jessica no. Luke è un negro. Jessica è una bianca. Capito il messaggino? Nella logica distorta di sinistra di Alonso e soci, si chiama integrazione razziale. Fanno tanto per convincere la gente che le razze non esistono e poi pubblicano fumetti per far capire ai lettori giovani che negri e bianchi possono convivere e sposarsi. Quello che non dicono è che così facendo si distrugge l'identità e la cultura di gruppi. Tom Brevoort, numero 2 della Casa delle Idee, al termine di Secret Wars nel 2016 ebbe la faccia tosta di dichiarare che la chiusura dei Fantastici Quattro dipendeva dal fatto che, a differenza degli X-Men, i lettori non si identificavano più nel gruppo! Ok, era una cazzata grossa come un palazzo di 50 piani. Ma lì per lì nessuno ci fece caso. La serie vendeva in media circa 30.000 copie. Poche, ma non tali da giustificare la chiusura. Secondo Brevoort gli FQ erano roba vecchia, da pensionare. Il nuovo modello di famiglia doveva essere interraziale, tanto che nel film degli FQ della Fox fecero interpretare Johnny Storm a un attore negro. C'è ancora chi ride!
 
L'ultimo scrittore ad occuparsi del gruppo è stato Jonathan Hickman, quello di Secret Wars III. Secondo lui, Breevort non ha detto la verità. Non c'è stata alcuna sconnessione tra il pubblico e gli FQ. Le idee di famiglia, futuro ed esplorazione sono universali e nella Marvel non c'è niente che non possa prestarsi ad essere modificato, ma non cancellato. L'ipotesi più accreditata della chiusura dei Fantastici Quattro sembrerebbe legata alla vicenda dei diritti media dei personaggi ceduti alla Fox. Secondo questa teoria, poiché i film degli FQ della Fox sono stati un flop e non si sono radicati nella visione dei giovani, la Marvel ha preferito bloccare le serie a fumetti! Hickman non ci sta. Secondo lui si tratta di una sciocchezza. I rapporti tra Marvel e Fox non c'entrano un cazzo. I veri motivi della chiusura degli FQ sono altri e secondo noi dipendono dalle direttive delle lobby gay e pro-gender. Questi deviati vorrebbero che nei fumetti fosse lanciato il messaggio secondo cui è normale che due uomini si sposino. Non posso avere figli tra loro? Non c'è problema. In loro aiuto arriva l'inseminazione artificiale!
 
Una donna presta il suo utero. Passano nove mesi. Partorisce e consegna il piccolo nelle mani di questi depravati. Le unioni gay sono una aberrazione perché privano un bambino della presenza di un padre o di una madre nella famiglia. Anche il matrimonio è malvisto da questa gente. Di recente, Jessica Drew, alias la Donna Ragno, si è fatta inseminare artificialmente e ha partorito un bambino che ora cresce insieme ad un ex-criminale. Tutto normale? Manco per il cazzo. La Drew non è lesbica. Secondo le follie che gli autori gli fanno dire nel fumetto, lei ha sentito il bisogno di essere madre! Ok, sposati cazzo! Come fanno tutte le donne. No. Si fa inseminare e il bambino gli viene servito su un piatto d'argento. E quando quel bambino, una volta cresciuto, chiederà alla stronza: chi è il mio papà, lei cosa risponderà? Una cosa tipo: sai, ad un certo punto, ho sentito il bisogno di fare la mamma e ti ho comprato in una banca del seme! Purtroppo, le lobby lgbt stanno premendo sulla Marvel e i risultati sono questi. Legittima la rabbia di Hickman, che sugli FQ ha speso tanta energia. Edmund Freisler.

11 commenti:

  1. E' una cosa che ho sempre pensato, quella sui Fantastici Quattro.

    In effetti, al giorno d'oggi personaggi simili sono scandalosi, ributtanti, improponibili. E in effetti è orribile: loro sono una famiglia normale, pensa, composta da una donna e un uomo. Assurdo. Ma quando mai si è vista una simile abominazione? Le famiglie oggi non sono più così! Devono essere di mille tipi, omo, etero, anche uomo e scimmia, uomo e cadavere, e altre porcherie, ma che sono bellissime al giorno d'oggi e chi dice il contrario è un bigotto che non capisce niente.
    Reed e Sue hanno fatto insieme un figlio nel modo normale senza ricorrere alla inseminazione artificiale? Depravati!!
    Ne hanno fatto addirittura DUE? IRRESPONSABILI! Con la sovrappopolazione che incombe! (che quella della sovrappopolazione è una balla grossa come una casa, basta guardare un Atlante, ma nessuno ci crede perchè nessuno apre un Atlante).
    Sue sta a casa a badare ai bambini? PAZZA! Tutte le donne vanno a lavorare, quella depravata di Sue deve scaricare i pargoli a scuola per 24 ore come fanno tutti e, una volta libera da quei pesi, andare o a folleggiare o a fare la manager!
    Sue non si arrabbia col marito? Non lo picchia? Non si separa da lui? Non divorzia? GLI VUOL BENE? Ma è pazza, ma cos'ha in testa?
    Reed è fedele a Sue e non se la spassa con altre donne? Ma è sessualmente deviato, questo qua?
    I bambini non fanno i capricci e ascoltano i genitori? Ma quando mai si sono visti dei mostri simili?
    E' proprio vero, una serie come i Fantastici Quattro non può piacere al giorno d'oggi, dove la vera porcheria è considerata normalità.

    Grazie a Dio esistono ancora famiglie vere e normali come quella di Reed e Sue, anche se non fanno notizia e sono viste come persone strampalate da tutti. E queste trovate da depravati della Marvel non faranno certo vendere delle copie, visto che sono idee lontanissime dalla gente e dal buon senso comune.

    RispondiElimina
  2. Assurdo cancellare la serie che ha iniziato il Marvel Universe. Solo perché una famiglia bianca. Se fossero stati neri sarebbe stato diverso. Altrettanto assurde le pretese di gay e lesbiche di essere genitori. Due uomini o due donne non possono generare, non è previsto dalla natura! Come si può accampare un diritto su una cosa che non esiste? Allora tutti noi abbiamo il diritto di essere alti 1,90, per dire... o di non morire... siamo in tempi di follia, purtroppo, dove la ragione ha perso la bussola. Il buonsenso non esiste più. Volendo imporre il loro pensiero unico, pro islam, pro gay, ecc., fanno diventare razzista anche chi non lo è mai stato. Per reazione.

    RispondiElimina
  3. La Marvel non pubblica nessuna serie dei Fantastici Quattro per il fatto che la Fox detiene i diritti sui relativi film? Balle. La Fox detiene i diritti anche sui film X-Men, non per questo hanno smesso di pubblicare questi personaggi. Sono d'accordo con voi.

    RispondiElimina
  4. Potrebbero rilanciare i FQ alternativi, due uomini gay sposati tra loro, un nero (che va sempre bene) e una lesbica...

    RispondiElimina
  5. A)
    La Marvel ha provato a rientrare in possesso dei F4, non ci è riuscita (i dettagli della lite li trovate agevolmente in rete), è partita la circolare con cui si invitava gli autori Marvel a non usare i 4 personaggi se non previa autorizzazione dall'alto, a non realizzare commission, a non realizzare sketch da fiera con loro. Obiezione: e gli X-Men? Gli X-Men vendono, l'autocastrazione non sarebbe stata indolore. Cassare i F4, invece, non recava alcun danno alle casse della casa madre (che può del resto continuare a usare altri personaggi del mondo mutante nei suoi film, vedasi Deadpool)
    B)
    Il problema di Reed e Sue non è essere etero, sposati e caucasici, quanto genitori di mezza età, nati con un'impostazione per certi versi pre-Marvel. Non da oggi, infatti, sono si difficile gestione, e dopo l'era Lee-Kirby, il solo che ha saputo gestirli è stato Byrne, il loro adepto e cantore. Pensateci. Medusa, sostituzione di Reed con la sua versione della controterra, ringiovanimento di Wolfman, defezione di entrambi, "morte" di Reed... la storia dei F4 è la storia di una serie di sceneggiatori che DA DECENNI si sbizzarriscono per non avere tra i piedi la coppia ingestibile.... un 50enne barboso (nel 61 era un reduce della seconda guerra mondiale, oggi ha un figlio adolescente, fatevi due conti) e una responsabile (barbosa) sciura di mezza età abituata a fare la mamma al fratellino sin dall'adolescenza. CHE NOIA (supereroisticamente parlando).
    C)
    Evitiamo di beatificare Sue... con ogni tot si ritrova tra le braccia di Namor! Zoccola! Che, me lo ricordo solo io?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serie vende. E' storica. E' andata avanti dal 1961. Ci sarà pure un motivo. Se si riescono a scrivere storie interessanti (a volte) di Hulk e Thor... Se la Marvel puo pubblicare the Unbeatable Squirrel Girl (l'imbattbile ragazza scoiattolo)... E' stata tutta una decisione dall'alto, apparentemente presa dal signor Ike Perlmutter... per motivi che sa lui. Su Bleeding Cool dice "the FF sales then outsell most other Marvel sales now" gli FQ vendevano piu (nel 2014) della maggior parte delle serie oggi. Sempre da Bleeding Cool " From August 2012, it is a mid-level title and, as well as FF, outsold Wolverine and Daredevil." cioè vendeva più di Wolverine e Daredevil!
      Poi se vuoi per forza credere alla versione "officiale" che viene dall'alto fai pure.

      Elimina
  6. versione ufficiale, errore di sbaglio :-)

    RispondiElimina
  7. - La versione non è ufficiale, è ufficiosa, e supportata da numerosi indizi, confermati anche da autori fuoriusciti dalla Marvel, ergo svincolati da ordini di scuderia. Interessante, no?
    - Anche Shazam, o Capitan Marvel che dir si voglia, era una serie storica, che vendeva Superman e Batman messi insieme. Quindi?
    - Un mid-level title, mediamente tale da decenni, è un titolo che può essere chiuso in modo sostanzialmente indolore, appunto. E Daredevil e Wolverine non sono al centro di una contesa per la sola vera fonte di dinero del genere supereroistico. Una famiglia di supereroi... figuriamoci se alla Disney non fa gola una situazione simile (pensa agli Incredibles, diamine!!! ritrovo di neg(r)i e omosessuali pure quello?
    - Poi se vuoi per forza credere alla speculazione "complottistica"... fai pure (perdonami ma ci stava!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shazam non centra niente. Ma l'internet è cosi.

      Elimina
  8. Shazam vendeva più di Superman. La DC a quel punto ha fatto causa per plagio alla casa editrice Fawcett, visto che Shazam (Captain Marvel) era un diretto concorrente di Superman. Forse l'unico personaggio ispirato a Superman che l'ha superato a livello di vendite. DC ha vinto la causa. Shazam ha dovuto chiudere. Se il processo fosse andato diversamente forse oggi non esisterebbe Superman, e tutti conoscerebbero Shazam.
    In ogni caso sollevo il dubbio. Questo dei Fantastici Quattro mi sembra un caso senza precedenti. Avere un dubbio sulle motivazioni della cancellazione mi sembra più che legittimo.

    RispondiElimina
  9. Nel nostro piccolo parliamo di storia del fumetto, proviamo a ricostruire (non pretendo di detenere il Verbo, aiutami)... che io ricordi, non ci furono obblighi di chiusura. La causa era ancora da definire in molti aspetti, il personaggio poteva addirittura essere considerato salvo nel suo complesso, rinunciando a qualche caratteristica da definire. La Fawcett rinunciò però a questa seconda fase, nonché alla possibilità di fondatissimi ricorsi, in quanto disinteressata per via delle scarse vendite. Sotto questo punto di vista trovo concorde ogni fonte. Del resto, prova ne sia il numero di testate della Marvel family chiuse negli anni precedenti il '53 (teoricamente non toccate dalla contesa), il fatto che si fosse provato a trasformare il Formaggione Rosso in un fumetto del sovrannaturale per agganciarlo ai nuovi trend, o ancora la cessione di altri personaggi alla Charlton.
    La Golden Age era finita, indipendentemente da ogni processo. Capitan America, per dire, chiuderà nello stesso periodo, e così la quasi totalità delle testate supereroistiche National/DC.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.