.post-body img { max-width: 500px !important; width: espression(this.width>500 ? 500: true;) height: auto!important; }

sabato 17 marzo 2018

CON METAL LA DC RIUSCIRA' A COSTRUIRE LE BASI PER UN UNIVERSO COSMICO COME GIA' FATTO DALLA MARVEL?

Alla DC Comics manca una sezione di personaggi cosmici. Mentre la Marvel ne ha tanti nati dal grande lavoro svolto da Stanley Lieber, Steven Ditkovich e Jim Starlin e altri (Galactus, i Celestiali, I Guardiani della Galassia, ecc.), alla casa di Superman e soci sono sempre stati carenti nonostante la presenza di big come Lanterna Verde e i Guardiani dell'Universo, Legione dei Supereroi, legionari vari, Rebels, Darkstars, ecc. Sono mancate le idee per inserire questi personaggi in un contesto più coeso. Adesso sembra che le cose stiano per cambiare. Il punto di partenza nel cosmo DC per la creazione di un universo di personaggi cosmici è dato dal concetto di Multiverso. La sua eliminazione con Crisi sulle Terre Infinite potrebbe essere stato il più grave errore commesso dall'editore americano dal 1985 ad oggi. Dal 2005 in poi si è cercato di ricostruirlo e dopo alcune false partenze, la rinascita c'è stata con Multiversity di Grant Morrison da cui sono derivati progetti come Forever Evil e Darkseid War che hanno permesso di esplorare nuovi mondi ultra-dimensionali come Earth 3 dove sono state scoperte le controparti malvagie della Justice League o Angor su Earth 8. Di recente, Superman ha scoperto Bizzarro su Earth 29. Anche il bravo Scott Snyder ha fatto bene. Insieme a Greg Capullo ha introdotto un universo Dark degli eroi DC con il mega-evento Metal, che ha permesso di lavorare su idee e concetti innovativi. Non sappiamo quale sarà il destino dei nuovi personaggi né dell'universo Dark, ma sarebbe un peccato se tutto si chiudesse con la fine della saga. Anche con i Nuovi Dei sono stati posti pilastri importanti per costruire una linea cosmica più coesa, sebbene, come per lanterne e legionari, i concetti non sono mai stati sfruttati come è capitato alla Marvel con Silver Surfer, Thanos, Galactus e soci. In Sideways n. 2 in uscita in questi giorni nei comic store, abbiamo fatto la conoscenza di un nuovo personaggio, Tempus Fuginaut, che ha il potere di controllo del tempo e dello spazio e che sembra destinato ad acquisire importanza in futuro.


Dal momento che Derek James ha acquisito la capacità di viaggiare attraverso le dimensioni, causando un disturbo dell'equilibrio dell'esistenza, sarà compito di Fuginaut gestire la situazione come avrebbero fatto un tempo i Monitor prima di essere spazzati via da Crisis del 1985. Altri indizi della costruzione di un universo cosmico della DC sono stati rinvenuti in Justice League nn. 25 e 26, dove abbiamo fatto la conoscenza di un certo Adjudicator, un misterioso nemico di Wonder Woman dei primi anni '80 dotato del potere di decidere il destino delle realtà alternative. Dopo che Angor è stato distrutto, Adjudicator deve stabilire se questo mondo merita di rinascere o meno. Siamo all'inizio della nascita di un nuovo multiverso cosmico della DC? I primi passi sono stati mossi, ma c'è bisogno di maggiori sforzi da compiere. Scott Snyder ha rivelato che l'identità del misterioso prigioniero di Batman che Ride sarà rivelato in Metal n. 6. Si ritiene che si tratti di Nix Utoan, l'ultimo dei Monitor. In The Terrifices n. 1 abbiamo visto una grossa entità molto simile a Galactus, che diventerà il pezzo forte della testata. A maggio 2018, in Justice League: No Justice saranno introdotte le varie incarnazioni cosmiche di Mistery, Entropia, Wonder e Wisdom. A giugno invece debutterà The Unexpected di Steve Orlando e Ryan Sook, che esplorerà le realtà alternative all'interno dello stesso multiverso. Resta la domanda che ci siamo fatti all'inizio di questo pezzo. La DC sarà in grado di sfruttare tutte queste idee per costruire una linea di personaggi cosmici da sfruttare nel contesto di eventi ad hoc come la Marvel ha fatto e sta facendo dagli anni '60? O tutto si disperderà come al solito? Qualcuno osserva che la DC Comics non dovrebbe imitare la Marvel nelle sue strategie bensì creare concetti innovativi. E' anche vero che la Marvel ha creato il suo universo di supereroi copiando le versioni DC! I Fantastici Quattro sono stati copiati di sana pianta dagli Esploratori dell'Ignoto. Daredevil da Batman. Quicksilver da Flash e tanti altri ancora. Al Plano.

2 commenti:

  1. Come sempre, rompo con occasionali quisquilie: Namor è del 1939, Aquaman del 1941.

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.