.post-body img { max-width: 500px !important; width: espression(this.width>500 ? 500: true;) height: auto!important; }

lunedì 30 aprile 2018

NAPOLI COMICON 2018: IL 79ENNE CLAUDIO NIZZI RICHIAMATO NEL TEAM DI SCRITTORI TEXIANI DA M. BOSELLI!

Al di là dei noiosi firmacopie, tanto odiati dai fumettisti nostrani costretti a firmare gratis albi e volumi, che dopo poche ore vengono rivenduti su eBay a peso d'oro, il Comicon 2018 è stato utile poiché ha permesso di diradare le nubi sul futuro immediato di Tex. Aquila della Notte è l'unica serie Bonelli che nonostante i quasi 7-8.000 lettori persi ogni anno secondo stime ufficiose in parte confermate dal curatore Boselli (in un intervento su Giornale Pop di Sauro Pennacchioli) consente di mandare avanti la baracca con circa 170.000 copie vendute ogni mese dell'albo inedito (al secondo posto, Dylan Dog in caduta libera sotto le 78.000 copie). Da quanto emerso annunci ufficiale sembra che sia difficile per Mauro Boselli trovare scrittori all'altezza della qualità che le storie di Tex richiedono per accontentare la platea di quei lettori, tutti o quasi ultracinquantenni che mantengono a galla la casa editrice milanese (le altre collane vanno dalle circa 28.000 copie di Zagor alle 8.000 di Martin Mysteré sempre secondo dati ufficiosi). Dove sono queste nuove leve che dovrebbero garantire il futuro di Tex Willer? Oggi è difficile trovarli perché scrittori in grado di scrivere storie in un certo modo non esistono e poiché Tex è legato ai suoi tempi e al suo modo di esprimersi (che la Bonelli non ha mai fatto evolvere e ora ne paga le conseguenze!) ecco che viene ripescato Claudio Nizzi, veterano immarcescibile, che alla veneranda età di 79 anni ritorna in pianta stabile nel team di autori texiani! Nizzi affiancherà Boselli e Pasquale Ruju formando il nuovo magico trio texiano del futuro!
 

Il più giovane dei tre è Ruju di anni 56. Valente scrittore e affermato giallista, sapiente sceneggiatore e bravo nella costruzione di trame avvincenti e moderne, ha definitivamente scalzato Tito Faraci, che pare allontanarsi dai lidi texiani. Tito Faraci dà il meglio di se nella cura dei testi, ma denuncia limiti evidenti nella articolazione delle storie e nella costruzione delle trame. Non abbiamo dubbi sul fatto che P. Ruju sarà il curatore texiano del prossimo futuro. Un altro che esce di scena è Giancarlo Manfredi (tranne una o due storie che si vedranno nei prossimi anni a cui lo scrittore milanese sta lavorando). Un panorama sconsolante quello di Tex, destinato a spegnersi insieme ai suoi autori e lettori storici. Un personaggio brillante, ma vecchio e oggi senza lettori giovani. Un personaggio che la Bonelli non ha mai fatto evolvere per timore di perdere lettori. Quei lettori si stanno tutti estinguendo per raggiunti limiti di esistenza fisica. Un personaggio dalle forme espressive così peculiari che non esistono scrittori in grado di rappresentarlo senza correre il rischio di snaturarlo. Ma è davvero così? Per quello che sappiamo dei criteri di selezione degli scrittori alla Bonelli, progetti e idee vanno presentati al leader maximo Mauro Boselli (il migliore scrittore di fumetti esistente in Italia). E' pur vero, però, che per scrivere alla Bonelli bisogna avere certe idee, pensarla in un certo modo (anche politico) ed essere disposti ad un certo costume. Gli scrittori, quindi, esistono. Dubitiamo, però, fino a quando i criteri di selezione non saranno cambiati che essi emergano. Gunnar Andersen.

2 commenti:

  1. Boselli si conferma grande autore e grande redattore...sbarazzandosi di Faraci, sicuramente un ottimo professionista, ma probabilmente lo sceneggiatore di fumetti italiano più sopravvalutato di tutti i tempi. Balza agli occhi la differenza tra lui e la dilettante (nel senso che non è un'autrice, ma la "solita giornalista" che "si occupa di fumetti") De Poli che a questo autore continua a offrire grandi spazi e i migliori disegnatori (Cavazzano in testa). Grazie al cielo, blog e forum taroccati non riescono a ingannare i redattori veramente preparati, ma solo i dilettanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido...aggiungo solo che, mentre Big Boselli si sbarazza di Faraci, Little De Poli si becca la Barbato...e poi magari si beccherà pure Recchioni (che col Tex di Boselli, guarda caso, sembra abbia avuto vita breve). Vi stupirebbe?

      Elimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.