.post-body img { max-width: 500px !important; width: espression(this.width>500 ? 500: true;) height: auto!important; }

lunedì 11 giugno 2018

BATMAN N. 145 (RW EDIZIONI)! MEGA-RECENSIONE! TIM DRAKE SARA' IL BATMAN DEL FUTURO??? FAN SHOCK!!!

Nella guerra tra un pazzo idiota e un astuto calcolatore non può che trionfare il secondo. Fin dall'inizio l'esito della Guerra degli Scherzi e degli Enigmi si poteva considerare scontato. Il vero mistero, però, non era questo bensì l'atto non perdonabile che Batman avrebbe compiuto in questo conflitto secondo lo scrittore Tom King, astro nascente dell'universo batmaniano dopo che Scott Snyder è passato a scrivere altre cose. Negli scorsi numeri abbiamo osservato il Cavaliere Oscuro affrontare in modo separato le due fazioni, facendo a pezzi gli sgherri dell'uno e dell'altro per poi mettersi dalla parte di Edward Nigma alias l'Enigmista. Abbiamo perfino visto Bruce Wayne invitare a cena i due criminali proponendo una sorta di accordo tra di essi. Altro che Trattativa Stato-Mafia. Nel cosmo DC ci vanno giù duro. E ora siamo arrivati alla resa dei conti finale. Batman e Riddler, grazie a Kite Man, hanno scoperto dove si nasconde il Joker. Il loro obiettivo è accoppare quel gran pezzo di merda prima che faccia altre morti e che ora si trova in cima ad un grattacielo. Arrivarci è difficile, anche se sarebbe più semplice evacuare il palazzo e bombardalo con i caccia. Ci prova prima Catwoman senza successo ad arrampicarsi lassù. Poi Kite Man suggerisce un'idea: perché non usare degli aquiloni simili ad alianti? Una fottuta idea che strappa un moto di rabbia perfino a Batman. Joker è finito. Batman e Riddler e un gruppo di criminali sono intorno a lui. Tutto finito? Macché. Il bello inizia adesso. Riddler si rivolge contro Batman. Dopo il Joker è lui il nuovo nemico da sconfiggere. Per quanto abile negli indovinelli e nella strategia, Riddler non è meno stronzo del Joker e perciò al momento cruciale il Kite Man attiva un meccanismo automatico negli alianti dei suoi uomini che vengono proiettati all'esterno a miglia di distanza. Nella stanza restano Batman, Riddler e Joker. Ed è ora che il Cavaliere Oscuro farà quella cosa che tanto scalpore pensa possa suscitare nel caso venisse resa pubblica. Tom King ha portato questa saga troppo per le lunghe, secondo noi. Se il suo obiettivo era far scontrare Batman e i due pazzi in un luogo chiuso perché non farlo fare durante la cena a Villa Wayne? Disegni come al solito stratosferici di Janin. La seconda storia dell'albo è tratta da una nuova saga di Detective Comics che risponde alla domanda: che fine ha fatto Tim Drake alias il Terzo Robin?
 

La cover della storia è già tutto un programma. Si vede Robin in cerchi di luce che si incrociano richiamando lo stesso effetto visto nel film Superman II mentre venivano processati Zod, Ursa e Non. Batman è venuto a sapere che il suo compagno di tante battaglie è ancora vivo, ma dove si trova ora? Nelle prime pagine vediamo Robin interrogato dal misterioso Mister Oz, che sappiamo essere niente meno che Jor-El, il padre di Superman. E' stato lui a rapirlo diversi numeri fa. Il suo scopo è sapere perché il ragazzo ha messo a rischio la sua vita per condividere con Batman la lotta al crimine. Tim ripercorre la sua vita recente a partire dal momento in cui scoprì la vera identità del primo Robin e quindi di Batman grazie ad una geniale trovata: solo tre acrobati al mondo potevano realizzare un salto come quello che lui vide in un circo. Da qui a collegarlo ai prodigi atletici del Robin il passo fu breve e se Dick Grayson era Robin, allora Bruce Wayne che lo aveva adottato era Batman! Questo non spiega il motivo per cui Tim ha scelto di essere il Terzo Robin. Jor-El gli rivela che lui da grande sarà niente meno che il nuovo Batman. Anche se lui protesta sa che si tratta della verità. Ha assunto le vesti del nuovo Robin per salvare l'equilibrio psichico di Batman dopo la morte di Jason Todd perché sperava, in fondo, di divenire lui stesso Batman. Quando riesce a sottrarsi alla stasi indotta da Jor-El lancia un messaggio di aiuto a Bruce Wayne. Pochi istanti dopo si ritrova davanti ad un personaggio in costume che crede essere Batman; in realtà è il suo io dal futuro divenuto Cavaliere Oscuro! Si segnala alle matite il bravo Eddy Barrows. La terza storia dell'albo è il classico tie-in dedicato all'evento Metal e per comprendere gli eventi bisogna prima leggere una prima parte apparsa sul numero della Justice League America di aprile 2018. Questo significa che la trama classica di Nightwing viene stravolta per ragioni di economia narrativa. Un portale dimensionale si è aperto sopra Gotham City e alcuni esseri mostruosi arrivano dal multiverso Dark della DC Comics. Versioni distorte e cattive di eroi e villain vari. Uno di questi è Mr Freeze potenziato da un oggetto forgiato nel metallo proveniente dalla dimensione oscura e collegato alla Corte di Gufi. Molta azione e poca trama per una storia in tono minore. Disegni pessimi di un irriconoscibile Paul Pelletier. Dimitri Temnov.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.