.post-body img { max-width: 500px !important; width: espression(this.width>500 ? 500: true;) height: auto!important; }

lunedì 2 luglio 2018

BATMAN IL CAVALIERE OSCURO N. 68! MEGA-RECENSIONE! METAL NON INGRANA! SNYDER: CHE HAI COMBINATO?

Nel secondo capitolo di Metal viene svelato qualche particolare molto più interessante della saga a conferma che Batman ne è il nucleo centrale come se Scott Snyder, appassionato di musica heavy metal, ne volesse omaggiare l'importanza pur non essendovene bisogno. I membri della Justice League hanno capito che Batman rischia di fungere da portale umano per l'approdo sulla Terra di un demone chiamato Barbatos proveniente da un multiverso oscuro a dimostrazione del fatto che esistono controparti sataniche del mondo reale. Una burla che si racconta in certi ambienti esoterici di cui forse fa parte anche Scott Snyder e da cui ha tratto, secondo noi, molti degli elementi di questa saga. L'arma migliore di Batman è la sua intelligenza. Con l'astuzia e l'aiuto degli altri componenti della Bat-Famiglia riesce a seminare tutti, tranne Superman e Wonder Woman, che apprendono da lui la tragica verità. Bruce racconta di una cerimonia chiamata Vestizione attraverso la quale il corpo del prescelto per la Traversata nel nostro mondo del demone viene inondato delle radiazioni di cinque metalli. Essi sono l'Elettro con cui è entrato in contatto durante la saga della Corte dei Gufi, il Dionesio in occasione di uno scontro con Joker, il Promezio che era presente in una macchina costruita da Bruce dopo un nuovo scontro con Joker, il metallo Nth della Hawkman Family, mentre il quinto è stato forgiato, come riferisce il testo di Snyder, nella fornace esistente sotto le viscere di Gotham, il Batmanio! Viene svelato perfino il motivo per cui proprio lui, Bruce Wayne, è stato scelto come tramite per l'arrivo di Barbatos. Fu ai tempi in cui, dopo essere stato colpito dai raggi omega di Darkseid e spedito all'alba dell'umanità sulla Terra, venne notato da Barbatos, che lo scelse come suo tramite. Da allora, grazie all'aiuto della corte di Gufi, ha preparato Batman per questo scopo. Durante l'era dei primi uomini, però, Barbatos venne sconfitto dalla categoria degli Immortali di cui fa parte anche Vandal Savage. Adesso Bruce, nell'estremo tentativo di salvare tutti, vuole tornare indietro e cancellare quel momento. Nello zaino che porta con se, infatti, si nasconde il corpo di Darkseid neonato. In tal modo lui cancellerà egli stesso dall'esistenza sacrificandosi per il bene di tutti. Ma è troppo tardi. Gli Strigidi sono arrivati, la Vestizione è completata con l'unzione del batmanio e le versione oscure di Batman arrivano nel nostro universo. Ognuno di loro è Bruce Wayne e non ha buone intenzioni come scoprono subito Superman e Wonder Woman a loro spese. In questa storia Snyder presenta testi meno caotici dando l'idea che i vecchi deve averli redatti in un momento di esaltazione. I disegni di Capullo invece continuano a non convincerci. Troppo svagato, troppo poco impegnati. Greg, cosa ti sta succedendo? L'idea di disegnare demoni non ti aggrada, eh! Non era meglio creare una trama più originale anziché ricalcare ideali non certo positivi nei manuali dell'esoterismo, giusto per creare qualcosa di interessante?


La seconda storia dell'albo è tratta da una miniserie collegata a Metal. Mentre sta parlando con suo padre ai laboratori S.T.A.R., Vic Stone alias Cyborg riceve la visita sul satellite orbitante di un Batman proveniente da Terra-44 del Multiverso Oscuro o Dark Universe. Il computer non lo identifica come una minaccia. Dopotutto, si tratta di Bruce Wayne alias il Cavaliere Oscuro anche se arriva da un'altra dimensione. Cyborg ha appena il tempo di chiedere del motivo di quella visita che viene subito colpito da una scarica di energia. La storia si articola poi sui ricordi degli eventi che hanno portato questo Bruce Wayne a votarsi al male. Sul suo mondo ha perso Alfred, ma prima della morte di quest'ultimo aveva racchiuso i suoi schemi mentali in un software per usarlo nel caso in cui colui che considera come un padre fosse venuto meno. Il software, però, si rivela una versione distorta della persona che era Alfred Pennyworth e interfacciandosi con Bruce lo convince a lasciare la sua umanità e affrontare nel modo più drastico le sue paure. Batman si trasforma così in un assassino che uccide tutti i suoi nemici. La Justice League di questo mondo alternativo tenta invano di fermarlo. Tutti cadono sotto i colpi del Batman Dark, che adesso si presenta al Cyborg di Terra-0 come araldo di Barbatos. Una storia ordinaria scritta da Frank Tieri e James Tynion IV, però il vero elemento di clamore è rappresentato dai disegni di Riccardo Federici, artista italiano che si mostra con uno stile molto rispettoso delle anatomie ed elegante nelle costruzioni delle scene e espressioni dei volti. Esercizio che ha avuto modo di affinare dalle sue esperienze nel mondo del fumetto francese. Una colonna del mondo del fumetto italiano molto nota all'estero (mentre per trovare lavoro in Italia la strada è più facile se si riesce ad entrare in qualche cricca). La storiella di Batgirl conferma lo stampo giovanilistico della serie di Hope Larson. I disegni pessimi di Chris Wildgoose fanno da giusta cornice a questo disastro. Al di là della trama semplice e piatta basata sulla vendetta di un ex-insegnante del liceo di Gotham che, avendo subito un torto da Batgirl, cerca vendetta, l'episodio si fa apprezzare per la presentazione di un team del passato tra la stessa Batgirl e Dick Grayson nei panni di Robin. Più interessante, specie per i risvolti politici, è la storia delle Birds of Prey con la conclusione della saga della Terracare. Poison Ivy ha scoperto che un fertilizzante chimico prodotto dalla compagnia è letale per le api e per fermarne la vendita occupa la sede dell'azienda prendendo in ostaggio il suo manager e alcuni civili. Dopo la classica ramanzina di Batgirl e socie a Pamela Isly alias Poison Ivy consistente nel farle capire che fare i terroristi non è la strada migliore per far valere le proprie ragioni, la storia si chiude con un colpo a sorpresa: Barbara Gordon alias la vera Oracolo torna in scena e si mette a capo delle Birds of Prey come ai vecchi tempi. Pessimi i disegni della coppia Roge Antonio e Breno Tamura. Sven Blomqvist.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.