.post-body img { max-width: 500px !important; width: espression(this.width>500 ? 500: true;) height: auto!important; }

martedì 3 luglio 2018

TORNA BLEK MACIGNO A COLORI IN ABBINAMENTO ALLA GAZZETTA DELLO SPORT MA L'INIZIATIVA NON CI PIACE!

Abbiamo espresso un giudizio molto favorevole su Edizioni If per avere proposto la ristampa cronologia ed integrale di Kinowa di Andrea Lavezzolo. Abbiamo apprezzato la scelta di tenere duro nonostante le vendite non brillanti dei primi numeri. Ed abbiamo affermato che proseguire con le storie inedite prodotte in Turchia negli anni '60, sia stato qualcosa di eccezionale. La scelta di proporre Blek Macigno in un formato non popolare, invece, non ci è piaciuta per niente. La scelta di non puntare su un formato popolare come quello di Kinowa rischia di affossare il progetto. Kinowa è proposto in volumi in formato bonellide di 200 pagine a 5,90 euro. Per Blek, come potete vedere sotto, si è pensato ad un formato prestige in volumi brossurati di formato gigante con periodicità settimanale e a prezzi fuori mercato. Un prodotto solo per collezionisti che rischia di tagliare fuori chi per ragioni di portafoglio non compra questi prodotti. Un grave errore.
 

Finora gli unici volumi andati bene in questo formato sono stati quelli di Tex della Bonelli. Gli altri personaggi presentati in tal guisa si sono rivelati flop. Per cui non capiamo il motivo che ha spinto If ad avallare il progetto. Il primo numero costerà 4,99 euro per 80 pagine! La Gazzetta dello Sport fa parte del gruppo RCS di Urbano Cairo, proprietario di La7, canale divenuto rifugio della casta degli pseudo-intellettuali di sinistra sostenuta dal magnate ebreo americano George Soros, membro di Trilateral e del Bidelberg Group, che finanzia le ONG dietro il traffico criminale dei migranti dalla Libia. Ogni sera nello show di Otto e Mezzo di Lilli Gruber (membro invitato del Bidelberg insieme al giornalista Beppe Severgnini) si cantano le lodi dei migranti e ONG si dipinge in maniera negativa il governo Lega-M5S. Presentare Blek Macigno in abbinamento con la Gazzetta del gruppo RCS non è quindi una scelta che possiamo quindi apprezzare. Al Plano.

4 commenti:

  1. invece ottima scelta vediamo se al più presto vediamo la stessa cosa per Caputan Miky

    RispondiElimina
  2. il grande blek . capitan miki essegesse . l 'idea di riproporre i due eroi degli anni 50 non mi sembra cattiva . hanno una caratteristica inedita mi pare : la riproposizine a colori , anche se c'e' ne e' stata una altra a colori apag.alternate negli anni sessanta. credo tuttavia che potrebbe l'edizione possa incontrare difficolta' ,ma auguro fortuna al vecchio blek . il discorso sulla sette mi pare pretestuoso ed unilaterale . non credo vi siano sostanziali differenti dal punto di vista politico o culturale fra le varie correnti ,combriccole direi ,senza comunque fare generalizzazioni.

    RispondiElimina
  3. ho acquistato il nuovo numero di blek a colori . splendido nei colori ,nella restaurazione,e tutto sommato credo anche competitivo nel orezzo ,mi pare. iniziativa piu' moderna e al passo con i tempi . piu' competitiva della ristampa di kinowa. credo che la stessa iniziativa possa essere estesa a capitan Miki . auguro buona fortuna agli eroi degli anni 50 ,blek e miki. non sfifurano con i nuovi eroi e soggetti del duemila

    RispondiElimina
  4. In che date si puo trovare in edicola

    RispondiElimina

Il tuo messaggio sarà sottoposto ad approvazione dei proprietari e/o amministratori, gestori di questo sito. Se conterrà insulti, offese, minacce, intimidazioni, anche velate ed indirette ed altri contenuti offensivi o minacciosi, sarà segnalato all'Autorità Giudiziaria con conseguente presentazione di denuncia/querela.